Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Le persone sensibili hanno una marcia in più: trasformare l'ipersensibilità da svantaggio a vantaggio” as Want to Read:
Le persone sensibili hanno una marcia in più: trasformare l'ipersensibilità da svantaggio a vantaggio
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Le persone sensibili hanno una marcia in più: trasformare l'ipersensibilità da svantaggio a vantaggio

by
3.41  ·  Rating details ·  180 ratings  ·  19 reviews
La predisposizione innata a percepire gli stimoli in modo più differenziato e intenso rispetto alla media è spesso un vantaggio, ma di frequente è vissuto con disagio. Anche perché non sempre questo dono viene apprezzato dagli altri e, nonostante l'ipersensibile tenda a rinunciare a se stesso adeguandosi alle esigenze degli altri, non mancano i rimproveri: "Devi sempre ess ...more
Paperback, Universale economica #8207, 155 pages
Published February 2014 by Felltrinelli (first published April 1st 2011)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Le persone sensibili hanno una marcia in più, please sign up.

Be the first to ask a question about Le persone sensibili hanno una marcia in più

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-30
3.41  · 
Rating details
 ·  180 ratings  ·  19 reviews


More filters
 | 
Sort order
Alessandro Veneri
Jan 26, 2016 rated it liked it
L'ipersensibile si caratterizza per la capacità di "percepire stimoli in numero maggiore e in modo più intenso di altri". Circa il 20% della popolazione ricade in questa categoria.
La capacità di osservarci attraverso lo sguardo dell'altro non ci manca. Abbiamo bisogno di imparare a centrarci su noi stessi. La pratica della mindfulness, a me tanto cara, risalta per questo con rinnovata forza.
La perdita della percezione del corpo, possibilità tanto remota per i più quanto penosa per coloro che l
...more
Buried in Flowers
Aug 26, 2018 rated it liked it
Una piccola guida di aiuto per ipersensibili, per orientarsi quando si teme di non poter fare altro che subire la vita. Qualche difettuccio, ma si fa apprezzare.
Prinxo
Jul 15, 2018 rated it it was ok
Shelves: 2018, cartacei
In realtà mi aspettavo molto di più dal punto di vista pratico. Si tratta semplicemente di un saggio che descrive l’ipersensibilità e i vari aspetti sotto cui si manifesta, ma non mi ha lasciato nessuno spunto di riflessione o nessun suggerimento su come trarre beneficio da questa condizione (come invece il titolo faceva sperare). Quindi mi vedo costretta a dargli solo 2 stelle perché mi aspettavo davvero tutt’altra cosa!
Sara
Mar 05, 2018 rated it really liked it
3.75 stars.

It is very interesting and thoughtful, but more practical advice would have been really appreciated.
Marco Svevo
Jan 12, 2019 rated it liked it
Libro non trascendentale e abbastanza ripetitivo, finora.
Chi scrive (e chi legge) è un ipersensibile. E fin qui tutto ok.
La seconda parte del libro è sicuramente la più interessante.

Messaggio subliminale n.2 per mcb: "con il nostro rifiuto e la nostra ostilità non facciamo che rafforzare la presenza di coloro che preferiremmo dimenticare e magari abbiamo cancellato dalla nostra agenda. Interrompere un contatto non fa guadagnare niente a nessuno".

Buona strada.



Bioteo
Aug 13, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Shelves: saggi
Per l’80% della popolazione questo libro rappresenta una curiosa lettura, interessante ma distante dalla propria visione del mondo e della realtà. Per il restante 20% questo saggio invece rappresenta un lucido e profondo ritratto di una condizione psicologica spesso percepita come problematica dalle persone interessate. L’ipersensibile percepisce il mondo che lo circonda in modo più sottile e intenso, presenta una capacità percettiva più sviluppata e strutturata, prova un profondo senso empatico ...more
Beatrice
Nov 15, 2018 rated it it was ok
Shelves: essay, self-help
You know that Whitney Houston's song that goes "I get so emotional baby / everytime I think of you"?
Well, being an HSP (Highly Sensitive Person) is like living in loop the part "I get so emotional / everytime"

(Two stars because it was not cohesive at all and kept jumping from one topic to the other)
Mária
Mar 05, 2016 rated it really liked it
it's cool to finally know more about these stuff.
Martina
May 31, 2017 rated it it was amazing  ·  review of another edition
Ak Vám spôsobujú problémy príliš hlasné zvuky či ostré svetlo, Ste empatický a vnímate všetko oveľa intenzívnejšie ako ostatní, je celkom pravdepodobné, že Ste hypersenzitívny. Zhruba 15-20% populácie "trpí" touto dedičnou vlastnosťou, ktorú autor nazýva "nadaním". Mnohí hypersenzitívni sú považovaní za príliš precitlivelých. Často si so svojimi problémami nevedia dať rady, preto sa neraz ocitajú u psychológa. Keďže v tejto oblasti neprebehlo veľa výskumov, títo ľudia nedostávajú potrebnú terapi ...more
La.Cantina.dei.Libri
May 03, 2018 rated it really liked it
Il tema della sensibilità è stato per troppo tempo trascurato sia dalla scienza sia dalla psicologia. Tuttora viene preso poco in considerazione e spesso ci si imbatte in terapie che sopprimono questa caratteristica, anziché analizzarla e sfruttarla al meglio.

Questo saggio, invece, offre un'ampia descrizione teorica accompagnata da esercizi pratici e riflessioni concrete. Si impara ad avere dei limiti, ad avere più padronanza di questa splendida dote e stare bene con noi stessi (e con gli altri)
...more
Dominga D
Jun 02, 2017 rated it it was amazing
Per alcuni potrà sembrare banale, ma per me è stato un libricino illuminante e che è riuscito a farmi guadagnare un po' di sana autostima e a farmi sentire meno sola e "diversa". Ho vissuto una vita sentendomi lontana anni luce dalla terra, sentendomi giudicata e sentendomi dire mille volta "sei una ingenua" oppure "devi ancora crescere". Invece non sono io sbagliata, sono gli altri che non capiscono che cosa sia l'ipersensibilità. Se penso alle mille volte che mi sono chiesta come mai ho un udi ...more
Alessandra Gazzotti
Apr 12, 2019 rated it liked it
Un libro corto e pieno di spunti. Sicuramente lascia un po' perplessi e con tante domande, ma l'ho trovato interessante anche perché fa capire come la sensibilità sia importante nella nostra vita. Purtroppo solo leggere questo libro non basta a dare tutte le risposte e in alcuni tratti l'ho trovato anche confuso. La cosa migliore sarebbe partecipare di persona ai seminari e lezioni visto l'argomento.
Conchita
Jul 06, 2018 rated it liked it
An interesting analysis of the hypersensitive individuals. A valuable help trying to transform the inner discomfort into an advantage, by giving more value to one's empathic abilities. From an excessive vulnerability it is possible to pass to an increased awareness by transforming emotivity and sensitivity into a real advantage.
Emanuele Pagani
May 18, 2019 rated it really liked it
Intrigante e molto interessante; spiega bene il mondo dell'ipersensibilitá
Ele Libelle
May 15, 2019 rated it it was amazing  ·  review of another edition
hat mir gefallen, geholfen und ich würde es wieder blättern/lesen/hören
Mothwing
I've got a student who fits the profile of a highly sensitive person, so I thought this would be a good book for me to read up on his needs. Some of the theories this book proposes about highly sensitive people are very understandable and presented well but the amount of the junk science liberally sprinkled in ruin it for me.

It repeats the good points it does make (e.g., learn to create clear boundaries and stick to them, get in touch with what you want yourself, work with the realities of how
...more
Tanja
May 01, 2016 rated it liked it  ·  review of another edition
an und für sich gute Erklärungen, kompakt geschrieben, jedoch leugnet der Autor gegen Ende durch die Blume die Existenz von AD (H)S und stellt es als erlernte Erkrankung dar, was im Vergleich zu seinen Ausführungen zum Gedankenlesen lächerlich ist, daher 2 Sterne Abzug, obwohl ich aus einem Impuls heraus dafür am liebsten 0 gegeben hätte.
Ali Kleit
Oct 10, 2015 rated it really liked it
Questo libro mi ha fatto riconoscere me stesso come "persona altamente sensibile" . Mi sono sentito molto bene dopo averlo scoperto . Il libro aiuta più a fare la diagnosi che a trovare la terapia . Menziona sola un'introduzione generale alla terapia. A volte sembra molto repititivo
Julia
Feb 17, 2013 rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: psychology
Manchmal erfrischend ironischer Einblick in die Seele von Menschen, die mehr wahrnehmen als andere. Wie weit dieser Ratgeber praktisch anwendbar ist, wird sich zeigen, aber die Darstellung war unterhaltsam, präzise und nachvollziehbar.
Greta
rated it liked it
Sep 14, 2016
Femke Knoop
rated it liked it
Jun 03, 2019
Henry Werner
rated it liked it
Jul 31, 2014
Marianna
rated it liked it
Dec 18, 2016
Phoenix
rated it liked it
Jan 04, 2015
Armin
rated it liked it
Jan 03, 2014
Karin Crehan
rated it really liked it
Apr 09, 2014
bebe_thoreau
rated it liked it
Mar 10, 2016
Elisabetta
rated it liked it
Apr 29, 2013
Daniela
rated it liked it
Feb 19, 2019
antonella litta
rated it really liked it
Oct 01, 2015
« previous 1 3 4 5 6 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »

Readers also enjoyed

  • Writings on Art and Literature
  • Le cose dell'amore
  • Off the Beaten Track
  • Vieni via con me
  • Aristotle Detective (Aristotle #1)
  • Vento scomposto
  • The Social History of Art: Volume 3: Rococo, Classicism and Romanticism
  • Against Therapy
  • The Force
  • Ehebrecher und andere Unschuldslämmer
  • How to Teach a New Dog Old Tricks: The Sirius Puppy Training Manual
  • Love and Survival: The Scientific Basis for the Healing Power of Intimacy
  • Pandora's Daughters
  • The New Rhetoric: A Treatise on Argumentation
  • بنام زندگی
  • The Sensuous Woman
  • Heart of the Mind: Engaging Your Inner Power to Change with Neuro-Linguistic Programming
  • Parallel Thinking
See similar books…
“Ein Hochsensibler, der so gestresst ist, dass er sich nicht zu Sport und Bewegung aufraffen kann, der keine Lust hat auf Kontakte und lieber alleine bleibt, weil er sich nur noch nach Ruhe sehnt, der verschafft sich damit durchaus nicht immer die erhoffte Erholung. Es kann sein, dass er sich dadurch sogar noch mehr schwächt. Wer nicht mehr die Energie aufbringen kann, sich zu eigenen Aktivitäten aufzuraffen, läuft Gefahr, Zuflucht zu nehmen zum Scheinleben des Fernsehens. Scheinbewegung und Scheinkontakte übertönen die wirklichen Bedürfnisse, ohne sie je stillen zu können. Man bleibt bedürftig, in einem Mangel, den man auf diese Weise nicht beheben kann. Mangel und Einsamkeit bewirken jedoch ebenfalls Stress, auch wenn diese Form von Stress anders wahrgenommen wird. Wer so lebt, schwächt sich auf Dauer systematisch. Er ersetzt am Feierabend nur den einen Stress durch einen anderen.” 1 likes
More quotes…