Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Da che parte stare: Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino” as Want to Read:
Da che parte stare: Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Da che parte stare: Per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino

3.50  ·  Rating details ·  8 ratings  ·  2 reviews
Sono passati vent'anni da quando, nelle stragi di Capaci e di via d'Amelio, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono stati assassinati dalla mafia insieme agli agenti della scorta. Alberto Melis, attraverso le parole delle loro sorelle, Maria Falcone e Rita Borsellino, ricostruisce l'infanzia dei due magistrati con l'intento di ricordare ai ragazzi il loro esempio, ma anch ...more
Paperback, 126 pages
Published 2012 by edizioni piemme
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Da che parte stare, please sign up.

Be the first to ask a question about Da che parte stare

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-14
3.50  · 
Rating details
 ·  8 ratings  ·  2 reviews


More filters
 | 
Sort order
Chiara
May 27, 2018 rated it really liked it
Shelves: mansarda, bimbi
Falcone e Borsellino sotto un nuovo aspetto, quello di due bambini “normali” che sono cresciuti e sono diventati Grandi. Grandi uomini che hanno fatto cose importanti, e che dovrebbero essere conosciuti da tutti i bambini italiani. Proprio a loro si rivolge questo libro, e per questo se ne apprezza la semplicità..
paola
Aug 12, 2016 rated it liked it
3 e 1/2
Il racconto dei bambini che sono stati Paolo Borsellino e Giovanni Falcone - reso possibile dai preziosi racconti delle sorelle Rita Borsellino e Anna e Maria Falcone - inteso soprattutto a presentare queste sue figure ai bambini e - sebbene a volte il rischio agiografico incomba - sottolinearne soprattutto il loro essere stati bambini "normali" e uomini "normali", perché appunto la normalità è più avvicinabile è comprensibile rispetto all'eroicità in cui si tende a confinarli.
Jacopo
rated it liked it
Oct 23, 2018
Cinzia Riboldi
rated it it was amazing
Aug 04, 2018
Andrea Salviani
rated it liked it
Nov 20, 2016
Pier Lorenzo
rated it liked it
Aug 29, 2018
Debora Corno
rated it liked it
Feb 11, 2019
Paola Fenocchio
rated it really liked it
Aug 08, 2017
Anita
marked it as to-read
Aug 21, 2017
Vita
added it
Apr 24, 2018
Ale
marked it as to-read
Aug 14, 2018
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »