Tanabrus's Reviews > Before They Are Hanged

Before They Are Hanged by Joe Abercrombie
Rate this book
Clear rating

by
4582860
's review
Dec 24, 11

bookshelves: fantasy, in-inglese
Read from May 03 to 09, 2010, read count: 1

Secondo volume della trilgoia The first law, il cui primo libro (The blade itself) mi aveva intrigato in quanto a personaggi e ambientazione lasciandomi però alquanto perplesso come storia, visto che si dilungava enormemente sui personaggi e sulle loro evoluzioni ma terminava in pratica quando la storia cominciava.

Questo secondo volume, come era prevedibile alla fine del primo, si divide in tre grossi tronconi.
Abbiamo il viaggio del gruppo guidato dal Bayaz, radunato da tutto il mondo per scovare il seme e sconfiggere l’odiato Khalul; abbiamo la guerra al nord, contro Bethod, dal punto di vista del gruppo di guerrieri un tempo sotto la guida di Ninfingers; abbiamo la missione di Glokta a Dagoska.

La parte principale è ovviamente quella dedicata al primo dei Magi, Bayaz. Scopriamo qualcosa di più sui tempi passati e sulle vicende di questi maghi immortali, sopratutto scopriamo perchè per questa spedizione attraverso tutto il mondo il vecchio mago abbia voluto portare con sè il nordico Logen Ninfingers e la guerriera ribelle del sud, Ferro. Saputo questo, e posto che Quai viaggia con loro perchè suo apprendista mentre Longfoot deve fargli da guida, rimane solo da scoprire il motivo dell’inclusione di Jezal nel novero. Qualche idea ho cominciato a farmela, visti i frequenti insegnamenti che gli cerca di impartire il mago su come si debba comportare un re, e penso di aver fatto centro. Non ho idea di come Abercrombie e Bayaz lo metteranno sul trono, ma non vedo improbabile che diventi re o imperatore, alla fine.
Per quanto riguarda questa parte della storia, direi che è un classico “secondo volume”. Il viaggio, in questo caso attraverso tutte le terre note e ignote, in mezzo a guerre e ad agguati, tra i fantasmi delle civiltà passate.
Con un gruppo di persone che partono quasi odiandosi l’un l’altra, e che solo lentamente, condividendo le difficoltà e imparando ad aiutarsi, arriveranno a formare realmente un gruppo. Solo per merito degli sforzi di Logen, da vero leader quale è.

Al nord, il gruppo di Threetrees continua a cercare di vendicarsi di re Bethod arrivando addirittura a turarsi il naso per allearsi con i suoi nemici, i damerini dell’Unione. E chi troviamo a dover collaborare con questo gruppo di barbari? Ovviamente il colonnello West, cui sarà affidato il difficile compito di fare da balia al principino spedito al nord in cerca di gloria. Contro Bethod, sottostimato dagli altezzosi uomini dell’Unione.
Con un esercito ridicolo.
La conclusione pare scontata, e lo è.
Tragedie, morti, guerre, scontri. Questa parte rispetta le promesse, direi.
Non vedo l’ora che Logen si possa riunire con gli amici che crede morti, insieme possono realmente far tremare il nord queste persone!

Nell’Impero invece abbiamo Glokta, promosso Superiore e occupato con un duplice compito: scoprire chi ha ucciso e fatto sparire il suo predecessore, e far sì che la città affidatagli non venga riconquistata dall’Impero.
E questo senza fondi e senza aiuti militari. Con Vitari mandatagli appresso da Sult per spiarlo e tenerlo d’occhio.
Una situazione difficilissima, che si complicherà all’inverosimile tra tradimenti, attentati, Eaters e assedi.
Glokta comincia a mostrare spesso una debolezza di cuore verso le donne, alla fine non è diventato totalmente privo di scrupoli e insensibile.
Devo ancora capire quale sarà alla fine il suo ruolo nella situazione complessiva… ha avuto fino a qui una grandissima importanza, ma nel quadro generale della storia (cioè per quanto riguarda il corso principale degli eventi, quello di Bayaz) non riesco ancora a dargli una collocazione.

Come nel primo volume, i personaggi e l’ambientazione sono perfetti. Anche i loro mutamenti sono resi lentamente e in maniera realistica. Ferro e Jezal che lentamente cominciano ad abbassare le loro difese e a lasciare indietro i loro pregiudizi verso i compagni di viaggio, West che diventa sempre più selvaggio, Glokta che riscopre la compassione.

Questa voltà c’è anche la storia, ci sono gli eventi mancati nel primo libro.
Però ci mette a mio avviso un po’ troppo a ingranare, all’inizio sembra muoversi con la lentezza di The blade itself. Poi comincia a ingranare, ma per una discreta parte del libro si va lenti, troppo lenti.
Non fosse per questo il voto, la sensazione lasciata dalla lettura sarebbe migliore.

Un buon libro comunque, che mantiene i pregi del primo e migliora un poco nelle parti lacunose. Vediamo se il terzo riuscirà a conquistarmi pienamente…
3 likes · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Before They Are Hanged.
sign in »

No comments have been added yet.