Nereia's Reviews > Il castello in aria

Il castello in aria by Diana Wynne Jones
Rate this book
Clear rating

by
8040729
's review
Aug 24, 12

bookshelves: ebook
Read from August 19 to 24, 2012

Le notti d'oriente fra le spezie e i bazar son calde lo sai, più calde che mai, ti potranno incantar

Salam a tutti voi miei degni amici!
Pronti per un viaggio emozionante nel deserto dell'estremo oriente? Sì? E allora forza, montate sul tappeto volante di Diana Wynne Jones, non ve ne pentirete!
Il castello in aria è il secondo capitolo della trilogia che riguarda quel losco figuro del mago Howl. A differenza de Il castello errante di Howl, però, i protagonisti di questo libro non sono gli stessi che compaiono nel primo volume. Qui, infatti, Howl e Sophie non sono che comparse, dei cammei che appaiono solo alla fine. Il romanzo, però, non risente affatto di questa scelta dell'autrice, anzi. La prima parte, quella quindi che non riguarda affatto il romanzo precedente, è quella che ho gradito di più perché, verso la fine, la storia sembra perdere un po' di smalto. Il motivo è semplice: è tutto merito di Abdullah, il protagonista indiscusso della storia.
Abdullah, infatti, con la sua simpatica parlantina, ci mette subito a nostro agio e ci trascina con sé all'interno della propria tenda nella quale custodisce la sua preziosa mercanzia. Al lettore sembrerà di varcare la soglia della sua modesta e polverosa dimora e di sedersi al suo fianco, su una delle montagne di stoffe che la riempiono. Abdullah, in fondo, non è che un semplice mercante di tappeti al quale, per uno strano scherzo del destino, succede davvero di tutto. I suoi sogni, senza che lui se ne renda conto, si tramutano in realtà portando con loro anche una bella dose di contrattempi. A causa di una serie sfortunata di eventi si ritroverà a dover gestire una situazione che, da umile venditore di tappeti, certamente non aveva mai nemmeno immaginato.
Così, dall'interno della sua tenda, accompagnato da un tappeto volante, un genio intrappolato in una bottiglia e un ex soldato, Abdullah si lancerà nella ricerca forsennata e, perché no, anche un po' disperata della principessa della quale si è invaghito: Fior della Notte, una principessa che fino a quel momento era vissuta solo nei suoi sogni.
Con un linguaggio semplice e diretto la Jones ci accompagna, quasi per mano, nell'estremo Oriente e ce ne trasmette l'atmosfera, gli odori. Sembra quasi di ritrovarsi sporchi della polvere dei tappeti di Abdullah, pregni degli miasmi, non esattamente gradevoli quindi, della cucina di Jamal, accaldati dal clima torrido del deserto della città di Zanzib.
Un romanzo, questo, che più che fantasy definirei fiabesco, certamente più del primo. Anche qui gli elementi della fiaba ci sono tutti e sono mescolati per bene, così da poter inserire all'interno della narrazione anche un po' di mistero. Quando ci si immerge nella lettura (perché ci si immerge, date retta a me e alla mia povera schiena) non si può fare a meno di pensare ad Aladdin e alla figura dello strano mercante con il quale ha inizio il cartone animato. E poi il tappeto, il genio, le tende. Tutto, insomma, richiama alla nostra memoria i colori caldi creati dalla Disney. Eppure il romanzo della Jones è stato pubblicato ben due anni prima dell'uscita del cartone animato della Disney, ma tradotto in italiano dalla Kappa Edizioni solo nel 2006.
Qualunque età voi abbiate lasciatevi rapire dalla Jones e fatevi trasportare, senza opporre resistenza, dalle sue parole che, come se foste su un tappeto volante, vi condurranno verso un mondo nuovo, unico nel suo genere: il mondo dei vostri sogni.
E proprio come dice lo strano figuro all'inizio di Aladdin:
"Non vi fate ingannare dall'aspetto comune. Come per tante cose non è quello che si vede, ma quello che c'è dentro che conta".

Recensione presente sul mio blog: Recensione Il castello in aria
1 like · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Il castello in aria.
sign in »

Reading Progress

08/21/2012 page 50
25.0% "*_*" 2 comments
08/21/2012 page 64
32.0% ""Quell'uomo mi attrae. Brilla di disonestà." ^^"
08/21/2012 page 64
32.0% ""Emergenza... o giacinto selvatico... campanula di tutti gli spiriti in bottiglia, trasportaci... lontano da qui!"- Abdullah parlava a fatica per la corsa, ma era riuscito a mantenere un tono umile e sottomesso.
xD"
08/21/2012 page 92
46.0% ""Emergenza... o giacinto selvatico... campanula di tutti gli spiriti in bottiglia, trasportaci... lontano da qui!"- Abdullah parlava a fatica per la corsa, ma era riuscito a mantenere un tono umile e sottomesso.
xD"
08/22/2012 page 122
60.0% "Sappi, Abdullah, che quando finirò questo libro mi mancherai tantissimo."

No comments have been added yet.