Noce's Reviews > L'inconfondibile tristezza della torta al limone

L'inconfondibile tristezza della torta al limone by Aimee Bender
Rate this book
Clear rating

by
4969354
's review
Feb 01, 2012

did not like it
Read from February 01 to 02, 2012

Manifestazioni in piazza, Italia paralizzata, il malcontento lievita e le torte dicono “No!”

Stamattina l’Italia si è svegliata col più dolce degli aromi, quello delle torte in forno e delle paste alla crema. Purtroppo non è tutto oro quel che odora. Ma sentiamo cos’ha da dirci il nostro inviato.

- Sì, buongiorno, qua la situazione è critica. All’inizio sembrava una qualsiasi manifestazione pacifica, ma le forze dell’ordine non erano preparate a un tale incremento di manifestanti.

Ci sono cortei chilometrici divisi per prodotti. Adesso sono in mezzo a quello delle torte glassate, ma se la camera riesce a inquadrare, ecco vedete là in fondo verso l’incrocio, quello è il corteo dei cioccolati fondenti. E non basta, vedo striscioni di protesta anche da parte dei singoli ingredienti.

Stiamo cercando di sentire un po’ tutti per capire qual è l’opinione generale, anche se ormai sembra chiaro che lo scontento sta dilagando.

Ecco, ecco, una fetta di torta al limone, che vi ricordo, è parte della classe più interessata dagli eventi, si è appena staccata dal suo gruppo, vediamo se riusciamo ad avere qualche risposta in più.

-Salve, Signora Fetta, allora? Avevate previsto tutta questa affluenza?

- Ma certo! Ma le pare che potessimo stare in silenzio davanti a questo affronto? Secondo lei è cosa da poco scrivere un libro del genere e rimanere impuniti?

- Ma cos’è che più vi ha dato fastidio nella posizione della Bender?

- Ah, si figuri! Della sua posizione niente, dato che non ne ha preso. Casomai di quella che CI ha attribuito. Ma si rende conto!!! Viene finalmente alla luce, dopo i cinquant’anni di segreto di Stato imposti, il retroscena di quella che fino ad ora era sempre stata una frase banale , che sembrava ormai proprietà indiscussa delle nonne, vista la tendenza a non saper più mangiare..ecco insomma, finalmente si spiega la dietrologia della frase “Si vede che l’hai cucinato con amore”, e la Bender, cosa decide di fare? Di sollevare il polverone senza fornire spiegazioni. Ma le pare? Siamo indignati per questa totale indifferenza e mancanza di rispetto. E non solo nei nostri confronti. Come vede, ci siamo quasi tutti. Ah, ma stavolta non la passa liscia, vogliamo una censura, un decreto salva-torte, un emendamento, qualcosa che ci grantisca la giusta soddisfazione.

- Ma scusi, in fondo la Bender non dice niente di male su di voi, anzi, in un certo senso parteggia proprio per la buona cucina! E poi i temi principali della vicenda non siete solo voi, vi siete dimenticati del fratello della protagonista?

- Ecco, appunto, bravo! Lo vede che c’è arrivato pure lei? Mi stupisco di come ancora non siano scesi in piazza, armadi, letti, credenze, tavoli e sedie. Sa cosa penso? Che la Bender si sia dhrfcsgr…

- Prego? Se parla così a bassa voce non la sento.

- CHE SI SIA DROGATA, ecco cosa!!

- Non le pare di esagerare?

- Macchè esagerare. Anzi, è proprio perché sto cercandole attenuanti, altrimenti non si spiega che dopo aver parlato di noi, svelando il mistero che lei sa, ci abbia abbandonato così, senza aver risolto niente, e si sia dedicata a parlare del fratello e di quei suoi poteri da strapazzo.. Ah, poveri mobili, saranno chiusi in casa dalla vergogna, poveretti, che pena. Almeno noi, abbiamo trovato la forza di protestare..

- Ma mi scusi, Signora Fetta..

- Signora Fetta di Torta al Limone prego..

- Ah, certo, chiedo scusa, Signora Fetta di Torta al Limone, io capisco il vostro disappunto. Immagino che sarebbe stato molto meglio parlare di voi approfondendo la questione, così come anche per i mobili, ma certi scrittori si sa, che lasciano le cose sospese, proprio perché rimanga quel certo alone di magia….

- Ma quale magia e magia! Qua non si tratta di magia. Si tratta di non saper argomentare, si tratta di non saper raccontare, si tratta di riandare alle elementari e ripassare il capitolo dove si parlava dei temi. Se lo ricorda? Quando davano il tema d’italiano, c’era il titolo, e sotto l’alunno scriveva: SVOLGIMENTO.

La Bender le ha fatte le elementari? Pare di sì, dato che lo stile che usa nel libro è da elementari. Gliel’avranno pure insegnato che quando deve svolgere una storia la deve dire tutta e non deve lasciare niente al caso. E soprattutto non deve mai e dico mai abbandonare il lettore così, con un palmo di naso, senza spiegargli qual è il punto, qual è il bandolo, che se parla di magia poi deve anche spiegare dov’è che sta questa benedetta magia. Eh? Lo sa? Gliel’hanno insegnato? Ma sì, sti scrittori di adesso sono una manica di imbroglioni, e gli editori pure, Tsè! Fanno il botto con una trama che sembra originalissima, e quella della Bender in effetti lo era, e pensano che basti per farne un buon libro. Senza che ci sia dietro una morale, una sottotrama, un tessuto narrativo valido. Niente.

- Certo certo, capisco quello che intende, però forse ragionandoci sopra, quello che la Bender voleva dire con la sua storia sconclusionata è appunto questo. Una metafora di quello che vorremmo dire e che non diciamo perché non veniamo ascoltati, perché i rapporti affettivi, soprattutto quelli familiari, sono retti da equilibri sottili, fragili.

- Ma mi faccia il piacere. Fragile sarà quella zucca dell’editore dopo che gli avremo lanciato dietro una vagonata di tortiere antiaderenti. La verità sa qual è? È che esistono tantissimi modi di raccontare le proprie insoddisfazioni. (vedi Kafka, se lo ricorda Un artista del digiuno? Ecco, quello era un modo un po’ macchinoso per parlare di poteri, e di cibo in senso lato. Molto lato. Ma il messaggio c’era, ed era compiuto). Ma se si arriva ad attirare il lettore con qualcosa di estremamente accattivante, come modestamente può essere il sapore triste di una torta al limone, bisogna poi essere all’altezza di così tanta prelibatezza culinaria.

E adesso mi lasci andare che il corteo sta avanzando.

(Fetta di Torta al Limone corre vivacemente verso il corteo)

- Forza, forza, su con quegli striscioni, avanti andiamo. E scandite bene le parole:

“NON-CI-SONO-LIBRI-PIU’-ACIDI-DI-QUELLI-DOLCI-PER-INTERESSE- NON-CI-SONO-LIBRI-PIU’-ACIDI-DI-QUELLI-DOLCI-PER-INTERESSE-“

La camera torna a inquadrare l’inviato

- Eccomi sì, come vedete, l’indignazione è tanta, la Signora Fetta di Torta al Limone è stata molto chiara. Per adesso è tutto, posso ridarvi la linea, ma aspettate, un attimo, la Signora Fetta s’è staccata dal corteo e sta correndo verso di me..
Eccola, voleva forse dichiarare qualcos’altro?

- No, no, volevo sapere se posso salutare una persona a casa, posso?

- Prego. -.-‘

- Ehi, Noce Moscata mi senti? A pagina 310 si parla di te!!! Un bacio a tutti quelli che mi conoscono, ciaoooooooooooo.

http://i874.photobucket.com/albums/ab...

- Ecco, ehm, sì, da Roma è tutto, a voi la linea.
14 likes · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read L'inconfondibile tristezza della torta al limone.
Sign In »

Reading Progress

03/19 marked as: read

Comments (showing 1-23 of 23) (23 new)

dateDown arrow    newest »

message 1: by Alessandro (new) - added it

Alessandro Lo voglio assolutamente leggere, ma non l'ho trovato in libreria! -.-


message 2: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce Spero che il libro sia all'altezza del titolo, che io trovo meraviglioso *_*


message 3: by Alessandro (new) - added it

Alessandro Beh, da quanto ho letto sembra prometter bene, ed anche la trama è promettente. Buona lettura e aspetto un tuo giudizio, come sempre.


message 4: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce occhei :D


message 5: by Elisabetta (new)

Elisabetta Io l'ho letto!l'ho prenotato per averlo, ma non mi ha appassionato...!!


message 6: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce ummm.. vedremo cosa ne uscirà alla fine. In effetti io sono a un terzo del libro, e non ci ho ancora visto niente di così eccezionale da ricordare, però chissà, non si sa mai :)


message 7: by Chiara (new)

Chiara Pagliochini Oddio. Ha un... sapore delizioso!


message 8: by Alessandro (new) - added it

Alessandro Caspita mi hai convinto a non comprarlo, che poi comunque non l'ho trovato ancora, neanche oggi. xD


message 9: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce casomai prendilo in biblioteca.. se non altro è un libro che si legge abbastanza in fretta. Anche a volerci perdere del tempo (cosa che in effetti ti sconsiglio) non è comunque un tempo lungo :) :)


message 10: by Alessandro (new) - added it

Alessandro Biblioteca? ahahaha... Dove vivo io non è come nelle grandi città. La biblioteca, cos'è? Le librerie, è già tanto che ce ne sono e sono poco fornite. Dovrei andare di fronte, sull'altra sponda, e tutti ci scherzano quando dico che passo dall'altra sponda. Chissà perché!


message 11: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce È anche la mia preferita!! E no, fortunatamente l'ho preso in biblioteca. infatti ora devo cancellare la faccina e le sottolineature a matita che avevo fatto pro-foto, anche se sarei quasi tentata di lasciarle per pura vanagloria :D


message 12: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce Demian wrote: "Biblioteca? ahahaha... Dove vivo io non è come nelle grandi città. La biblioteca, cos'è? Le librerie, è già tanto che ce ne sono e sono poco fornite. Dovrei andare di fronte, sull'altra sponda, e t..."


ahaha, l'altra sponda però è carina dai :D

Nuoro non è una grande città, per niente. Piuttosto un paesone, però la sua biblioteca a quanto pare ha il sistema bibliotecario più ampio e antico della sardegna. Almeno una fortuna ogni tanto ce l'abbiamo pure noi. :)


message 13: by Noce (last edited Feb 03, 2012 03:59PM) (new) - rated it 1 star

Noce Giulia wrote: "Io le lascerei.. la biblioteca del mio paese natio ha tutti gli Shakespeare contrassegnati da me (che non si dica in giro). Però quanto è bello trovare dei segni di un precedente lettore? E quanto ..."

Se mi dai man forte, non posso che lasciarle. E dato che siamo in vena di segreti, te ne dico uno: a pagina 77 di ogni libro che prendo e leggo della biblioteca, ci metto una piccola sigla all'angolo della pagina. N.M. (non è molto difficile capire cosa vuol dire, visto la già citata vanagloria). Nel corso degli anni questa cosa mi ha ricordato quanti libri ho letto, e quanti ho rischiato di prendere come non letti, perché assolutamente immemore di averlo già fatto. :D


message 14: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce ahha infatti, sarà la dannazione dei geologi del futuro che cercheranno di interpretare i misteri dei loro avi, questi sconosciuti.


message 15: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce LOL, ho trovato una degna collega di fantasie da super eroina :D


message 16: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce NanoMetro? :D

oppure il National Meographic del futuro. ^^

Miseria quanto sono stupida. Và, che vado a far nanne. Buonanotte Giulietta :)


Donata Io l'ho preso solo perché avevo letto l'altro roamnzo della bender che mi era piaciuto molto. l'ho appena iniziato, vediamo com'è. e comunque devo anch'io ringraziare le biblioteche che ti permettono di prendere tutti i libri che vuoi e di leggere di tutti, anche delle schifezze, senza sentirti in colpa perchè ci hai speso dei soldi.


message 18: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce Cercherò di star zitta per non rovinarti l'entusiasmo nascente. Io sinceramente, per un po' non ho più voglia di leggere nient'altro di suo :)


Donata Noce wrote: "Cercherò di star zitta per non rovinarti l'entusiasmo nascente. Io sinceramente, per un po' non ho più voglia di leggere nient'altro di suo :)"

ti farò sapere come va! ;-)


message 20: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce Ci conto :)


Donata Ciao Noce, l'ho trovato inutile tutto sommato, ma devo dire che ho letto molto di peggio nella mia vita.


message 22: by Noce (new) - rated it 1 star

Noce Di peggio c'è senz'altro. E inutile è proprio un aggettivo azzeccato :D


message 23: by [deleted user] (new)

sei mattacchhiona :)


back to top