Patrizia O's Reviews > Grandi speranze

Grandi speranze by Charles Dickens
Rate this book
Clear rating

by
5121397
's review
Oct 22, 2011

liked it
bookshelves: classici
Read from October 05 to 22, 2011

flag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read Grandi speranze.
Sign In »

Reading Progress

10/06/2011 page 26
5.0% "Si era sempre comportato con me come se io mi fossi intestato a nascere contrariamente ai dettami della ragione, della religione e della moralità, ed al parere negativo dei miei migliori amici."
10/07/2011 page 45
9.0% "In una parola, ero troppo vigliacco per fare ciò che sapevo essere il bene, così come ero stato troppo vigliacco per evitare di fare ciò che sapevo essere il male. A quel tempo, non avevo nessuna esperienza del mondo, e nell’agire in tal modo non imitai nessuno dei suoi molti abitanti che si comportano così. Genio precoce, scopersi da solo la linea di condotta da seguire."
10/07/2011 page 46
9.0% "…poiché Pumblechook era un tipo autoritario, possessore di un proprio veicolo, - ciò che lo rendeva superiore a tutti gli altri, - si convenne che doveva essere stato così."
10/07/2011 page 55
11.0% "E infine, Pip (e questo te lo dico seriamente, ragazzo mio), ho visto la mia povera mamma soffrire e faticare e lavorare come una schiava, senza mai un attimo di pace nella sua vita mortale, e adesso ho una gran paura di comportarmi male, non facendo ciò che è giusto verso una donna, tanto che fra le due preferisco sbagliare nel senso opposto, e trovarmi male io."
10/08/2011 page 68
13.0% "Nel piccolo mondo in cui i bimbi vivono la loro esistenza, chiunque sia ad allevarli, nulla è mai tanto acutamente percepito e sentito quanto l’ingiustizia. Sarà solo una piccola ingiustizia quella che il bambino deve subire; ma egli è piccolo, e il suo mondo è piccolo, e il suo cavallo a dondolo è alto, in proporzione, quanto un vigoroso cavallo irlandese."
10/08/2011 page 78
15.0% "Ebbene, Pip, - disse Joe, - sia come tu vuoi, bisogna però essere un uomo istruito ordinario prima di essere un sapiente straordinario, direi! Il re sul suo trono, con la corona in testa, non può starsene seduto a scrivere i suoi decreti in stampatello, se non ha incominciato, quando era ancora un principe qualunque, dall’alfabeto."
10/08/2011 page 79
15.0% "Fermati, tu che leggi, e rifletti per un istante sulla lunga catena di ferro od oro, di spini o fiori, che non ti avrebbe mai avvinto, se non si fosse formato il primo anello in quell’unica memorabile giornata."
10/09/2011 page 159
31.0% "La comunicazione che devo fargli è che ha delle Grandi Speranze."
10/13/2011 page 170
33.0% "Dio sa che non dovremmo vergognarci delle nostre lacrime, benefiche al pari di pioggia sulla polvere accecante che ricopre i nostri cuori induriti. Mi sentii meglio, dopo avere pianto – più triste, più cosciente della mia ingratitudine, più dolce. Se avessi pianto prima, Joe sarebbe stato lì con me, ora."
10/13/2011 page 173
33.0% "A quell’epoca noi britanni avevamo decretato ch’era reato d’alto tradimento dubitare d’essere e di possedere quanto v’è di meglio al mondo: altrimenti credo che in quel frangente, atterrito com’ero dall’immensità di Londra, l’avrei trovata piuttosto brutta, tortuosa, stretta e sporca."
10/13/2011 page 202
39.0% "Questo giudizioso genitore aveva istituito una sorveglianza così stretta che la fanciulla crebbe altamente decorativa, ma perfettamente ed irrimediabilmente inutile e incapace. Formato così felicemente il carattere, ella aveva incontrato nel primo fiore della sua gioventù il Signor Pocket, anch’egli nel primo fiore della sua gioventù, e ancora incerto se dovesse diventare Lord Cancelliere o mettersi una mitria in tes"
10/14/2011 page 212
41.0% "Il signor Jaggers non rideva mai, ma portava delle grosse scarpe lucide e scricchiolanti e dondolandosi dentro quelle scarpe, con il testone chino e le sopracciglia aggrottate, in attesa di una risposta, le faceva talvolta scricchiolare, come se fossero esse a ridere in un loro modo sarcastico e sospettoso."
10/14/2011 page 224
43.0% "...soleva “lavarsi di dosso” i clienti al pari di un chirurgo o di un dentista. Nel suo studio c’era un gabinetto attrezzato a tale scopo, impregnato dell’odore del suo sapone come una profumeria [...] doveva essersi occupato di un caso più losco del solito, perché lo trovammo con la testa ficcata dentro il lavabo, intento a lavarsi non solo le mani, ma anche il viso, e a sciacquarsi la bocca." 1 comment
10/14/2011 page 234
45.0% "Così accade nella vita, che le nostre peggiori bassezze e viltà siano commesse di solito per amor di coloro che più disprezziamo."
10/14/2011 page 242
47.0% "Tutti i più grandi imbroglioni della terra non valgono nulla in confronto a colui che imbroglia se stesso, e con tali prestesi io mi ingannavo. Strano fatto davvero! Che io candidamente accettassi per buona una mezza corono coniata da un falsario, sarebbe stato comprensibile; ma che io coscientemente prendessi per buona la moneta falsa coniata da me stesso!"
10/14/2011 page 250
48.0% "Sia detto una volta per tutte: con grande mia sofferenza sentivo spesso, se non sempre, che l’amavo in contrasto con ogni ragione e promessa, senza pace, senza speranza, senza felicità, nonostante ogni delusione che me ne potesse venire. Sia detto una volte per tutte: l’amavo a occhi aperti, né ciò valeva a frenarmi più che se io avessi sinceramente visto in lei un esempio di umana perfezione."
10/15/2011 page 254
49.0% "Così Estella ed io uscimmo in giardino[...] Io, tremando in fondo al cuore, adorando persino l’orlo del suo vestito: lei, calmissima e decisamente indifferente all’orlo del mio."
10/15/2011 page 255
49.0% "- Devi sapere, - disse Estella, nel tono condiscendente che si addice a una donna giovane e bella, à che io non ho cuore, se questo può spiegare la mia poca memoria."
10/15/2011 page 258
50.0% "- Ascoltami, Pip. L’ho adottata, perché fosse amata. L’ho allevata e fatta istruire, perché fosse amata, Ne ho fatto quello che è ora, perché potesse essere amata. Amala."
show 2 hidden updates…

No comments have been added yet.