Ginny_1807's Reviews > La ballata di Iza

La ballata di Iza by Magda Szabó
Rate this book
Clear rating

by
10382635
's review
Oct 21, 12

bookshelves: romanzi
Read in August, 2010

È un romanzo duro, questo, pur nella apparente pacatezza della sua prosa. Un romanzo che si insinua in ogni piega della mente, depositandovi tracce indelebili, cicatrici dolorose.
Magda Szabò è maestra nel tratteggiare fin nelle sfumature più sottili e segrete i moti dell’animo e indaga con precisione minuziosa i meccanismi che, nel bene e nel male, sovrintendono ai rapporti tra le persone: dai più intimi, quali i legami di sangue, l’amicizia e l’amore, a quelli meno stretti e assidui della vita di quartiere, lavorativa o cittadina.
Debolezze e meschinità, piccole e grandi manie, aspirazioni grandiose o futili; coraggio, generosità, invidie, gelosie, progetti e ideali più o meno manifestamente espressi… Nulla sembra sfuggire a questa magnifica scrittrice e alla sua penna lieve e arguta insieme.
Una tensione sospesa e progressivamente crescente attraversa le pagine di questo libro, creando un senso di attesa quasi spasmodica di una “rivelazione”, che scopra finalmente l’elemento motore che ha scatenato il dramma. Sarebbe tuttavia erroneo aspettarsi dichiarazioni altisonanti o eventi memorabili, in quanto il dramma si genera interamente e silenziosamente nell’intimo di persone comuni che conducono esistenze del tutto ordinarie. Straordinario invece è il modo in cui vengono ritratte queste esistenze e queste persone, tanto che ognuna di esse, con la sua storia, potrebbe considerarsi protagonista di un proprio racconto autonomo.
È un romanzo d’amore, questo. Nonostante che di amore in fondo si parli soltanto marginalmente. Amore tra un uomo e una donna, tra una figlia e i genitori, tra genero e suoceri, tra infermiera e paziente.
E straordinario è il messaggio che scaturisce dalle vicende, ossia che amare qualcuno, chiunque esso sia, non ci autorizza a pianificare la sua vita in base alle nostre esigenze o a ignorare i suoi bisogni, i suoi desideri, i suoi ricordi, in nome di un egoistico senso di protezione, facendone una persona infelice, inutile e viva soltanto a metà. Così per essere amati è indispensabile accantonare l’individualismo e far dono di sé; e all’occorrenza scoprire il fianco alle ferite inferte dalla vita e abbandonarsi al dolore, perché anche soffrire significa vivere. Come pure commuoversi ascoltando una ballata triste.
Tutto il resto è vuota apparenza, arida solitudine.
4 likes · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read La ballata di Iza.
sign in »

Comments (showing 1-2 of 2) (2 new)

dateDown_arrow    newest »

message 1: by arcobaleno (new)

arcobaleno E' più di un commento al libro, questo! Molto di più :-)


Ginny_1807 arcobaleno wrote: "E' più di un commento al libro, questo! Molto di più :-)"

È il libro ad essere molto bello e "stimolante" :-)


back to top