Roberta's Reviews > Demoni amanti

Demoni amanti by Shirley Jackson
Rate this book
Clear rating

by
4547374
's review
Dec 20, 2011

it was amazing
bookshelves: 2007, americana, short-stories
Read in October, 2007

Nei suoi racconti Shirley Jackson scrive dei pericoli nascosti nella vita di tutti i giorni; dello scontro di personalità all’interno di una famiglia, di una comunità, di una stessa persona; di pregiudizi, neurosi ed identità. Nonostante sia molto conosciuta come autrice di racconti e romanzi “soprannaturali”, la maggior parte della sua produzione si occupa in realtà semplicemente di psicologia e società, di persone insomma. Persone disturbate, persone che non capiscono, persone che si torturano vicendevolmente, persone che arrivano senza pensarci ad atti mostruosi. E’ abile nel trovare esattamente la sfumatura dove una personalità scivola nella pazzia o dove una relazione passa dalla dipendenza allo sfruttamento.

La sua scrittura è anche divertente: asciutte osservazioni, dialoghi freschi ed assurdi.

Le sue storie riflettono il suo rifiuto di accettare il concetto limitato del ruolo di una donna promosso dalla società in cui viveva. Le sue protagoniste spesso sono punite per aver cercato un’esistenza diversa da quella tradizionale di moglie o madre. La sua stessa esistenza, divisa fra il ruolo di madre e moglie e la sua carriera di scrittrice, le causò non pochi problemi. Sembra che lo stesso marito della Jackson tentasse di tenerla occupata con le incombenze casalinghe perché minacciato dall’enorme talento della moglie. In questo modo la scrittura divenne una forma di ribellione anche contro il marito che tentava di “inchiodarla” al ruolo che la società aveva pensato per lei.

Il tema dell’identità è affrontato in modo anche più ampio, ad esempio in storie in cui i valori di una persona si rivelano drammaticamente diversi da quelli della società in cui vive. Quando la persona in questione rifiuta di adeguarsi, scatta la sanzione sociale. I demoni amanti della Jackson sono, in fin dei conti, tutte le persone a cui ci leghiamo (mariti, figli, concittadini) e che ci legano, ci tarpano le ali, ci impediscono di perseguire i nostri obiettivi e di sviluppare la nostra personalità.

Credo che non sia difficile apprezzare i racconti della Jackson anche al di fuori di una riflessione di questo genere. E’ pur vero che la sua scrittura è perfetta: di lei si dice che non abbia mai scritto una frase fuori posto, e posso confermare che in questa raccolta è vero. E’ particolarmente abile a creare in poche righe una situazione, un ambiente, una persona. Mi piace tantissimo il modo in cui, in diversi racconti, si sofferma brevemente a descrivere degli atti quotidiani: andare a fare la spesa, rassettare una stanza, prepararsi per uscire, scrivere una lettera al lavoro. Sono atti a volta fatti con amore, altre volte fatti con un’incredibile nostalgia per una vita diversa. Alcuni dei racconti poi sono ferocemente satirici nei confronti di una società in cui già allora si tendeva a burocratizzare tutto, o nei confronti della crescente urbanizzazione di tutti i grossi centri abitati. Sono rimasta perplessa relativamente a un paio di racconti di cui non ho colto il senso, ma in generale credo di poter dire che questo è un gran libro. Peccato che sia fuori stampa, come tutti i libri della Jackson a parte L’incubo di Hill House e il racconto “La lotteria”, estrapolato proprio da questa raccolta (e disponibile gratuitamente online). E’ possibile comunque procurarsi i libri in inglese, per chi è interessato.
1 like · flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Demoni amanti.
Sign In »

No comments have been added yet.