Michele Manara's Reviews > I dispiaceri del vero poliziotto

I dispiaceri del vero poliziotto by Roberto Bolaño
Rate this book
Clear rating

by
4529278
's review
May 15, 2012

bookshelves: fiction
Read from May 11 to 16, 2012

flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read I dispiaceri del vero poliziotto.
Sign In »

Quotes Michele Liked

Roberto Bolaño
“E cos’è che impararono gli allievi di Amalfitano? Impararono a recitare a voce alta. Mandarono a memoria le due o tre poesie che più amavano per ricordarle e recitarle nei momenti opportuni: funerali, nozze, solitudini. Capirono che un libro era un labirinto e un deserto. Che la cosa più importante del mondo era leggere e viaggiare, forse la stessa cosa, senza fermarsi mai. Che una volta letti gli scrittori uscivano dall’anima delle pietre, che era dove vivevano da morti, e si stabilivano nell’anima dei lettori come in una prigione morbida, ma che poi questa prigione si allargava o scoppiava. Che ogni sistema di scrittura è un tradimento. Che la vera poesia vive tra l’abisso e la sventura e che vicino a casa sua passa la strada maestra dei gesti gratuiti, dell’eleganza degli occhi e della sorte di Marcabruno. Che il principale insegnamento della letteratura era il coraggio, un coraggio strano, come un pozzo di pietra in mezzo a un paesaggio lacustre, un coraggio simile a un vortice e a uno specchio. Che leggere non era più comodo che scrivere. Che leggendo s’imparava a dubitare e a ricordare. Che la memoria era l’amore.”
Roberto Bolaño, Woes of the True Policeman


No comments have been added yet.