Plucino's Reviews > Asterios Polyp

Asterios Polyp by David Mazzucchelli
Rate this book
Clear rating

by
6171863
's review
Jun 26, 12

bookshelves: comics
Read in January, 2012

(recensione dell'edizione originale americana)

La confezione. Prendo in mano Asterios Polyp e subito, prima ancora di aprirlo, mi irrito. Sia Pantheon Books che l'editore italiano Coconino propongono una confezione congegnata per infastidire tanto il libraio quanto il lettore-collezionista. La sovraccoperta copre un 80% del libro, lasciando scoperta una rilegatura per metà di tela e per metà di cartone grezzo - ideale per rovinarsi in libreria prima ancora di essere comprata. Il progetto è opera dello stesso autore che voleva "il packaging più fastidioso possibile".

Benissimo... procediamo all'interno.

La storia è quella di un architetto americano di origine greca, Asterios Polyp. Provo a raccontare nel seguito la trama, anche se estremamente povera. La scena iniziale si apre su Asterios con la barba da fare, "stravaccato" sul letto in un alloggio di Manhattan: probabilmente all'origine si tratta di un alloggio di lusso, arredato con gusto, ma è ora diventato la tana di un barbone, con pile di piatti da lavare, bollette e solleciti di pagamento vari sparpagliati per la casa. Un "capriccio degli dèi", un fulmine, fa prendere fuoco all'alloggio di Asterios che, senza starci a pensare su, prende un autobus "fin dove lo portano i soldi". Asterios arriva ad Apogee, dove si mette al servizio di un meccanico, Stiff Major, e prende una stanza in affitto in casa Major, dove vivono l'esoterica moglie Ursula ed il figlio. Partecipa alla vita del classico cittadina americana "nel mezzo del nulla", finché un giorno non parte, con una macchina ad energia solare, alla volta del proprio destino (destino, o capriccio degli dèi?). Questa in sintesi, evitando accuratamente ogni spoiler, la trama.

La grafica pur non sembrando una grande novità, è sicuramente molto coinvolgente. Ogni personaggio ha una sua specifica forma che rimanda ad altri fumetti - Asterios è squadrato, sembra preso da Dick Tracy, Hana è tondeggiante, alcuni personaggi di Apogee sembrano contadini di Li'l Abner. Oltre alla forma ogni personaggio ha una propria grafica per il testo, per la forma del fumetto stesso e anche un colore dominante. Non solo i singoli fumetti o "nuvolette" dei testi sono personalizzati: Mazzucchelli con alcuni trucchi molto semplici ma efficaci ci fa capire quando una persona non lascia parlare un'altra, o quando una voce si perde nella folla. Nei momenti di crisi, Asterios e la moglie Hana assumono forme e colori ancora più decisi. A livello di colori: manca il nero, sostituito dal viola. Sui contenuti, penso si possano scrivere e si scriveranno tesi di laurea.

La forma fumettistica è probabilmente perfetta per illustrare una storia che si sarebbero forse potuta condensare in un racconto di poche pagine. Ma le 300 e oltre pagine (credo, non c'è numerazione) servono anche per dare respiro alla traiettoria di un uomo di grande successo ma perso in se stesso, che si apre gradualmente agli altri fino a capire cosa vuol dire ascoltare e costruire un dialogo. L'arte di ascoltare e la costruzione di un dialogo, e l'interazione fra la percezione di noi stessi e il nostro sapere stare al mondo, sono i temi che mi hanno coinvolto di più, ma gli spunti morali e filosofici che offre il testo sono inesauribili ed invitano ad una seconda e terza lettura.
Ma il tema principale è quello di dualismi veri o presunti:
-lineare/blu/bidimensionale/Asterios ≠ plastico/rosso/tridimensionale/Hana,
-nato/Asterios ≠ non-nato/Ignazio*,
-Apollo ≠ Dioniso,
-monologo ≠ dialogo.

(*Ignazio è il fratello gemello di Asterios nato morto)

E non solo. Nella cittadina di Apogee, il meccanico Stiff Major ("maggiore rigido"), bravo omone sovrappeso tutto d'un pezzo, ha come contrappesi ideologici la moglie ex hippie / alternativa e il progressista ex aiutante d'officina Geronimo Pinque. Come dire: l'America non è tutta fatta dei bravi omoni alla Stiff Major. Brave persone che votano George W. Bush e per la propria tranquillità d'animo lasciano che gli USA versino la propria spazzatura sul resto del mondo, dalle guerre preventive alle bolle finanziarie.

Mazzucchelli ci dice: l'America non è tutta così, ci sono anche personaggi alternativi anche se minoritari come Ursula e Geronimo.
likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Asterios Polyp.
sign in »

No comments have been added yet.