Kelanth, numquam risit ubi dracones vivunt's Reviews > La solitudine dei numeri primi

La solitudine dei numeri primi by Paolo Giordano
Rate this book
Clear rating

by
4584197
's review
Mar 04, 14

bookshelves: narrativa
Read from September 30 to October 02, 2010

Il libro si presenta compatto, di una lunghezza di circa 30 cm e con un'altezza di circa 5 cm. (ci si scusa per l'approssimazione); presenta una sovra-coperta di carta plastificata raffigurante un'immagine di donna all'interno di un fitto boscame. Se andiamo a togliere la copertina possiamo notare che la parte sottostante è rigida e verde con stampigliato a lato il titolo del libro.
Possiamo altre sì notare che le pagine sono di carta e numerate, l'inchiostro di stampa è nero, se andiamo a considerare l'olfatto possiamo ben constatare che odora di libro. Purtroppo non ci è dato sapere quali e quanti alberi sono stati impiegati nella sua rilegatura, così quali macchine sono state adoperate per l'assemblamento dello stesso, possiamo però scoprire il luogo dove è stato stampato, particolare che tralasciamo in quanto poco rilevante. Così come le persone impiegate in tale sforzo.
Possiamo annotare che facendolo cadere risponde perfettamente alla forza di gravità e facendo vari test da varie altezze possiamo evincere che non cade sempre dalla stessa parte.
Gli usi che si possono fare di tale volume sono molteplici, è utile come spessore per sedie e tavoli sbilenchi, può essere usato (ma solo una volta) come "starter" da camino, altre sì possiamo usarlo (con uso limitato dal numero della pagine) come carta da vario utilizzo: da culo, assorbente, per vari tipi di pulizie (consigliata quella per lavare i vetri grazie al petrolio che svolge egregiamente tale funzione), come striscioline per arrotolare sigarette (per chi fuma), come coriandolini per carnevale o similari feste (se si ha pazienza e manualità).
Rimane completamente incomprensibile comunque come tale oggetto, che ha così tante funzioni come da sopra esposto, posso essere nato come strumento da lettura, tale uso non solo è sconsigliato ma effettivamente completamente inutile.
Possiamo anche considerare come tale compendio di sfiga planetaria, potrebbe rendere persino Murphy un ottimista; alterare in varie forme e stadi le persone che dovessero incautamente venirne a contatto e renderlo così altamente nocivo in forma di lettura.
Se ne raccomanda pertanto l'uso come consigliato sopra e Mai come forma/strumento di lettura.

Altamente Tossico.



description
63 likes · Likeflag

Sign into Goodreads to see if any of your friends have read La solitudine dei numeri primi.
Sign In »

Comments (showing 1-17 of 17) (17 new)

dateDown arrow    newest »

Luana Hai tutta la mia stima per questo commento. Sto ancora ridendo, ma nella risata, riconosco che rido per non piangere. Noi che abbiamo avuto alcuni dei più grandi autori della letteratura non solo europea e mondiale, adesso trasportiamo la figura dell'Italia attraverso questo scritto banale, vuoto, scevro di ogni carattere della vera scrittura. Approvo il tuo commento.


message 2: by lanalang (new)

lanalang :))))


Greeneyes Recensione impreccabile! Di interessante, secondo me, questo libro, ha solo il titolo.


Barbara Bagatin Una delle migliori recensioni abbia mai letto nella mia vita. Mi sa che quì c' è un talento, che, ovviamente, non è il Giordano. Quindi, posso aggiungerti come amico in questo sito? Ciao da Barbara:-) PS: trovo che questo romanzo, il fatto che sia stata premiato, il successo di massa, sia fondalmentalmente davvero urtante. Quando l' ho letto, mi ha ricordato la fortuna del personaggio Tamaro, con i suoi cari e vincenti temi furbeschi, quando monta sù storie di disgrazie altrui.


message 5: by Sara (new)

Sara Sbaraglia Ahahah!
Non ho letto il libro, ma la recensione che hai fatto è meravigliosa. Senza dubbio utile: eviterò di leggerlo con la stessa convinzione con cui si evita la peste!


message 6: by Wolfpabiru (new)

Wolfpabiru Magnifica!


message 7: by Elisabetta (new)

Elisabetta Rossi Come volevasi dimostrare l'editore che pubblicherà il suo secondo romanzo, spero che nel frattempo non ne abbia fatti altri, non ho seguito le evoluzioni dello "scrittore", mi è bastata la critica negativa di mia sorella che dopo averlo letto mi ha telefonato sconvolta... insomma il suddetto editore ha comprato a scatola chiusa il suo nuovo romanzo, quindi avremo ancora un'utilità secondaria non proprio letteraria, ma molto più interessante ampiamente e saggiamente illustrata nella recensione.


arcobaleno Grazie, Giordano, per indurre commenti così pertinenti ed esilaranti ;-)


message 9: by Rus (new) - rated it 3 stars

Rus Dorina non e' stato un libro che mi ha tenuta sveglia fin all'alba ma cmq la tua descrizione e' superficiale..


message 10: by Paolo (new) - rated it 1 star

Paolo Latini No. Ho provato l'uso come carta da culo, ma la sensazione rilasciata sull'epidermide è alquanto sgradevole. Come carta assorbente può essere usata solo in presenza di determinati liquidi da assorbire, per le pulizie c'è il rischio che l'inchiostro di cui sono inspiegabilmente pregne queste pagine, sporchi invece di pulire la superficie che si intende pulire. Come carta da sigaretta (o altro) le pagine sono troppo spesse e danno alla sigaretta un sapore acidulo, alquanto sgradevole. È possibile però usare le pagine per formare dei filtri da apporre alla base delle sigarette rollate a mano.


denom Eppure bastava scrivere "non mi è piaciuto, mi fa schifo."...era tanto semplice, talmente tanto forse che si è ritenuto necessario eccedere e sfociare in un'inutile invettiva irrispettosa e (a parer mio) priva di fondamento: anche a me hanno fatto cagare molti libri, ma anzichè perdere tempo ad offenderli, sono andato oltre, verso nuove letture.


Arianna Nicolini Devo dire che a me invece è piaciuto molto, mi sono sentita coinvolta nella storia di Alice e Mattia, e mi sono ritrovata molto in alcuni comportamenti di Alice e nei gesti di Mattia. I ragazzi di oggi, parlo per esperienza personale, quando vivono problemi di anoressia e autolesionismo sono davvero poco considerati dalla società e così si chiudono in se stessi. Io l'ho trovato reale, non un capolavoro o chissà cosa, ma mi ha coinvolto molto. :)


message 13: by Najo. (new) - rated it 1 star

Najo. Grazie per avermi suggerito un utilizzo costruttivo per questo ammasso di cellulosa senza né capo né coda! Un libro davvero inutile , a parer mio. Non mi ha lasciato assolutamente nulla, se non l'idea che, se questo libro ha riscosso così tanto successo, probabilmente se scrivessi la biografia della mia vicina di casa potrei diventare un'autrice di fama mondiale.


message 14: by SiMo (new)

SiMo Ahahah! Bellissima recensione! Non l'ho ancora mai letto, per cui non posso dire se condivido o meno, ma se questo è l'andazzo credo che in casa mia potrebbe far compagnia a "Và dove ti porta il cuore" per reggere la seconda gamba corta del tavolo...


message 15: by Alberto (new)

Alberto Viel Geniale!! :)


Antonella Non avevo letto prima la tua recensione ma devo dire che la trovo divertente. Il libro molto meno.


message 17: by Lara (new) - rated it 5 stars

Lara Beh, ognuno ha i suoi gusti... Questo significa che è soltanto la tua opinione, che non ti è piaciuto e basta... Ma i tuoi consigli su cosa fare con il libro... beh, mi sembrano un po' di bambino... Questa è una storia che puoi odiare o amare... ma non c'è un punto medio. Per me è una grande storia. Scusate il mio italiano.


back to top