Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Timeskipper” as Want to Read:
Timeskipper
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Timeskipper

by
4.02  ·  Rating details ·  1,293 Ratings  ·  57 Reviews
A young boy is given a magical gift: an internal 'duoclock' that allows him to see the future. Timeskipper sees and foresees the big events of his era, from postwar reconstruction to the birth of television. These events are offset by his own experiences: first love, first job, and wild adventures with oddball acquaintances.
Paperback, English Edition, 390 pages
Published April 20th 2008 by Europa Editions (first published October 1st 2001)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Timeskipper, please sign up.

Be the first to ask a question about Timeskipper

Community Reviews

(showing 1-30)
Rating details
Sort: Default
|
Filter
Anastasia
Oct 13, 2011 rated it really liked it  ·  review of another edition
"Cos'è successo? Bella domanda. Immagino che non ti riferisca all'inizio dell'universo, ma alla tua piccola storia. Be', intanto hai vissuto e questo è un gran bel risultato".

Caspita se il ragazzo, Saltatempo, ha vissuto. Chiediamolo pure a Wilde, che tanto non avrà il coraggio di dire di no. Ci scommetterei tutta la mia collezione di film Woodyalleniani, e io ci tengo.
Mi complimento con Benni, è la fantasia italiana più fantasiosa che io abbia mai letto negli ultimi due anni. Questo libro in f
...more
Camilla P.
Nov 21, 2010 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Questo, come invece potrebbe far pensare la quarta di copertina, non è un romanzo di viaggi nel tempo. Non parla di mirabolanti avventure in epoche andate o ancora a venire, e di certo non ha un incredibile protagonista che sa saltellare attraverso le maglie del tessuto spazio-temporale.
Saltatempo è un meraviglioso miscuglio di mille generi: è un romanzo storico, un romanzo rosa, un romanzo di formazione e un romanzo introspettivo, in cui la possibilità del protagonista di poter "vedere" cosa s
...more
Tanabrus
Ho trovato il mio nuovo libro preferito di Benni.

In questo libro è sempre presente l'umorismo satirico e travolgente dell'autore, ma abbiamo anche una storia più seria, più reale, più ancorata al territorio.

E la parte surreale diventa un pretesto, più che in altri libri, per raccontare una storia.
La storia di Saltatempo, un bambino di un paesino di montagna, innocente e ingenuo, che un giorno incontra una divinità bonaria (sarebbe Dio, ma passerà il tempo a vedere gnomi, divinità del denaro, osc
...more
Simona
Oct 15, 2012 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Sapevo che leggere Benni non mi avrebbe deluso, ma non credevo che mi sarebbe potuto piacere così tanto.
Saltatempo è la storia di Lupetto e di un orobilogio che gli viene donato mentre scarpagna nel bosco. E' la storia di Lupetto dalle elementari all'università, ma è anche la storia dell'Italia che cresce e si trasforma, è la storia dell'Italia da metà degli anni '50 agli anni '60 fino alla strage di Piazza Fontana.
"Saltatempo" può essere considerato a tutti gli effetti un romanzo di formazion
...more
Francesco Luchetta
Libro molto particolare, anzi veramente unico.

Direi che è quasi impossibile assegnargli un genere, romanzo di formazione, romanzo storico-culturale, romanzo soft-erotico, romanzo di paese, ecc...
Anche il registro linguistico è veramente caratteristico, un curioso misto ti espressioni volgari e termini aulici.

La prima parte devo dire, l'ho trovata un po' noiosa, ma vale sicuramente la pena tener duro perché la seconda e la terza compensano ampiamente.
Lupurk
Jun 01, 2016 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: biblioteca, 2016
"Devi solo promettermi che conserverai gli orologi come una cosa importante e preziosa, non tradire né l'uno né l'altro. Quello della fatica quotidiana e quello dei mondi possibili, quello che conta i tuoi passi e quello che misura i tuoi sogni. Quello che scorre e quello che gira. Quello che ti ruba le persone e quello che te le riporta."

Benni ci regala pagine di poesia e divertimento, come sempre. Ho faticato un po' a entrare nel romanzo, la sua scrittura è sempre particolare e ci vuole un att
...more
Kia76
Niente da fare! Ho voluto dare un'altra chance a Benni, di cui avevo letto qualcosa anni fa senza grande entusiamo, ma devo purtroppo confermare la mia opinione: non riesce proprio a piacermi!
Maria
Sep 20, 2015 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Fantastico!
Gabriella
Secondo me non è il suo libro migliore, ma è un romanzo di formazione dove racconta le storie di un adolescenze , le sue paure, i suoi dubbi e i problemi legati a quell'età.
Dolceluna
Sep 01, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Pensavo che “Margherita Dolcevita” fosse stato un colpo di fortuna, l’opera più riuscita dello scrittore.
E invece ora che ho letto “Saltatempo” devo ammetterlo.
Sono ufficialmente innamorata di Stefano Benni.
La sua scrittura è uno spettacolo pirotecnico, un arcobaleno di luci e colori, frizzante, geniale, irresistibile qualunque sentimento regali: l’umorismo, l’ironia, la dolcezza, la nostalgia.
Dimenticate un po’ la trama, che d’impatto, è un po’ fuorviante e lascia presagire qualcosa a cavallo t
...more
Gaia Amman
Saltatempo è un sognatore, intelligente, emotivo. Cresce in un paese di montagna e osserva orrificato i cambiamenti imposti dal progresso armato di poesia, sogni, e con l'aiuto di gnomi del bosco pieni di umorismo.

Benni stupisce. È sempre stato un gran scrittore, uno scultore della parola, e con questo libro raggiunge l'apice della sua creativitá mischiando amore, umorismo, e magia al contesto dei moti del '68, dell'industrializzazione, del crescere, perdersi per poi finalmente trovarsi.

A me qu
...more
Martina
Stefano Benni non è solo uno scrittore per ragazzi, ma può e sa aprire numerosi spunti per lettori di ogni età, ed è commovente l'italianità ruspante di questo romanzo. Tuttavia l'impressione che se ne trae è che sia un centometrista che nella maratona si perde un po'.
Dionisia
Mar 20, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Shelves: favorites
This review has been hidden because it contains spoilers. To view it, click here.
Malacorda
Jul 29, 2017 rated it really liked it  ·  review of another edition
A mio avviso, il miglior Benni, a pari merito con Achille piè veloce.
Un dipinto neorealista dell'Italia anni 60 di rare semplicità e nitidezza.
Claudio Iannoni
Aug 08, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Romantico. Dolce. Leggero.
Renato Mite
Feb 13, 2015 rated it it was ok  ·  review of another edition
Shelves: svago
Il protagonista di questa storia è Saltatempo, un ragazzo che cresce durante i grandi cambiamenti politici, tecnologici e sociali che cambiano il volto ai paesi tramutandoli in città.
In una sorta di biografia strampalata, Saltatempo vive con due tempi, uno naturale e l'altro dell'orobilogio, dono di un Dio eccentrico. Saltatempo così vede cosa succederà nel futuro e può ritornare a momenti del passato, ma non può esimersi dal vivere tutte le esperienze cui va incontro nel presente. Tra amori e s
...more
Virginia
Jun 29, 2013 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: 2009
E finalmente ho "conosciuto" Benni.
Il primo contatto è stato leggermente traumatico. Abituata il più delle volte a uno stile di scrittura rilassato, ponderato e pieno di pause, mi è caduto fra capo e collo un modo di scrivere del tutto diverso.
Un intreccio multiplo (carpiato) di neologismi, soprannomi, dialoghi, frasi baldanzose, divertenti e fantasiose: tutto all'interno di un ritmo teso e sostenuto.
Un delirio praticamente.
All'inizio mi recava un leggero disorientamento. Non riuscivo a "berlo"
...more
Zioluc
Sep 15, 2014 rated it liked it  ·  review of another edition
Shelves: narrativa
Mentre il piccolo Saltatempo cresce percorriamo la storia del suo paesello emiliano e quella dell'Italia dagli anni '50 fino al fatidico 1968, sotto la minaccia dei fascisti e del denaro. Benni gioca con le parole, mette molto di sé nel protagonista, azzecca qualche passaggio ma la favoletta a un certo punto deve diventare più seria, altrimenti tutto quel che passa è una ingombrante e inutile nostalgia per il passato agricolo, dato che i personaggi son solo delle macchiette.

Da molto non leggevo
...more
Anna
Aug 04, 2014 rated it it was ok  ·  review of another edition
Che fatica!!Odio abbandonare i libri ma ammetto che questo mi ha messo a dura prova. Avevo iniziato con entusiasmo, dal momento che avevo da poco letto e stra apprezzato Achille pié veloce...ma niente, qui la scintilla non è scattata. Storia lentissima all'inizio, che comunque non mi ha preso, neanche ala fine sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi. Sì, lo stile di Benni è molto particolare, divertente e dove vuole poetico, ma in questo libro per me non è bastato. Forse sono io che non ho c ...more
Filomena
May 17, 2014 rated it really liked it  ·  review of another edition
L’incipit di questo romanzo è particolare e non è stato immediato, come mi succede per altre storie, entrare in sintonia col ritmo e lo stile dell’autore ma una volta presa la via giusta è come lanciarsi per una ripida discesa a tutta velocità, i piedi sembrano estranei al corpo e alla volontà.
Per cui non ho potuto fare a meno di continuare a farmi trascinare nella storia che a tratti è commovente, a tratti irriverente o comica o romantica o ingenua…
C’è tutto un mondo in questo romanzo ed è il m
...more
Thais
Jul 21, 2015 rated it liked it  ·  review of another edition
Lo stile di Benni mi piace, ma nonostante un inizio molto promettente mi è sembrato che la storia fosse troppo tirata per le lunghe, ha finito per annoiarmi. L'espediente di far viaggiare il protagonista nel tempo non è stato sfruttato appieno, secondo me. Divertente a tratti, per certi versi caustico e accusatore, tra il nostalgico e il ribelle, Saltatempo è un bel romanzo ma speravo meglio. Mi ha ricordato Margherita Dolcevita, che però forse mi era piaciuto di più. Peccato.
Carlo Perasso
Mar 15, 2013 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Shelves: autori-italiani
Sicuramente il mio libro preferito del mio autore italiano preferito.
Ancora una volta Benni dimostra la sua abilità nel descrivere realtà attraverso la sua meravigliosa fantasia e ironia in questa sorta di autobiografia. La comicità e l'umorismo di alcune scene veramente geniali unite alle vicende romantiche/sessuali raccontate come si possono raccontare ad un amico rendono questo libro uno dei migliori dell'autore.
Mark Mapstone
Oct 09, 2008 rated it really liked it
I loved the creative writing in this read, the italian politics was sort of lost on me, but I enjoyed reading about the 'Timeskipper' character (we never learn of his name!) and all the visions of the future he has. The excellent photograph on the cover - pulled me in to purchase this title too - it reminded me of school friends growing up.
Andrea Aprile
Aug 06, 2014 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Questo è un Signor libro. Stile perfetto, personaggi perfetti, ambienti perfetti, eventi perfetti posti fra gli anni '50 e gli anni '80 (circa). E soprattutto divertente, divertente e demenziale.
Sa far scompisciare dalle risate come pochi libri sanno fare, ma è anche capace di far piangere, di infondere rabbia e coraggio e desiderio di lotta sociale.
Profondamente reale.
Sabina Biasuzzo
Oct 11, 2012 rated it really liked it  ·  review of another edition
Tutti i libri di Benni mi hanno divertito, attratto, compiaciuto e regalato buone ore. Ma questo, che parla in un certo senso della stroria della sinistra, mi ha conquistato particolarmente, temi a me molto cari, quali la lotta partigiana, le conquiste dei lavoratori ottenute da dure lotte, la contestazione del '68. Bello, bello, avvincente.
Temperamente
L’ho (e)letto il libro della mia vita. Non credo di aver mai parlato o incontrato Stefano Benni – diamine, me lo ricorderei! – eppure in questo libro c’erano pezzi di me: amici, amori, conoscenti, idee, desideri, sogni.

Continua a leggere: http://www.temperamente.it/contempora...
Genni Gunn
Mar 14, 2009 rated it liked it
An interesting book which covers the political events in Italy during the 1960s. I found the book difficult to get into at first, despite its intriguing premise of a boy who, when he hears the sound of clicking, starts up a "duoclock" that lets him see into different times -- both past and future. Satiric and political.
Daniele Iuppariello
un libro coinvolgente fino alle lacrime pi�� amare, oppure alle risate pi�� grasse.

uno spaccato dell'italia degli ultimi 40 anni... con lo stile inconfondibile del Benni virtuoso che tanto lo ha reso celebre e (forse) il miglior scrittore italiano vivente.

Giacomo Milano
Jun 12, 2016 rated it it was amazing  ·  review of another edition
SaltaTempo è il primo libro di Stefano Benni che leggo da un po' di anni a questa parte; ritrovandomi di nuovo a leggerlo mi sono ricordato come mai mi sia sempre piaciuto così tanto: perché Benni sa farti ridere, sa farti provare malinconia e alla fine riesce a farti star bene.
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Il partigiano Johnny
  • Ultime notizie dalla famiglia
  • Romanzo criminale
  • La mossa del cavallo
  • The Blue Flowers
  • In nome della madre
  • Tornatrás
  • La profezia dell'armadillo
  • La collega tatuata
  • The Viceroys
  • Lessico famigliare
  • Jack Frusciante Has Left the Band: A Love Story- with Rock 'n' Roll
  • La neve se ne frega
  • Un giorno dopo l'altro
  • Persecution (The Friendly Fire of Memories, #1)
  • Piccoli equivoci senza importanza
24707
Stefano Benni (born August 12, 1947 in Bologna) is an Italian satirical writer, poet and journalist. His books have been translated into around 20 foreign languages and scored notable commercial success. He sold 2,5 million copies of his books in Italy.

He has contributed to Panorama (Italian magazine), Linus (magazine), La Repubblica, il manifesto among others. In 1989 he directed the film Musica
...more
More about Stefano Benni...

No trivia or quizzes yet. Add some now »

“- E com’è fatto un orobilogio? -
- Non si può vedere, è fatto di tante parti insieme che mescolandosi diventano invisibili. Vuoi un esempio? La tua casa, la guardi dal di fuori e dici: questa è la mia casa. Ma la casa ha sotto la cantina, la tinaia buia con le botti, la muffa sulle pareti quell’odore di anni e secoli, ma in quel passato oscuro fermenta il vino e i formaggi maturano. Sopra c’è il granaio, con la farina, le mele, le noci e i pomodori secchi, e ci frullano i topi rosicchioni e i ghiri ladruncoli, lì ci sono le provviste per il futuro. Poi c’è la casa dove abiti, col camino caldo, la cucina che fuma e il cesso che scroscia, e il letto ti accoglie e prepara i sogni, ma anche gli incubi, e le lenzuola gelate d’inverno, e la febbre e le ore che non dormi la notte. E a volte tutto cambia: dal camino entra la notte, le faville dei fantasmi del passato, o la paura di ciò che sta dietro la porta, nella cantina il vino e il buio ti fanno immaginare viaggi e abbordaggi, nel granaio sbattono la testa uccelli imprigionati, come brutti pensieri. Ecco, questa è la tua casa, non quella che vedi dal di fuori, con le finestre, il portone e l’edera sul muro.”
4 likes
“Vidi che la banconota era tutta stropicciata, come l'assegno di Fefelli quel giorno a scuola, ma era una cosa diversa.
I soldi si trasformano, a seconda delle mani che li accolgono, pensai.
In certe mani diventano mattoni, in altre farfalle”
0 likes
More quotes…