Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “The Accidental Woman” as Want to Read:
The Accidental Woman
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

The Accidental Woman

by
3.01  ·  Rating details ·  1,193 Ratings  ·  100 Reviews
Indifferent by choice, indecisive by nature, Maria ploughs her way through fifteen years of womanhood, unable to see what all the fuss is about. Will she ever be able to direct the course of her own life, or will it end as it began - accidentally? Jonathan Coe's first novel, which introduced a wonderful new talent to English fiction.
165 pages
Published (first published 1987)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about The Accidental Woman, please sign up.

Be the first to ask a question about The Accidental Woman

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-30
Rating details
Sort: Default
|
Filter
Plch
Aug 10, 2017 rated it really liked it  ·  review of another edition
Come si vede il libro mi e' piaciuto ma mi e'rimasto il dubbio: cosa sono gli asparagi di Gerusalemme che la protagonista in un'occasione cucina per i suoi amici? Non saranno mica "Jerusalem artichokes" (artichoke significa carciofo non asparago) ovvero dei topinambour? Un tonfo bizzarro da parte del traduttore che altrimenti se la cava benone.
Thais
Oct 09, 2012 rated it really liked it  ·  review of another edition
Maria avrebbe potuto risparmiarsi un bel po’ di infelicità – è difficile dire con esattezza quanta, al massimo non più di una vita intera, comunque.

Donna per caso, ovvero Una vita. Il breve romanzo di Jonathan Coe è semplicemente questo: niente avventure, niente colpi di scena, solo la storia di una donna. Ma non una come tante: Maria è un personaggio davvero singolare. Asettica, incapace di provare emozioni, quasi crudele a volte, è completamente in balia degli eventi. Maria fa ben poche scelte
...more
Aaron (Typographical Era)
(http://www.opinionless.com/book-revie...)

“The Accidental Woman” is author Jonathan Coe’s first novel and was until now the only remaining work he had written that I had yet to read. It isn’t as sprawling as “What a Carve Up!” is or so achingly perfect as “The House of Sleep” is, but it still has a unique charm all of it’s own, even if the subject matter presented is particularly bleak.

Maybe it’s just my opinion as a man, and I certainly would love to hear a woman’s take on this, but to me Jonat
...more
Ludovica
Aug 16, 2013 rated it really liked it  ·  review of another edition
Rieccoci qui, ancora alle prese con il tanto ammirato Jonathan Coe. E anche questa volta, c'è sempre quel certo non so che di indescrivibile che cattura l'attenzione del lettore senza possibilità (né oltretutto voglia, perché diciamocelo, perché mai dovremmo?) di ritirarsi a partita iniziata. Perché è così, una volta aperta la prima pagina si crolla, ti cedono le gambe, e cominci a camminare solo con quelle di Maria. Maria la protagonista, Maria il personaggio fittizio, Maria la parte più nascos ...more
Utti
Jul 09, 2018 rated it did not like it  ·  review of another edition
No, non ci siamo proprio. Ho preso questo libro dallo scaffale forse incuriosita dal titolo ma che enorme delusione. Donna per caso vuole essere un libro sull'incomprensione e sul non trovare un proprio posto nel mondo, ma cade nel banale e negli eccessi (neanche Candy Candy aveva tutte le sfortune di Maria). All'autore piace rileggersi e ammiccare al lettore. Che noia. Che bruttura.

[post scriptum: l'autore però negli anni si è rifatto, provare per credere]
Sara Booklover
Premetto con il dire che non mi è piaciuto questo libro. Ma non per la tematica trattata, che sarebbe potuta essere anche interessante, ma per il modo in cui l'autore ha deciso di esporla. Coe fin da subito decide di schierarsi contro la sua protagonista e questo suo continuo puntare il dito è stato controproducente. E poi perché questo titolo, "Donna per caso"? Il fatto che abbia scelto proprio una donna da colpevolizzare e mettere in croce non è un pochino sessista? Dato che poi ciò che è stat ...more
Ruth
Jul 21, 2014 rated it liked it
Maria is the accidental woman, a woman to whom things happen, with each step in life dictated by more powerful forces. A consciousness that starts with the memory of an accident in the hills on the outskirts of Birmingham, where she loses her family and scrapes her knee and knows the joy of being reunited, carries on in just that way. Maria is waiting to be found, indeed awoken, all through the story. She slumbers, while all around - friends, family, spouse - create their own narratives regardin ...more
Anni
Apr 12, 2014 rated it really liked it
Jonathan Coe is one of those authors with whom I know I will be in safe hands, no matter what the subject, but I agree with another comment here that this would not be the first novel of his to try. . Coe has an uncanny ability to write from a female perspective - I don't know of any other male author who comes close in this respect. I had originally assumed that the female protagonist was simply an extremely passive sort of female character, but reading other comments, I wonder whether she is m ...more
Katinka
Aug 11, 2017 rated it did not like it  ·  review of another edition
Trama inesistente, personaggi surreali nella loro superficialità/stupidità/perfidia e nel loro egoismo...
Maria arriva all'età adulta senza essere riuscita ad avere una sola relazione sociale e/o sentimentale sana...Conosce solo gente fuori di testa e lei stessa non è una gran simpaticona (ma è comunque cent'ori rispetto a tutti gli altri personaggi che incontra nel suo cammino).
Personalmente ho più volte pensato di abbandonarlo, e alla fine credo di averlo finito solo perché era lungo meno di 15
...more
Simona P.
Mamma mia! Il primo romanzo di Jonathan Coe... Brutto, brutto e brutto! E non tanto per la tematica in sé (la vita di Maria, persona dal carattere singolare che trascorre la sua esistenza senza colpi di scena, senza che succeda mai niente nel vero senso della parola, che accetta tutto con passività e che si lascia scivolare addosso qualunque tipo di problema) quanto per il modo di porsi dell'autore nei confronti del lettore, quasi stesse raccontando un pettegolezzo o un fatto di poco conto.
Decis
...more
Amy Lidbury
Aug 01, 2017 rated it liked it
Shelves: 2017-read
Quirky in the story telling with surprising turns as the narrator handpicks which anecdotes from Maria's life to relay and which to leave alone. Coe's style is witty and amusing, definitely want to read more of his others!
Leon
Jul 21, 2009 rated it really liked it
Shelves: borrowed
A very short book, so a novella, really, unlike Coe's immense 'What a Carve Up'. Very, very funny, even if the main character, Maria, is dead boring, if in real life. But in this book, Coe has another character, an omnipresent omni-everything narrator, telling us, right in our face, what is happening to Maria, in a very personal and conversational tone, like a friend whispering secrets. Like : 'Maria's state of mind is one of misery, a misery such that I cannot describe and you probably cannot i ...more
Suni
Mar 20, 2014 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Era il 1987 e Jonathan Coe, all'epoca ventiseienne, esordiva come romanziere con questo gioiellino.
La storia è quella di Maria, una ragazza di Birmingham che seguiamo dalla tardo-adolescenza ai poco più che trent'anni.
Maria ci viene presentata come una persona chiusa (ai limiti della sociopatia, per essere precisi), fredda, poco incline ad esprimere i suoi sentimenti, spesso addirittura incapace di provarne (perlomeno di forti). Una persona "assente", che si lascia trasportare dal corso degli ev
...more
Megalion
Aug 24, 2013 rated it really liked it  ·  review of another edition
A strange reading experience. I really enjoyed the narrative and writing style even if it made me cross-eyed at times.

However, Maria's story is of a kind that I see no point in reading about. I feel the same way about the main character in She's Come Undone by Wally Lamb but at least Maria isn't nastily inclined to other people, merely indifferent or practices simple avoidance of those she prefers not to interact with.

Story is barely a 3 star. Writing in terms of my enjoyment of its unique sty
...more
Andrea
Oct 05, 2009 rated it it was ok
Pointless ramifications of a woman with a dry sense of humour.
Galina
Mar 26, 2012 rated it liked it
Shelves: e-books
Well written book about nothing. But to my surprise it was fun reading it.
Simo
Oct 26, 2017 rated it it was ok  ·  review of another edition
Shelves: cartacei
Partendo dal presupposto che questo è il primo romanzo ed è datato 1987, diciamo che poteva andare peggio. La storia non mi ha particolarmente coinvolta, ma forse era proprio l'intento di Coe, presentandoci una donna assolutamente apatica e priva di slancio vitale o qualsiasi iniziativa. Devo dire che l'autore ha voluto un po' strafare con questa ironia ed esasperazione della rottura della quarta parete. Schierarsi contro il proprio personaggio, poi, rende la lettura ancora più lenta di quello c ...more
Giada Sanchini
Aug 09, 2017 rated it did not like it  ·  review of another edition
Questo libro non mi è piaciuto dall'inizio. Mi aveva incuriosito perché trovavo interessante l'apatia della protagonista, ma o Coe si è messo di impegno per comunicare anche la sua apatia in questo libro, o non aveva la minima voglia di scriverlo (e il fatto che sia così breve mi fa propendere per questa seconda opzione). La storia di Maria è inutile e inutilmente deprimente. Forse è un effetto voluto, forse Coe ha peccato di superbia o di inesperienza (ho appena appreso che è il primo libro del ...more
Lupurk
Aug 30, 2017 rated it liked it  ·  review of another edition
Shelves: 2010
Un giudizio a metà, perché qualche parte è un po' lenta e noiosa, ma si riscatta con altre più briose e divertenti. E' un Coe diverso dagli altri romanzi, ma temevo di rimanere maggiormente delusa, invece tutto sommato è stata una lettura piacevole. La storia non ha nulla di particolare, è la storia di una vita, nemmeno particolarmente interessante, o forse lo sembra perché la prospettiva rimane sempre abbastanza distaccata, pur lasciando intendere i sentimenti e le pulsioni che ribollono sotto ...more
Ксения Чистопольская
Сначала Коу изображает героиню, которой очень легко симпатизировать: это умная, но замкнутая, робкая девушка, которая одинока, потому что, черт возьми, в этом мире трудно найти родственную душу, если ты спокойный и уравновешенный человек. Но потом с ней происходят ужасные события, и начинаешь задумываться - что в ее характере спровоцировало такой поворот? Коу не оставляет нас с этим ужасом, он доводит героиню до принятия жизни: в какой-то момент она все же перестает быть сторонним наблюдателем с ...more
Martinis
Winifred era tutto ciò che Maria non era, e anche di più. Era una persona felice, aperta, fiduciosa e sicura di sé che credeva nella benevolenza di Dio, nella santità del matrimonio e nella bontà innata della natura umana. Era idiota anche in altri modi, comunque.
Laura
Oct 20, 2017 rated it really liked it  ·  review of another edition
Coe's first novel - I love his other stuff and this didn't disappoint. Short, pithy, funny - you can see him playing around with being a writer but he still manages to create a great character and interesting situations.
Colette Phillips
May 19, 2018 rated it did not like it
Was there a story to tell here. What a boring book.
Melissa Warner
Jul 28, 2017 rated it really liked it
Delightful
Trevor Kenning
Nov 04, 2018 rated it liked it
Always reliable and enjoyable, but not one of the best
Arianna
Jul 10, 2018 rated it really liked it  ·  review of another edition
"Per ardua ad astra."
Rita Monticelli
Scroll down for the English version.

Scoraggiante

Era la prima volta che mi cimentavo nella lettura di un'opera di Coe. Ho subito apprezzato il suo stile disinvolto, la sua ironia e soprattutto il modo in cui racconta la storia, rivolgendosi al lettore in terza persona e portandolo a vedere la vicenda esattamente dal suo stesso punto di vista. Quest'ultimo ha un'aria un po' distaccata e ironica e porta il lettore ad avere il medesimo approccio.
Il problema di questo libro però è un altro. Sono a
...more
Ilaria
Nov 18, 2015 rated it it was ok  ·  review of another edition
Un libro che personalmente ho trovato inconsistente, per non definire inutile. Avevo già letto altro di Coe e mi aveva molto colpito il suo modo di scrivere e di narrare e i personaggi che creava; chiariamoci: per il primo elemento non mi sono ricreduta ( ed è l'unico motivo per cui questo libro non ha ottenuto da me una sola stellina), ma se devo essere sincera i personaggi di questo libro mi hanno irritata, quando non profondamente annoiata e nella migliore delle ipotesi mi lasciavano indiffer ...more
Zdenka
Aug 20, 2012 rated it liked it
Shelves: school-of-life
Although I have finished this book a few days ago, I had to take some time to think about what it brought me. I did like it, don't get me wrong, but it did not amuse me or thrill me.
I liked it because it talked about things that were very familiar. As the saying goes - the best books are those that tell you things you already know.

The tone of the book is cynical and quite impersonal, but it fits with the life story it recounts. A part of the life of a woman to whom life "happens". She could be
...more
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • The Goodbye Kiss
  • Mi fido di te
  • Long Stay in a Distant Land
  • Todo modo
  • La donna della domenica
  • Cold Spring Harbor
  • Romanzo criminale
  • The Laying On of Hands: Stories
  • Complete Works, Vol. 3: The Homecoming / Tea Party / The Basement / Landscape / Silence / Revue Sketches
  • Eva's Man
  • Blackout
  • Non ora, non qui
  • Lilith
  • Canone Inverso
  • Purple America
  • Soft
  • Buio
  • Percival Everett by Virgil Russell
1,214 followers
Librarian Note: There is more than one author in the GoodReads database with this name. See this thread for more information.

Jonathan Coe, born 19 August 1961 in Birmingham, is a British novelist and writer. His work usually has an underlying preoccupation with political issues, although this serious engagement is often expressed comically in the form of satire. For example, What a Carve Up! rew
...more
“[...] words are tricky little bastards, and very rarely say what you want them to say [...]” 10 likes
“We say, ‘Shall we meet for a drink?’, as though drinking were the main end of the appointment, and the matter of company only incidental, we are so shy about admitting our need for one another.

[...]

We say, ‘Would you like to come for some coffee?’, as though it were less frightening to acknowledge that we are heavily dependent on mildly stimulating drinks, than to acknowledge that we are at all dependent on the companionship of other people.”
8 likes
More quotes…