eleonora - 's Reviews > 1984

1984 by George Orwell
Rate this book
Clear rating

by
5648845
's review
Aug 04, 11

bookshelves: 2011, classici, preferiti
Read in June, 2011

“Nulla vi apparteneva, se non quei pochi centimetri cubi che avevate dentro il cranio.”


1984 è un libro che va digerito. Non è una lettura d'evasione e non è neanche un libro piacevole nel senso comune del termine. Non conosce un lieto fine, non conosce momenti di vera gioia e anche la speranza non viene mai sola, ma sempre accompagnata dal terrore e dalla certezza di un futuro dal quale non si può sfuggire.
Ogni desiderio, ogni pensiero libero, ogni parola, persino ogni legge fisica è annullata, cancellata da quello che il Partito ha deciso.


“Perfino quando si usa la parola bipensiero è necessario ricorrere al bipensiero. Nel farne uso, infatti, si ammette di manipolare la realtà, ma con un novello colpo di bipensiero si cancella questa consapevolezza, e così via, all'infinito, con la menzogna in costante posizione di vantaggio rispetto alla verità.”


1984 trascina in un mondo impossibile, ma probabile. Un mondo dal quale non si può che rimanere spaventati, terrorizzati, esterrefatti mentre si leggono con sguardo incredulo pagine di un qualcosa che non vorremo mai che avvenisse.
George Orwell era uno scrittore di sinistra di forte ispirazione marxista. Le sue speranze verso la rivoluzione e il regime comunista cadono in frantumi non solo con il comunismo sovietico, ma anche dopo la sua esperienza nella guerra civile spagnola, riguardo alla quale scrive Homage to Catalonia.

“Ogni riga di lavoro serio che ho scritto dal 1936 a questa parte è stata scritta, direttamente o indirettamente, contro il totalitarismo e a favore del socialismo democratico, per come la vedo io.”


E' il 1949: Eric Arthur Blair - George Orwell - pubblica 1984 e, dopo qualche settimana, muore.
Chissà perché, mi viene in mente una foto dove lui sorride affianco alla scritta 'BBC'. Orwell non ha mai potuto vedere quali emozioni il suo capolavoro ha dato, quali sono state le reazioni dei lettori, non ha mai potuto ridere davanti all'errore di stampa che per anni ha tormentato il suo romanzo. Orwell è morto qualche settimana dopo aver scritto 1984 ma, probabilmente, già sapeva che sarebbe diventato una Bibbia per molte persone.

Non mi voglio dilungare ancora, perché potrei aprire il documento che ho in una cartelletta dispersa nel mio computer e copia-incollare qui quelle trenta pagine di analisi, di parallelismi, di accenni storici, di confronto con altre teorie del controllo che mi sono costate mesi di lavoro. Ma non lo farò perché, come ho detto prima, 1984 è un libro che va digerito. E non si è mai sentito di nessuno capace di digerire con l'intestino che sta dentro la pancia di un'altra persona.
7 likes · likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read 1984.
sign in »

Comments (showing 1-2 of 2) (2 new)

dateDown_arrow    newest »

Anastasia C'entra poco con il libro, però volevo solo dirti che apprezzo questa continua ricerca letteraria che fai. *-*


eleonora - Ma grazie :D


back to top