Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Bar Sport” as Want to Read:
Bar Sport
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Bar Sport

3.70  ·  Rating details ·  3,029 ratings  ·  127 reviews
Il Bar Sport è quello dove non può mancare un flipper, un telefono a gettoni e soprattutto la 'Luisona', la brioche paleolitica condannata ad un'esposizione perenne. Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (con due n), che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofar ...more
Paperback, Universale Economica 8462, 132 pages
Published March 2014 by Feltrinelli (first published 1976)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Bar Sport, please sign up.

Be the first to ask a question about Bar Sport

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-30
3.70  · 
Rating details
 ·  3,029 ratings  ·  127 reviews


More filters
 | 
Sort order
Outis
Primo libro di Stefano Benni che leggo e di sicuro non sarà l’ultimo, perché queste sono tre stelline ma tre stelline positive che significano: Bar sport è un libro molto carino, sono curiosa di leggere qualcos’altro di Benni. Le stelline non sono quattro perché Bar Sport parte molto bene (i vari tipi umani che frequentano il bar sport sono fantastici e della serie it’s funny because it’s true) ma poi si perde un po’, diventando un po’ troppo esagerato, c'è troppa voglia di strafare.

È un libro c
...more
Gauss74
Aug 30, 2017 rated it liked it
Shelves: feltrinelli
Bar Sport è un libro che avevo già incontrato ai tempi della sua prima pubblicazione, se non ricordo male agli inizi degli anni Novanta: tale e tanto era stato il suo successo che mi è rimasto impresso per tutto questo tempo, anche se all'epoca da buon teenager nerd ero preso e sommerso in ben altri tipi di libri.
Che il libro sia stato un successo non mi stupisce, perchè è la divertentissima rappresentazione degli stereotipi del Bar, che era il luogo di aggregazione per eccellenza di chi è stat
...more
Mec
Sep 17, 2017 rated it it was ok  ·  review of another edition
L'idea di partenza non è male, ma perde mordente nello sviluppo. Benni preme troppo il pedale dell'acceleratore del non sense e della comicità a tutti i costi, senza dare tregua al lettore. È un continuo dipanarsi di storielle che hanno come esile filo conduttore il bar di provincia senza alcuna variazione di tono. Lettura divertente solo a tratti che mi ha stancata con incredibile rapidità.
Roberto/Isairon
Il Bologna perse sei a zero dopo essere stato lungamente in vantaggio.
La mia reazione a questa battuta, “encefalogramma della risata piatto!”, e mi ha accompagnato durante tutto il libro. :(

Ho faticato a leggerlo fino alla fine. La prima parte, dove descrive i vari stereotipi che dimorano nei bar italiani, è simpatica. Ma quando comincia a esasperare i vari avvenimenti esterni alla vita del bar, gare ciclistiche; squadre di calcio e non mi ricordo più cos’altro, ho incominciato a perdere il gust
...more
Ubik 2.0
Oct 20, 2012 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Non vorrei fare il sentenzioso, ragazzi, ma capisco che per chi (a differenza di Benni e ahimè del sottoscritto) non ha vissuto e frequentato i Bar della Bologna degli anni 60-70 quell'universo può sembrare alieno come "le navi in fiamme al largo dei bastioni di Orione". Il fatto è che quei personaggi (il cinno, la luisona, l'esperto di calcio, ecc) esistevano davvero ed erano tali e quali, con un'aggiuntina del senso di assurdo di cui la prosa di Stefano è maestra. Per questo quando leggo e ril ...more
Alessandro Pontorno
Ci sono libri che, pur invecchiando, restano immortali.
E poi ci sono i libri che invecchiano. Male.
Non nego l'aspetto ludico di questo celebrato libretto di Benni, e alcune pagine strappano ancora un sorriso, ma la ricerca persistente dell'iperbole comica stanca dopo poche pagine.
Palomar
Jan 29, 2018 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Comprato all'edicola di Zadina di Cesenatico nell'estate del 1990...basti questo.
Ginny_1807
Jun 21, 2012 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: per-sorridere, italia
Raccolta di brevi racconti collegati tra loro dall'ambientazione in un tipico bar di quartiere, denominato quasi per antonomasia "Bar Sport".
Benni descrive con vivace ironia personaggi e situazioni in bilico tra il mito e la barzelletta, in una divertente rassegna di tutti gli stereotipi legati alla classica vita da bar di periferia, con sparse qua e là vere perle di umorismo geniale.
Talvolta lo stile caricaturale insiste un po' troppo sulle iperboli, ma il divertimento è assicurato e la scrit
...more
Fil
Libro divertente, scritto bene, in maniera intelligente. Ogni tanto riesce a far ridere.

Un mio amico sui sessant'anni lo ha letto venti anni fa: appena gli ho nominato questo libro si è ricordato dell'incipit sulla mitica Luisona ed ha sorriso.
Che bellezza la letteratura!
Qualsiasi letteratura.

Dubito che io fra vent'anni mi ricorderò questo libro. Sicuramente negli anni Novanta era un libro molto attuale, oltre ad essere molto brillante. La brillantezza rimane, l'attualità solo in parte. I flipp
...more
Sandra
Sep 02, 2012 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: italia
Letto! Mi ha ricordato la mia infanzia, avevo vicino casa un baretto dove ogni tanto andavo a comprare il gelato (spassosissima la scena del bambino che va a comprare il gelato!) I personaggi descritti da Benni ti sembra di averceli davanti agli occhi. Mi è piaciuta molto la discussione filosofica sull'ubriaco tra Schopenhauer e Hobbes.
Giacomo
Aug 13, 2008 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Recommends it for: everyone, italians, italian-lovers
This is an act of love for Italy, for the city of Bologna in the 70s, for the culture of the plains around River Po. Benni's "absurdist" style perfectly exaggerated the typical characters of the area, becoming universal enough to make the book an instant bestseller in the entire Italy. If you want to see how Italy used to see itself in the 80s, understand the nostalgia for a certain blue-collar epic, or even just have a laugh, you should read this.
Danilo De rossi
Nov 23, 2016 rated it did not like it  ·  review of another edition
Libro e autore poco affini alle mie corde. Non mi è totalmente dispiaciuto, ma di fondo non mi ha lasciato nulla se non un sorriso di fronte alla trovata della spiegazione etimologica della parola "caffè". Carino in alcuni passaggi, ma troppi li ho trovati a vuoto. Per me è più indicato ad un target adolescenziale.
SirJo
Aug 10, 2017 rated it liked it
carino da leggere in spiaggia
Simona Bartolotta
La prima parte è stupenda, poi mi sembra che Benni vada via un po' perdendosi, pur mantenendo sempre la freschezza e l'umorismo che caratterizzano il libro.
Divertentissimo, l'ideale per staccare un po' la spina.
Andre
Sep 02, 2017 rated it liked it  ·  review of another edition
Libricino troppo pieno di iperboli: ce ne sono di più e di meno riuscite. Alcune storielle sono pietre miliari dell'umorismo e del nonsense, altre sono forzate. Apprezzabile l'uso di un italiano onomatopeico, quasi futurista.
Alberto Schiariti
Bar Sport non avrebbe neanche bisogno di una presentazione, ma spesso, come molti classici, nessuno l'hai mai letto veramente e volontariamente. È una di quelle letture che sovente finisce tra quelle obbligatorie scolastiche e se ne perde la leggerezza. Riprendetelo, rileggetelo e riridetene!
Daviduck
Al bar Sport non si mangia quasi mai. C'è una bacheca con delle paste, ma è puramente coreografica. Sono paste ornamentali, spesso veri e propri pezzi d'artigianato. Sono lì da anni, tanto che i clienti abituali, ormai, le conoscono una per una. Entrando dicono: «La meringa è un po' sciupata, oggi. Sarà il caldo». Oppure: «È ora di dar la polvere al krapfen». Solo, qualche volta, il cliente occasionale osa avvicinarsi al sacrario. Una volta, ad esempio, entrò un rappresentante di Milano. Aprì la ...more
Sara
Apr 27, 2015 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: umoristici
Fa sorridere teneramente, più che ridere, l'Italia del "Bar Sport". E' un mondo nel quale il ragionier Fantocci si sentirebbe perfettamente a proprio agio, tra situazioni iper e sur - reali vissute da personaggi macchietta e descrizioni che grondano aggettivi ridicolizzanti. Ogni protagonista rappresenta una categoria di frequentatore abituale, ma l'insieme concorre a buon titolo a completare il puzzle globale della società degli anni '70 e '80 - una realtà che, seppur non lontana anni - luce, c ...more
Luisa
Jun 13, 2014 rated it it was ok  ·  review of another edition
2.5

Lo stile di Benni è inconfondibile: ironico e divertente come al solito, ma, purtoppo, le storie divise tra loro fanno un po' fatica a creare un giudizio globale soddisfacente. Se avessi vissuto a Bologna negli anni descritti da Benni, sicuramente avrei apprezzato di più il suo libro, ma resta il fatto che Stefano con il suo stile e le sue scelte linguistiche rimane un campione di simpatia!
Je
Feb 14, 2013 rated it liked it  ·  review of another edition
Penso che Benni abbia creato un genere nuovo ed indefinibile, mi è piaciuto di più Pane e Tempesta, ma Bar Sport è quasi un classico per gli amanti del genere. Lo consiglierei a chiunque voglia leggere un libro spiritoso, piuttosto che affidarsi ai nomi noti del cabaret televisivo. Benni è uno scrittore, non un comico e fortunatamente la differenza si nota.
Vincenzo Pesce
Lettura piacevole e fluida. È come essere trasportati indietro nel tempo di vari anni. Brevi racconti di personaggi sicuramente caratteristici ma alle volte forzatamente associati al bar sport. Solo in pochi passaggi mi son divertito davvero e purtroppo la qualità dell'ironia è stata abbastanza altalenante.
Sbulf
Jun 12, 2013 rated it liked it  ·  review of another edition
Le tre stelle sono una media. In realtà, tra tutte le storie che fanno riferimento al bar Sport, ce ne sono alcune straordinarie come "La Luisona" e "Il grande Pozzi", ma altre sono un po' deludenti. In tutto ciò, l'umorismo di Benni resta eccezionale.
Arwen56
Jul 11, 2012 rated it did not like it  ·  review of another edition
Shelves: umorismo
Questo è stato è mio primo incontro con Stefano Benni, nel lontano 1995. Dato il tenore, si è trattato anche dell’ultimo. Un umorismo di tipo “fantozziano” che decisamente non rientra nelle mie corde e, a tratti, mi ha addirittura infastidito.
Natascia Mameli
Oct 23, 2014 rated it really liked it  ·  review of another edition
Esilarante. Certo, nonostante io non sia più una ragazzina, ho fatto fatica a ricordare alcuni personaggi di cui si parla (il libro è davvero del 1976? nessuno lo direbbe), però la comicità e il senso dell'assurdo sono così spassosi che non ti fai questo tipo di domande più di tanto...
Andrea Gatti
Meh.

Non ho molto altro da dire: meh...

Non mi ha fatto ridere, se non un paio di volte, e per un libro che punta a far ridere, è decisamente troppo poco.

Preferisco Benni alle prese con romanzi, come il magnifico Elianto (e un po' meno Terra) [e ancora meno Margherita Dolce Vita]
Fe
Sep 24, 2012 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Da morir dal ridere. Non riuscirò mai a rileggere "le divagazioni filosofiche del professor Piscopo" senza sghignazzare. Benni è ironico e geniale come sempre. Unica controindicazione: se lo leggete nei luoghi pubblici la gente vi vedrà ridere da soli e probabilmente vi scambierà per pazzi!
bruna_d80
Nov 05, 2015 rated it really liked it  ·  review of another edition
superficiale e giocoso, adoro Bar sport, caposaldo di provincia, matrice di base del pensiero qualunque.Ma la Luisona, non è una brioche, è un emblema.
Caitlyn Coral
Libro spiritoso in cui si respira un'atmosfera di altri tempi. Benni -che sto lentamente recuperando- scrive benissimo, però non posso dargli un punteggio più alto.
Sono convinta che questo sia un libro che non fa molto per me, non credo finirò mai per rileggerlo. Il collegamento con decadi fa e i bar, infatti, mi risulta alieno data la giovane età...e quindi non ho avuto alcuna spinta emotiva a leggere una pagina dopo l'altra.
Chi ha vissuto quel periodo di certo apprezzerá molto di più il libro
...more
Maria Chiara Maestri
Carino e molto divertente
Chiara in Wonderland
Bar sport è forse il libro più noto di Stefano Benni e indiscutibilmente quello che ha consacrato lo scrittore bolognese. Sullo sfondo di una Bologna anni ’60, visibile grazie ai riferimenti ad alcune sue vie e all’utilizzo di alcuni termini in dialetto petroniano, il romanzo immortala alcuni tipici frequentatori del “Bar sport” (il professore, il “tennico”, il Cinno, il nonno da bar e perfino la Luisona - una brioche alla crema che risale a tempi immemorabili…) e alcuni divertenti episodi capit ...more
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 next »

Readers also enjoyed

  • Almost Blue
  • Anche le formiche nel loro piccolo s'incazzano
  • Sei personaggi in cerca d'autore; Enrico IV
  • Il Giornalino di Gian Burrasca
  • Romanzo criminale
  • Alcatraz: Jack Folla un DJ nel braccio della morte
  • Tornatrás
  • Monsieur Malaussène (Malaussène, #4)
  • Il filo dell'orizzonte
  • In nome della madre
  • Il castello di Eymerich
  • Venere privata (Duca Lamberti, #1)
  • La concessione del telefono
  • Uto
  • La neve se ne frega
  • La casta. Così i politici italiani sono diventati intoccabili
  • Don Giovanni in Sicilia
See similar books…
443 followers
Stefano Benni (born August 12, 1947 in Bologna) is an Italian satirical writer, poet and journalist. His books have been translated into around 20 foreign languages and scored notable commercial success. He sold 2,5 million copies of his books in Italy.

He has contributed to Panorama (Italian magazine), Linus (magazine), La Repubblica, il manifesto among others. In 1989 he directed the film Musica
...more
No trivia or quizzes yet. Add some now »