Callie S.'s Reviews > Chiedi alla polvere

Chiedi alla polvere by John Fante
Rate this book
Clear rating

by
10843750
's review
Jul 11, 12

bookshelves: favorites
Read in January, 2001

Amato, obliato, riscoperto, dimenticato, mitizzato, ghettizzato, eletto a pubblico manifesto di un nuovo spleen generazionale: è difficile credere che un solo (per quanto geniale nella sua apparente semplicità) prodotto di un talento narrativo possa essere stato tanto. Eppure Chiedi alla polvere di John Fante, intriso di suggestioni epiche fin nel titolo (anche se di epico c'è solo il gusto del raccontare una piccola, modestissima argonautica personale e umanissima), è opera che ha conosciuto fortune alterne, dalla prima traduzione con cui giunse Italia, all'inizio degli anni Quaranta. Conoscere il contesto in cui è stato concepito non deve però illudere sui temi del romanzo. Come ho già suggerito, la storia narrata rimane circoscritta a un milieu ristretto, che pure, nella sua apparente perifericità rispetto alla Grande Storia, assurge all'universalità del mito umano. Arturo Bandini, alter ego dell'autore, non è solo il protagonista, quanto l'icona dello Scrittore di belle speranze, del Cattolico irrisolto, dell'Amante non amato - e Camilla Lopez, bruna bellezza, ghettizzata, umiliata, nobilissima, selvaggia, opportunista, sottomessa, infida, drogata, ingenua, una spudorata Eva, che induce al peccato e ne finisce divorata. E' un romanzo che stupisce per la fluidità della prosa, per l'ironia graffiante, la comicità spontanea, le dolenti aspettative che illustra, alternando sarcasmo a patetismo e, talora, introducendo squarci lirici di indiscutibile bellezza. E' una storia che ne contiene almeno altre tre e che si apre su altrettante ipotesi; prosa cinematografica, curatissima nel dettaglio narrato e nelle invenzioni linguistiche.
1 like · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Chiedi alla polvere.
sign in »

No comments have been added yet.