Luana's Reviews > Vita

Vita by Melania Mazzucco
Rate this book
Clear rating

by
4879879
's review
May 01, 2012

it was amazing
Read from May 01 to 10, 2012

Di recente ho avuto in lutto in famiglia: uno dei capostipite, ormai giunto alla veneranda età di 96 anni ci ha lasciati in silenzio, così come in silenzio stava ormai conducendo la sua esistenza. Eppure, chissà quante cose aveva ancora da dire, quante cose non ha detto e invece sarebbero potute essere per noi dei tesori. Ma per effetto della provata teoria secondo cui capiamo il valore delle cose solo quando non le possediamo più, credo di aver capito troppo tardi, solo di fronte all’unico evento irrimediabile della vita, cosa si stava perdendo. Nel tessuto familiare si stava creando un buco, una voragine quasi centenaria, non solo di affetti, ma anche di parole, di racconti, di esperienze, di tradizioni e leggende del nostro piccolo clan in cui tutti i maschi, per rispetto, portano lo stesso nome.
Veniva a mancare non solo l’affetto, la figura ormai trisavola, veniva a mancare anche una parte della storia. Così quando mia madre mi ha chiamata per darmi la notizia io sono rimasta impietrita, e mi sono sentita come se avessi sprecato un’occasione, l’occasione di sapere da dove venissi, e visto quanto è difficile sapere dove stia andando, un’occasione d’oro, che mi fornisse almeno una parte della cornice del quadro. Così, quando ho iniziato a leggere ‘Vita’ di Melania Mazzucco, mi sono sentita come se qualcuno mi stesse inviando un segno, o forse un ammonimento, un ‘così impari’.

La Mazzucco infatti ha realizzato su carta quello che è sempre stato un po’ un mio desiderio segreto: partire dalle fronde per arrivare alle radici, sfrondare l’albero genealogico per arrivare a capire dove sorga l’acqua che ha fatto di modo che tramite combinazioni imperfette, casualità e coincidenze io giungessi a vivere dove vivo, figlia dei miei genitori e sorella di mia sorella.
Armata dei ricordi del padre, di un prozio non più vedente, ma ancora capace di riesumare episodi e storie, questa scrittrice di sconfinato talento ha fatto della sua storia di famiglia un romanzo in cui a volte i personaggi sono dotati di super poteri solo come accade nelle saghe famigliari talmente ataviche e polverose che tutto prende il sapore della leggenda, della possibilità, dell’incertezza e del bisogno di ricostruire ad ogni costo, anche prendendo per buone quelle parole che attengono all’invenzione, non alla realtà storica.

Parte da Minturno, prende una nave per l’America e, con Diamante e Vita, due ragazzini di 13 e 9 anni sbarca, agli inizi del Novecento, nella terra dove tutto è possibile, di cui basta il nome ad evocare occhi sognanti, orizzonti e porte aperte per tutti: l’America.
Ma davvero si tratta di ciò, di un Paese aperto a tutti? E’ fondata la leggenda che vuole che gli immigrati senza un soldo in tasca potessero arrivare in America e passare dal ‘barbonaggio’ all’imprenditoria? Questo romanzo, in 475 pagine, risponde a queste domande in modo pungente, toccante, restituendo ai figli del 2000 una realtà ben diversa da quella che si crede di poter trovare.
Insomma, le cose agli inizi del Novecento, se eri italiano, non andavano proprio bene. A volte diventavi ricco, certo, ma poche volte. Le altre diventavi mafioso, collaboravi con la criminalità organizzata, facevi i lavori che nessun altro voleva fare, raccoglievi un dollaro al giorno per 16 ore di lavoro nelle quali costruivi le ferrovie, sì, ma le costruivi per gli americani. Se eri italiano, nel 95% dei casi eri un alienato, nel senso più stretto del termine secondo cui davi la tua vita, la tua salute a costruire qualcosa di cui non avresti mai goduto. Se volevi essere onesto. Se non volevi essere onesto bastava freddare qualcuno in attesa che qualcuno freddasse te, nella grande America aperta per pidocchiosi, ma non per tutti, che ti rimandava indietro se non avevi gli occhi che vedevano.

E’ così che la Mazzucco mi ha attratta nel suo libro, nelle viscere della sua storia, restituendomi qualcosa che non appartiene solo a lei, restituendomi il ritratto di un Paese che è anche il mio: un Paese che non sa dove va, che non si vuole ricordare da dove è venuto, dove è andato. Un Paese che rigetta l’immigrazione senza ricordarsi i tempi in cui senza di essa non sarebbe sopravvissuta. Senza ricordarsi di quando nell’ultimo carro, stipati come sardine, c’eravamo noi, gli italiani. I mafiosi. Quelli che non imparavano l’inglese nemmeno dopo anni di ‘sogno americano’.

E poi, oltre questo sentire comune, questo percorso di infamia comune, c’è la storia personale di Melania Mazzucco vera sino ad un certo punto, favola oltre questo in cui si confonde una storia d’amore struggente, troncata dal destino e che suona così lontana in un mondo in cui sai sempre dove si trovano le persone che ti interessano, con chi sono, cosa fanno, a che ore si sposteranno grazie a mezzi di comunicazione la cui inesistenza faceva perdere due amanti in un continente troppo grandi per ritrovarsi.
Il titolo è dedicato solo ad uno dei due personaggi, è dedicato solo a Vita, figura di grande imponenza, maliziosa, forte, contraddistinta da una volontà di ferro, dalla fermezza di nervi, una donna alla Mazzucco, come già ne avevo conosciute leggendo Il bacio della Medusa. Vita ce l’ha fatta, è diventata ricca, ma solo per la sua capacità di vivere nel presente, di prendere per buono quello che c’è strappandogli tutta la positività possibile e opponendola alle angherie di una vita in cui Diamante non c’è più. Mentre Diamante sta portando l’acqua, facendo il waterboy, il lavoro dei più umili, il lavoro degli sfruttati, pensando a come togliere Vita dalla mondezza della strada. In un continuo allontanarsi, ritrovarsi, prendersi, senza mai davvero lasciarsi, ballano questi due personaggi sul teatrino di un amore focoso, ma incerto, con grandi progetti, ma poche speranze, di grandi dolori che lacerano l’anima di Diamante Mazzucco, nonno della talentuosa scrittrice.

Si saldano in questo romanzo la platealità della storia di una generazione, e l’intimità degli eventi di una famiglia, il tema della ricerca che spinge tutti i personaggi di questa storia a buttarsi nel passato, in terre antiche, l’incapacità di arrestarsi in pace sinché tutto non è ritrovato e rimesso al proprio posto. Ed è inutile dirlo, ritrovare è quasi sempre impossibile. Arriva la Grande Guerra, la televisione, i nuovi figli, e le parole si perdono, gli eventi si confondono, le carte si perdono sin quanto un cuore curioso non decide di ritagliarsi il suo posto, di ricercarsi. E’ stata questa l’operazione di Melania Mazzucco che le ha fruttato il premio Strega, un’operazione che è un tentativo di riordinare, di aggrapparsi anche con le grinfie agli ultimi brandelli di una storia che è la propria, ma ormai troppo labile.

Ancora una volta, sul finale, ho sentito quel brivido di nostalgia, quei brividi che solo i grandi scrittori ti sanno regalare.
Il brivido di aver capito che sei al capolinea: saltare giù dal treno, giunti a destinazione. E Melania Mazzucco ci riesce sempre, a relegarmi in queste storie melanconiche e avvolgenti che poi, lo so già, non mi lasceranno in pace per mesi. Se non anche per anni.
12 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Vita.
Sign In »

Reading Progress

05/02/2012 page 47
10.0% "Gli americani non è che si inteneriscono se uno è sposato e affezionato ala moglie che ha sempre fatto il suo dovere. Non è che pensano che uno la aspetta da dieci anni, si è sfasciato la schiena per farla partire e finalmente se ne va a prenderla sull'isola tutto contento. Ti guardano negli occhi e se hai una cispa o il catarro ti fanno una croce sulla schiena - e addio Dionisia."
05/02/2012 page 47
10.0% "Gli americani non è che si inteneriscono se uno è sposato e affezionato ala moglie che ha sempre fatto il suo dovere. Non è che pensano che uno la aspetta da dieci anni, si è sfasciato la schiena per farla partire e finalmente se ne va a prenderla sull'isola tutto contento. Ti guardano negli occhi e se hai una cispa o il catarro ti fanno una croce sulla schiena - e addio Dionisia."
05/03/2012 page 81
17.0% "Non vuole perdere il lavoro. Le notizie su tutto il mondo e sulla sua nuova città, la lingua italiana, le molte parole, le idee che scopre e che ha sempre ignorato, i dollari che spedisce al padre e i sabati con Vita sono le prime soddisfazioni che è riuscito a strappare all'America. Non le sacrificherà per paura di un cacciavite. Non ho paura - dice. La paura non può permettersela."
05/04/2012 page 163
34.0% "Cercò di convincermi ad andare a New York, almeno una volta. Diceva che aver visto molti paesi significa arrivare giovani all'età matura."
05/05/2012 page 189
40.0% "La gente pensa che i ricordi rendono tristi, disse. Invece è vero il contrario. Si diventa tristi quando si dimentica."
05/08/2012 page 301
63.0% "I compagni del campo più esperti dicono che le donne hanno bisogno delle parole come gli uomini degli atti impuri."
05/12/2016 marked as: read

Comments (showing 1-1 of 1) (1 new)

dateDown arrow    newest »

message 1: by Cybertraveller (new)

Cybertraveller Bravo! Dovresti scrivere anche tu...


back to top