Diletta's Reviews > Il giro di vite

Il giro di vite by Henry James
Rate this book
Clear rating

by
6579417
's review
Oct 19, 11

Read from October 11 to 18, 2011

Io sono oltremodo perplessa.
Sapevo che la fine di questo libro mi avrebbe lasciato coi miei simpatici interrogativi, ma sono fermamente convinta che mi sia sfuggito qualcosa, sommerso da tutte le ciance della protagonista, probabilmente.
Io adoro le storie di fantasmi, di ogni genere: non che Il giro di vite non mi sia piaciuto, ma penso che se da un lato l'idea sia estremamente buona, dall'altro il buon Henry James si sia un po' perso per strada. Mi spiego.
La protagonista viene assunta da un Mr Rochester approssimativo, totalmente indifferente a qualsiasi cosa che non sia il suo lavoro, come istitutrice dei suoi piccoli nipoti, che abitano in una bellissima villa a Bly. Qui conoscerà Miles e Flora, due bambini di nove e otto anni, (particolarmente irritanti nei modi quanto nell'aspetto) che sembrano nascondere un terribile segreto.
Ecco, qui dovrei fare particolar menzione del loro modo di parlare e ragionare. Non so voi, ma io non ho mai visto bambini di quell'età discorrere come filosofi esistenzialisti. E' una cosa impressionante, sul serio.
Quindi, in quanto a dialoghi, qui proprio non ci siamo, ma proprio per niente.
Ma veniamo ai fantasmi, il punto cruciale del racconto. Ci sono? Non ci sono? Non si sa. Probabilmente la narratrice è una pazza squilibrata, tutto porta il lettore in questa direzione, anche se comincia a tirare le somme solo verso la fine. Questo mi è sostanzialmente piaciuto, soprattutto per l'epoca di James è innegabile far notare quanto sia stato un fattore profondamente innovativo. E' come se dicesse: "Ecco qua, questo è il mio libro, ho messo diverse cose apparentemente a caso, adesso interpretatevelo un po' come vi pare."
Niente da dire, i miei rispetti.
E poi, bisogna spendere due parole anche su quell'essere indisponente di Miles. Cosa ha combinato in questo fantomatico college per essere stato espulso? Non si sa, o meglio, non se lo ricorda (e non voglio aprire una discussione anche su questo). E alla fine, proprio nell'ultima pagina...beh, forse non dovrei dirlo. Io odio gli spoiler, sia darne che riceverne. Ma chi ha letto il libro sa a cosa mi riferisco. E mi chiedo: perché? Ci deve essere senz'altro un significato metaforico sotto che mi è sfuggito perché sono una contadina ignorante e bifolca.

In conclusione, questo libro... sì, mi è piaciuto. Ma la narratrice della vicenda è davvero , ma davvero troppo prolissa e sconclusionata. Si perde troppo nei meandri del suo inconscio apprensivo e paranoico, e anche se questo dovrebbe piacere...non so, con me non è scattato. Periodi lunghissimi, mille subordinate, speculazioni campate per aria.
Do pertanto a questo libro un 3/5 , finché non riceverò un'illuminazione o un epiphany Joyciana.
5 likes · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Il giro di vite.
sign in »

Reading Progress

10/11/2011 page 25
13.0% "Questo prologo mi ha fatto penare. Voglio questa maledetta storia di fantasmi!"
10/14/2011 page 86
45.0% "Un senso di inquietudine pervade questo libro in maniera profonda, ma esita a venire alla luce, soffocato dalla prolissità delle emozioni della protagonista. Sento che la fine sarà illuminante."

No comments have been added yet.