T4ncr3d1's Reviews > Otto ore, cronistoria di un incidente

Otto ore, cronistoria di un incidente by Francesco Scardone
Rate this book
Clear rating

by
4894181
's review
May 02, 2012

really liked it
bookshelves: italiani
Read in May, 2012

Un uomo si risveglia intontito in un'auto, nel bel mezzo del nulla. La macchina è chiusa, lui è in trappola: lo attende una lenta agonia di otto ore. Lui è la vittima. A osservarlo, paziente, è l'ex-moglie. Lei è l'assassina.
Questi sono i presupposti di Otto ore, cronistoria di un incidente, e di più non dico per non rovinare il piacere della lettura. Non che la lettura si esaurisca nella risoluzione del mistero come in un giallo qualsiasi, è bene specificarlo; inevitabilmente, però, risulterebbe difficile apprezzare la piacevole costruzione narrativa del racconto, dal ritmo serratissimo.
Dopo averci abituato a casi estremi, fuori dall'ordinario, Scardone fa una brusca virata e ci inchioda all'orrore del quotidiano. Quella di Otto ore è una storia come tante, una di quelle storie che affollano i telegiornali e i salotti televisivi più morbosi. L'abilità dell'autore si fa viva nello scavare a fondo, nel mostrare tutti i dettagli e le sfaccettature di un piccolo evento, un incidente casuale, capace, però, di scatenare il caos. Caso e caos, due termini che ricorrono nel racconto, che lo stesso narratore mette in stretta correlazione, giocando sull'anagramma. Passo dopo passo la verità viene a galla, grazie anche a un uso sapiente e sempre azzeccato dei flashback: una carrellata di "fotografie" della vita dei due personaggi, tra detto e non-detto. C'è un apprezzabile gioco dei contrasti, uno smascheramento infinito, una continua inversione dei ruoli, l'assassino inconsapevole che si fa vittima, la vittima che si dichiara esplicitamente assassina.
Non c'è morbosità, non c'è pietismo nella narrazione di questo evento di cronaca nera. Lo stile, sorprendentemente asciutto, ridotto all'osso, basta per scavare a fondo nella psicologia dei personaggi, preciso e asettico come l'affondo di un bisturi. L'autore racconta la storia oltre la storia: quando togli tutto, le parole superflue, i teatrini mediatici, tutte le emozioni, quel che resta è la verità essenziale. Che è incolore.
Un'ottima prova, dunque. Troppo breve, se proprio devo individuarne una pecca. Un racconto che lascia il segno, davvero.
2 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Otto ore, cronistoria di un incidente.
Sign In »

No comments have been added yet.