Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Comunque vada non importa” as Want to Read:
Comunque vada non importa
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Comunque vada non importa

by
3.90  ·  Rating details ·  175 ratings  ·  37 reviews
Darla vive arenata sul divano di casa, incollata al computer, esce solo per andare in fumetteria. Manga e cartoni giapponesi sono il suo universo, veri e propri oggetti salvifici, le uniche coordinate per lei valide. Tra Twitter, social network e battute al vetriolo, a ventidue anni si è asserragliata in un fortino apparentemente inespugnabile, chiudendo fuori un padre con ...more
Paperback, 240 pages
Published September 19th 2012 by Indiana
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Comunque vada non importa, please sign up.

Be the first to ask a question about Comunque vada non importa

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

Showing 1-30
3.90  · 
Rating details
 ·  175 ratings  ·  37 reviews


Filter
 | 
Sort order
Lisachan
Jul 16, 2012 rated it it was amazing
Shelves: favorites
E' inutile girarci troppo attorno: ogni generazione ha il suo romanzo generazionale, il suo Holden Caulfield, e Comunque vada non importa è quel romanzo, per la sua generazione (la mia generazione, quella dei venti-qualcosa-enni che lavorano e frequentano l'università e passano gran parte delle loro giornate davanti allo schermo di un computer), e Darla è il suo Holden. E' una premessa fondamentale, questa, per capire di cosa parla davvero Comunque vada non importa. Che, come tutti i bei libri, ...more
Occhionelcielo
Oct 11, 2017 rated it liked it
Dicono che, dopo i cinquant'anni, la curva della felicità comincia a risalire.
Sarà forse per questo, ma non sono riuscito ad entrare in sintonia con i personaggi, praticamente tutti adolescenti problematici.
Detto questo, è giusto rendere onore ad una scrittura agile e mai banale.
Soobie's scared
DNF al 31%!

Ero curiosa a proposito di questo libro. Sembrava parlasse di hikikomori e volevo sentire un’altra voce rispetto a quella della protagonista del manga Cat Street, di cui mi ero innamorata anni fa e su cui avevo scritto parte della mia tesi della specialistica.

E invece. Avete presente quando gli adulti dicono ai bambini: «Non toccare, ché è c***a!» Più o meno siamo lì. SIGH!

Darla è la nostra protagonista. Sembra sia sempre stata quella brutta e stupida della famiglia, sempre paragonata
...more
Emanuela
Aug 06, 2012 rated it it was amazing
Shelves: preferiti
Ho appena letto l'ultimo paragrafo e mi viene da piangere. Non so bene perché, sarà che Darla mi assomiglia abbastanza da farmi pensare a quei dettagli della mia vita che sono uguali identici a quelli della sua ma lei nella seconda parte del libro è molto più forte di me ed io volevo qualcuno che mi dicesse cosa devo fare, e che ce la farò, e che smetterò di avere tutte queste ansie e che sarò capace di affrontare tutte le sfide del futuro. Non che sarà facile, ma che ne sarò in grado. E invece ...more
claundici
A conti fatti io per voi, e voi per me, non siamo più reali di Georgie, Lupin, Syrio il Dragone o la razza namecciana.

A quel punto c'è solo da far scrosciare gli applausi a scena aperta, le dichiarazioni di amore eterno e i lacrimoni. Ed è giusto pagina 55, un quarto esatto della lunghezza totale del romanzo.

E insomma.

Stabiliamo, innanzitutto, che sono una frana con le recensioni positive che non siano costituite di solo keysmashing e qualche ululato semicoerente di condimento. Detto ciò, che be
...more
Callie S.
Sep 15, 2013 rated it really liked it
Il coraggio di essere polvere

Darla è polvere: si posa sui divani e su qualunque superficie inghiotta quel tanto che basta a scoprirsi invisibili; si muove poco, è molesta allo sguardo come il residuo che resta sul fondo di una tazza.
Darla non chiede aiuto, né compassione, né sguardo, eppure ti si posa sul cuore e diventa impossibile spazzarla via.
“Comunque vada non importa” è un romanzo nei confronti del quale mi è quasi impossibile esprimermi senza sfiorare la dichiarazione d’amore; la lucidità
...more
Gardy (Elisa G)
Alla fine mi sono ritrovata a desiderarne ancora, più storia, più racconto, e tanti saluti alle ammiccatine e al background. Volevo la storia secca, tagliente, senza fronzoli. Direi che è il miglior risultato possibile.

Appunto: non è che non si possa percepire un grave disagio se non la si butta in sindrome certificata da vomito e analgesici. Vi giuro che la prendo seriamente e mi angoscio anche se nessuno si taglia le vene o pippa fino a lobotomizzarsi per nebulizzazione nasale. Promesso.
Cecilia
Jul 16, 2014 rated it it was amazing
Realistico, drammaticamente vero, stronzo fin oltre il punto di rottura. Impossibile leggerlo e non sentirsi chiamati in causa almeno un briciolo.
Recensione completa qui.
beesp
Jul 10, 2014 rated it really liked it
Shelves: favorites
E quindi ho riletto "Comunque vada non importa" dopo tre anni. L'ho fatto dopo aver detto che l'avrei fatto per non so quanto tempo.
Ho scoperto che la prima volta ho perso un sacco di cose importanti. Ho scoperto delle nuove sfumature che non avevo colto.
"Comunque vada non importa" rimane un romanzo della mia vita. Si avvolge attorno a me e a quello che sono e mi conforta. L'ho ricominciato una notte piovosa (un paio di giorni fa), in questo periodo della mia vita in cui mi sento Darla e sto lì
...more
Carlotta Borasio
Mar 16, 2015 rated it really liked it
4 stelline, ma anche 4 e mezzo volendo.
Darla è una protagonista che pur essendo insopportabile mi riesce simpatica. Perché quella solitudine lì, quella voglia di sotterrarsi nel piumone e rimanere immobile per non sbagliare, quel senso di inadeguatezza l'ho provato anch'io.
Nonostante il suo rifiuto per il confronto Darla dal suo guscio ci dovrà uscire per forza e incontrerà Alberto, Alessandro e dovrà in qualche modo trovare il modo di convivere col fatto che suo fratello è malato di infelicit
...more
Cetta  De Luca
Apr 09, 2013 rated it really liked it
Shelves: good
Un libro graffiante. Una scrittura diretta ed esplicita che ci fa entrare mani, piedi e anima nella vita dei giovani di oggi. Un mondo esplorato senza veli e falsi tabù da una scrittrice esordiente e davvero sorprendente.
Elena Avanzi
Nov 10, 2012 rated it it was ok


...niente di che. I finti giovani che incolpano i genitori di tutti i loro malesseri mi innervosiscono parecchio. Sarà perché conosco persone assolutamente svantaggiate dal punto di vista familiare che si sono fatte il mazzo per essere persone eccezionali!
Adriano Pugno
Dec 08, 2016 rated it liked it
Partiamo da un presupposto: Elenora Caruso scrive molto bene. Ha uno stile tutto suo, riconoscibile e forte, e tutti i riferimenti che utilizza sono veri, disegnano un mondo. Se scrivesse articoli, comprerei quel giornale.

A mancare, in questo libro, è una trama reale. Non che una storia debba avercela per forza, ovvio. Ma il fratello malato, il rapporto turbolento col padre, quei due o tre avvenimenti che succedono tra le 220 pagine sanno un po' di stereotipo, di già visto.

È stata comunque una
...more
Lavi
Nov 15, 2018 rated it did not like it
CriCra CriCra
Sep 15, 2012 rated it really liked it
Shelves: cartaceo
This review has been hidden because it contains spoilers. To view it, click here.
Rosângela
Mar 04, 2017 rated it liked it
I tanti rifereimenti al mondo Manga, con tutti i suoi personagi, storie e stili sono limitanti per quelli che non li conoscono. La lettura del testo diventa incompleta,fragmentata perche non si riesce a immaginare l'ambientazione, cogliere i paragoni, identificare le citazioni. Ovviamente a chi il mondo Manga è ben conosciuto è tutto da godersi. Detto questo ho letto tutto il libro aspettando una svolta. Fino alla fine. E, leggendo l'ultima riga, mi sono inizialmente detta "tutto qui?" Dopo ho p ...more
yu
Nov 14, 2012 rated it it was amazing
Shelves: preferiti
Dopo un'attenta (e più lenta soprattutto) rilettura, mi sento abbastanza pronta a dare un parere a questo libro.
Avete presente quando trovate una storia in cui non c'è un pezzo di voi stessi, ma probabilmente tutta la vostra vita? O quando un personaggio vi fa posare il libro per cinque minuti e pensare "ma questa è la mia vita. Cosa ne sto facendo?", o gridare mentalmente perché dai, è ovvio che c'è del feeling con un altro personaggio, e vorresti farlo capire anche alla protagonista pur essend
...more
Rebecca
Apr 15, 2014 rated it really liked it
Mi impongo di scrivere questa recensione perchè Comunque vada non importa mi è rimasto dentro, anche se so che non sono in grado di descrivere questo libro come merita. Anche perchè, ammettiamolo, Eleonora lo ha scritto così bene che bisogna leggerlo, non certo riassumerlo.
E' un libro complesso. Forse più per quello che mi ha lasciato dentro che per la trama, anche se i personaggi lo sono, complessi. E difficili e irritanti. Sono troppo veri, per non esserlo o per lasciarci indifferenti.
Darla è
...more
Rossie
Jan 02, 2016 rated it really liked it
Comunque vada non importa é un romanzo stupendo. Pur non vivendo più come studentessa fuorisede, pur non avendo mai abitato a Novara o Milano, pur non avendo una passione per manga/anime/action figures, pur qualunque cosa, l'autrice é riuscita a farmi sentire il personaggio di Darla più vicino di quanto mi aspettassi.
Ammetto di aver acquistato il romanzo più per curiosità che altro, con la certezza che a fine lettura sarei rimasta delusa o, peggio, non mi sarebbe rimasto niente (questo per me é
...more
Meggie
Sep 26, 2012 rated it really liked it
Volevo scrivere una recensione intelligente, ma sembra io non sia adatta, quindi prendiamo quello che c'è.
Prima di tutto, è scritto bene. E' scritto in un modo che ti ritrovi ancorato alle parole, al mondo di Darla, alla voce spietata con cui commenta la sua vita e quella di chi le sta attorno.
Ma c'è ovviamente di più, oltre ad una bella forma. C'è il modo imbarazzante in cui ci si può ritrovare nelle parole di Darla. Imbarazzante, perché nessuno vorrebbe vedersi descrivere così. Eppure lo sapp
...more
Veronica
Aug 08, 2014 rated it it was amazing
Non avrei mai creduto che un libro potesse entrarmi dentro in questo modo, graffiandomi l'anima e facendomi sanguinare il cuore. Ad un certo punto, presa dal senso di angoscia e dolore che provavo, mentre leggevo di Darla, ho avuto timore di non farcela. Ma è impossibile, non si può. Questo è un libro che sin dalle prime pagine, prende il lettore, scaraventandolo in un mondo che sembra tanto distante ed eppure così vicino a molti dei ragazzi di oggi, a chiunque di noi lo legga. Perché Darla è l' ...more
Somochu Pyxis
Feb 13, 2014 rated it really liked it
È stato strano, per me, questo libro, perché più leggevo e più odiavo la protagonista. Facevo "ma dai, come fai a fare questo, a non fare quest'altro. Ma sei scema" e più andavo avanti - tutto d'un fiato perché dovevo sapere cosa succedeva per forza - più la odiavo; poi ho scoperto il motivo preciso: mi ci rivedo su moltissime cose. Veramente tantissime, potrei essere io lei, volendo. Il non sentirsi mai abbastanza, sempre in ombra di tutti, essere sempre la seconda scelta, la voglia di sentirsi ...more
Nelliamoci
Nov 16, 2013 rated it liked it
Non lo so, manca qualcosa in questo romanzo che "comunque vada non importa" è stato bello leggere. Mi rimane, però, quell'amaro in bocca che non riesco a levarmi, come se qualcosa di immensamente bello sia stato rovinato proprio prima dell'attimo di maggior godimento. Sarà che non voglio credere a certi livelli di incomunicabilità. Sarà che certi pensieri nati dalle pagine di Eleonora Caruso mi hanno fatto male e mi hanno (ri)portato nella realtà. Sarà che non conoscendo la problematica non ries ...more
severa.sha
Apr 21, 2013 rated it it was amazing
È come una doccia fredda, una dose di realtà che ti piomba addosso e ti fa vedere prima cosa c'è fuori dalla stanza di Darla: la vita, gli altri, il mondo. E poi la fatica necessaria per trovare la felicità, o per lo meno un equilibrio decente.
Ma alla fine, in un mondo privo di speranze, fatto di lavori precari e poco gratificanti, cosa c'è di male se l'unica cosa che ci fa sopportare l'esistenza, lo schifo di "essere adulti e responsabili" è tornare la sera a casa e mettere su una puntata di Ne
...more
Livia
Jan 24, 2016 rated it it was amazing
Per esempio trovo triste che la sera, quando torno a casa, le luci siano spente. Allora ho preso l’abitudine di tenerne una accesa, così appena la vedo da lontano mi ricordo che mi sto aspettando.



Erano secoli che non mi commuovevo così per un libro - che un libro non mi apriva così il chore, che non lo sentivo così mio. È uno di quei libri che ti fanno venir voglia di ringraziare l'autore. Di leggerne ancora.
Liliana
Jul 16, 2012 rated it it was amazing
Ci sono dei libri che passano inosservati, pagina dopo pagina, ti trovi di fronte a storie vaghe, per nulla interessanti.
Poi ci sono quei libri che ti scavano sotto la pelle, vengono assorbiti dai capillari e vanno in circolo nel tuo corpo, mandano impulsi al cervello. Questo è uno di quei libri.
A breve una recensione un po' più dettagliata.
Themarcharehat
Sep 20, 2012 rated it it was amazing
Mi è piaciuto molto. Ha significato qualcosa per me. Me lo aspettavo diverso e credevo mi avrebbe colpito come un pugno in piena faccia. Invece, si è fatto lentamente strada sotto la mia pelle a si è diffuso nel mio corpo come uno stato febbrile. E' anche un libro che può insegnare qualcosa, perciò sono grata di averlo letto.
Night Sins
Sep 04, 2015 rated it it was ok
Due stelle perché, non potendo poi darne zero a altri, almeno mi piace come è scritto.
Non la storia, troppo... melodramma italiano e telenovelas argentina. (E il modo in cui i personaggi scrivono nei messaggi è insopportabile, ho saltato metà della conversazione finale.)
Kimberly Anne
Jul 19, 2012 rated it really liked it
Questo è sicuramente il libro più bello che abbia letto negli ultimi tre, forse cinque anni.
Lascio detto questo, e mi propongo di scrivere una recensione più dettagliata quando avrò superato il trauma dell'aver voltato l'ultima pagina e aver visto che dietro c'era solo la copertina.
« previous 1 3 4 5 6 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
110 followers
Eleonora C. Caruso è nata nel 1986 e si è annoiata finché non è andato in onda Sailor Moon. Nel 2001 ha cominciato a scrivere in rete fanfiction sui suoi anime preferiti, conquistando in breve tempo migliaia di lettori. Ha fatto l’operaia, la commessa, l’impiegata, la centralinista di call centre. Vive a Milano con il suo compagno e la sua collezione di manga.
“«E la storia è su di loro che…?»
«Cazzeggiano. Cioè, in realtà viaggiano e cercano la Pietra Filosofale, che annulla lo scambio equivalente.»
«Per riavere i loro corpi.»
«Esatto. Lo aspetto con ansia perché voglio vedere se trombano.»
«Tra loro?»
«Sì.»
«…ma sono fratelli.»
«E…?»
Lui tace, sprofonda nella poltrona e continua a guardare. Dopo un po’ si sporge in avanti con slancio. «No, sul serio, sono fratelli!»
«Ebbè, c’è tensione sessuale.»
«Come fa a esserci tensione sessuale tra fratelli, uno dei quali è un’armatura?»
«Sono giapponesi, creerebbero tensione sessuale tra un ravanello e il piatto.»
Ci riflette e poi, persuaso, torna ad appoggiare la schiena. «Va bene, ha senso.»”
14 likes
“Penso che se le cose fossero andate diversamente saremmo stati tutti bene, ma poi mi correggo: siamo stati bene. Per quanto complesso, e a volte odioso, è stato bello per il semplice fatto che è stato.” 8 likes
More quotes…