Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “54” as Want to Read:
54
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

54

by
3.88 of 5 stars 3.88  ·  rating details  ·  856 ratings  ·  70 reviews
Non è dopoguerra, è solo un'altra guerra. Il mondo è diviso in blocchi, in realtà ideologie e frontiere si stanno già sgretolando: merci e droga non conoscono confini. Dall'Italia a Mosca a Hollywood, tra balere, viaggi clandestini oltrefrontiera e incontri di pugilato, una folla di protagonisti, spinti da una corrente che li travolge e li supera, si muove verso uno sbocco ...more
Paperback, Super ET , 680 pages
Published January 1st 2008 by Einaudi (first published 2002)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about 54, please sign up.

Be the first to ask a question about 54

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 1,627)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Giuseppe
Signori e signore ci troviamo di fronte ad un Opus Magnum.

Il collettivo Wu Ming questa volta mira alto e, non sorprendentemente, riesce a fare centro.

Anno di grazia 1954. Sullo sfondo della guerra fredda, in un'Italia alle porte del boom economico, si intrecciano le storie di persone sconosciute come Robespierre Capponi, figlio di partigiano e re delle balere bolognesi, o Salvatore Pagano, scugnizzo napoletano, e di miti della storia e del cinema come il dittatore jugoslavo Tito, Cary Grant e il
...more
Noce
Attenzione: la profondità e la bellezza del romanzo sono inversamente proporzionali alla lunghezza del titolo

"E il tempo è tanto, ragazzo, adesso non ti sembra, ma quando arrivi alla mia età e ti volti indietro, ti accorgi di tutto il tempo che è passato e di tutto quello che ti è successo e allora lo capisci da solo. Che il tempo è l'unico capitale che abbiamo." Pag. 485

È una storia sul tempo. Non solo sugli anni cinquanta. È una fotografia che rimane appesa sul muro di un bar, dove un ragazzo
...more
Tuck
great adventure/crime/political/family saga/historical novel written by wu ming in Italian and translated into english. you'll notice all the slashes, as wu ming is really 5 different authors, so you can imagine the complications that may add. takes place in cold-war italy, but tries to "explain" what;s going on within the context of all that had happened in europe for the past 50 years or so. it's funny how Europeans just assume one knows all about history and geography and they make that integ ...more
Rodrigo Salgado
Wu Ming, 54: la carrera de postas de la Historia

1. La primera noticia de ellos vino desde Sangria.cl [http://sangria.cl/2010/08/critica-a-p...]. Una reseña escueta, casi críptica sobre un grupo de creadores que, precisamente, quieren dejar de lado el secretismo tras la cortina de humo del anonimato.
2. Los tipos tras el proyecto de Luther Blisset quisieron (desde 1994 a fines de la década cuando se disuelven) ser demiurgos. Y dentro de las capacidades humanas, lo consiguieron. Cosa interesante: e
...more
Leon
Great fun with multiple storylines that overlap against the backdrop of Cold War intrigue, pulp crime, and the political disillusionment of the Italian working class. The scenes in the Bar Aurora are especially wonderful. Frequent changes of location, perspective and the large cast of characters are a bit confusing initially, but don't let those deter you. Other perks - short chapters, which are nice for those who read on public transport. And it's available free for download on the authors' web ...more
Emanuela
Il 1954 è il primo anno della nostra epoca tanto che ci ritroviamo sessant'anni dopo con episodi storici di una similitudine sconcertante.
Perfetto nel combinare il micro e il macro delle vicende di gente comune e di personaggi pubblici.
Al momento il migliore Wu Ming che abbia letto.
Mara
Per me è il libro più bello e riuscito dei Wu Ming e credo che possa essere definito il “Romanzo Storico” contemporaneo. Non solo è ben scritto, ma fa pensare, fa venire voglia di sapere, di chiedere e soprattutto, non appena finito di leggerlo, avevo già voglia di rileggerlo.
Andrew
I can't bring myself to give a rating to a book I never finished, but my god. 200 pages in and I still don't give a shit? This can't just be my fault.
Ilmatte
sa di racconti del nonno, del dopoguerra. e della nonna, della jugoslavia. e di quel bar all'angolo dove ancora si gioca a boccette e si allungano le gambe sotto i tavoli di legno, sotto il pergolato a giocare a scopone. o del circolo famigliare di unità proletaria, dove "l'unica cosa che posso bere qui è una cedrata tassoni (cit)".
realtà e fantasia si intrecciano assurdamente, tutto è verosimile, non so dove sia il confine tra la ricerca storica e il romanzo, ma poco importa. perché le emozioni
...more
MicheleC
Per quanto mi riguarda, il miglior romanzo dei Wu Ming (di quelli che ho letto, ovviamente). Gli ingredienti sono i soliti: romanzo storico, decine di personaggi, alcuni realmente esistiti. Le storie principali, all'inizio lontanissime e che poi finiscono col confluire in una unica, sono quelle di un mafioso che tenta di mettersi in proprio, e di un figlio alla ricerca del padre. Ciascuna di esse è a sua volta composta da altre micro-storie. Una vicenda a parte, ininfluente sullo svolgersi della ...more
Sam
I discovered the Wu Ming collective when I bought a copy of The New Old Thing: ESP-Disk Free Jazz Anthology. Its liner notes were written by Wu Ming 1 (one of the collective's five writers.)

I like 54's short-chapter format (usually four pages!) The numerous characters and their nicknames lost me from time to time, and there are frequent references to actual events, such as the murder of Wilma Montesi, whose purpose I never understood in the context of the story.

Fans of historical fiction in the
...more
melo
sarà che non avevo mai voglia di guerra e dopoguerra, sarà che gli anni '50 non mi hanno mai poi detto molto, ma non mici ero mai voluto addentrare. stella del mattino, tutta la discussione sul new italian epic, mi hanno messo un po' di curiosità, e ho provato a muovermi tra le prime pagine di 54. al di là del dibattito che ruota attorno alla letteratura in italia, al di là dell'epos, mi sono stupito nel ritrovare Q, l'intrigo, la spy story, i colpi. messi in scena con un taglio più cinematograf ...more
Martin Boyle
Change century, change country, change the name of the authors, but keep the same inimical style that intertwines different action lines into a wonderful - and complicated - plot.

Q by Luther Blisset centred on the chaos of reformation Germany. The group of authors formerly known as Luther Blisset returns to the chaos in post WWII Italy, with trips to the US, to Yugoslavia and over the border into France.

The plot is complex, shifts viewpoint and embraces communist schism, horse-race fixing, a Dop
...more
Gabriele
Ho letto il libro più volte e in assoluto è uno dei miei preferiti: ironico, imprevedibile, capace di mischiare glam hollywoodiano, leggende metropolitane (lo schiaffo cui, secondo la leggenda, luciano non avrebbe avuto il potere di rispondere), storia e cronaca. L'unica cosa stucchevole è l'ansia moralistica che si respira nelle riflessioni dell'apparecchio televisivo; si tratta di capitoli che trasudano didascalismo e un pathos di cui si farebbe volentieri a meno. Per il resto, perfetto.
Gerardo
Fin ora è il libro dei Wu Ming che più mi è piaciuto (e ho letto Q e L'armata): è la volontà di rappresentare l'origine di un mondo, proprio quel mondo in cui noi abitiamo e che è figlio della Seconda Guerra Mondiale.

La struttura ricorda Underworld di DeLillo, ma i Wu Ming sono riusciti a inserire quel gusto 'nostrano' che rende, per un lettore italiano, molto più gustosa - e anche molto più profonda - la lettura di certe vicende. In più, c'è un ritmo molto più serrato e 'romanzesco', il quale
...more
Shane
A bold attempt to create a thriller by the collaborative effort of five anonymous writers. They almost succeed, although I thought the book could have been condensed somewhat. What also perplexed me is why they did not write under their own names and why they remained anonymous? Are these already famous-name literary authors trying to make a bit on the side by dabbling in genre fiction? Perhaps their next story will be "Who is Wu Ming?"
Davidg
Are you sitting comfortably? Then I'll begin.

Vittorio Capponi sided with Tito's partisans during the war and remained in Yugoslavia afterwards, but spoke in favour of Tito's rivals ....
back in Italy, Pierre, his younger son works miserably in his brother's bar and lives for dancing (and his affair with) ....
Angela, whose doctor husband is a leading light in the Communist Party .....
Fefe, her brother is in a psychiatric hospital, under his brother in law's 'care' ....
Lucky Luciano is kicking his
...more
Roberto
Alla fine chiudi il libro e pensi: Che Bello!
Però devo ammettere che prima di decollare sono arrivato quasi a metà, a volte mi perdevo con tutti i vari nomi e soprannomi e spesso l'uso del dialetto bolognese in alcuni passaggi mi è sembrato forzato.
Mario Incandenza
E' il romanzo pi completo degli autori di "Q" fa parte con quest'ultimo e con "Asce di guerra" del trittico magico del collettivo bolognese che ha fatto del copyleft un arma vincente. <br />E' il pi equilibrato tra fiction e ricostruzioni storiche. E' costituito dal classico stile frammentario Wu-Ming (Luther Blissett) in cui si parte con n storie apparentemente slegate tra loro e poi si arriva ad un finale densamente intrecciato.<br />Bello perch c' amore, sofferenza, crimine, amici ...more
Natalia Pì
fantastico! mi è piaciuto moltissimo, il mio primo libro dei Wu Ming. ricchissimo, bellissimo, per me è stato uno di quei romanzi nei quali non vedi l'ora di rituffarti quando hai finito di fare quel che devi fare, storia avvincente e costruita su molti piani, moltissimi personaggi, quindi non distraetevi. non dico di più perché non serve, serve solo leggerlo.

dispiace davvero di non poter passare dal bar Aurora a fare incazzare Bottone! le parti del romanzo ambientate a Bologna sono state le mi
...more
manuti
Otro libro que cae este verano. Y al igual que el anterior otro muy recomendable.

Si el anterior libro que leí de este colectivo de autores me resultó fascinante por la implicación y profundidad histórica, este me ha impresionado por la de los personajes o al menos de su historia personal durante el año 54, auténtico protagonista indirecto del libro.

Estos personajes que van desde partisanos italianos exiliados en Yugoslavia, comunistas boloñeses, el primer jefe del KGB, el último emperador de Ind
...more
Ambra Chicandfrog
La scrittura dei Wu Ming mi conquista ogni volta grazie alla loro capacità di armonizzare storia, finzione, realtà.
54 mi ha fatto chiedere se l'uomo sia veramente artefice del proprio destino o meno. Vivendo la nostra vita, con il nostro punto di vista ovviamente limitato, abbiamo una concezione forse sbagliata su ciò che realmente decidiamo noi e cosa invece è una reazione alla situazione. I Wu Ming con i diversi punti di vista e con una visione globale che va da Bologna a Napoli passando per l
...more
Barbara Bagatin
Magnificent novel about Italian contemporary History. I loved a lot Gen. Serov, and the reconstruction of Cary Grant. The end is amazing, justice triumphs, and even if in tragedy, heroes become themselves for what they have lived, as succeds for Ettore Bergamini. Furthermore, this book is a declaration of love for people and the city of Bologna, which has been the only Italian city where partisans fought in its centre against fascists and nazists: the "Battle of Porta Lame", in which Ettore was ...more
Arwen56
Avete presente quella maniera di mischiare le carte da gioco dividendole in due mazzetti simili? Magari ha anche un nome, ma io non lo conosco. Ad ogni modo si fa così. Si prende l’intero mazzo e lo si suddivide in due mazzetti di altezza pressoché identica, affiancandoli poi sul tavolo lungo il lato più corto. Con il medio, l’anulare e il mignolo di entrambi le mani si mantengono in posizione i lati esterni e, mentre le nocche degli indici esercitano una pressione verso il basso, i pollici prov ...more
M M
Wu Ming is a writing conglomerate from Bologna with a yen for history, crime, Hollywood films of the fifties, and, of course, large quantities of jazz. It is several years after the Second World War, and there are machinations galore between the Allies and the new Italian government about handing control of Trieste to the Italians. Lucky Luciano has cornered the racketeering market by being tougher than the local mafiosi, and by being (sort of) in the pay of the US Government. There are signs th ...more
Bjorn
Spring, 1954. Stalin is dead, the cold war is starting to take the shape it would hold for a generation to come, Joe McCarthy is kicking commie ass and taking names, the French are in trouble in Indochina, and in the free territory of Trieste between Italy and Slovenia the big boys are trying to wrap up the last of the unresolved border disputes following WWII. Of course, to do this, it helps if they have Tito on their side. And so the MI6 call in Tito's favourite movie star to convince him... y ...more
Irene
Prendete Cary Grant, Lucky Luciano, Ivan Aleksandrovič Serov, Alfred Hitchcock, Tito e un paio di agenti segreti inglesi, mescolateli a un paio di comunisti italiani, ex partigiani alle prese con un governo che rischia lo smembramento di Trieste, aggiungete un paio di comparse tra cui il più fedele cane del mafioso citato, un televisore McGuffin Electric Deluxe, contrabbandieri e spie del KGB...
Frullate con pazienza. A questo punto i casi sono due: o esce fuori una gran patacca come la maionese
...more
Chris
I read the English edition. An ambitious book but fell flat in the delivery. Did enjoy all of the historical contexts and such. However, because of the amount of points of view that the book is read from, the overall plot was very muddled and not exactly clear-cut; then again one can argue it is a complex story. The stories start off separate, but comes together, almost seamlessly in the end. In my humble opinion, when the different stories come together should happen sooner and not when the boo ...more
Jim
I had a frustrating time with this book. The 'anti-novel' elements from Q are ramped up, with frequent shifts in perspective, tense and voice, often from sentence to sentence. There are various pop culture references that allow for sly self-depreciation - Cary Grant commenting on the ludicrousness of Casino Royale while on a secret spy mission for instance. At one point a character even comments on how convoluted the plot is getting.

While this might be intellectually interesting, it's not terrib
...more
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 54 55 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Stella del mattino
  • Asce di guerra
  • Q
  • Guerra agli umani
  • Romanzo criminale
  • Spiriti
  • Il partigiano Johnny
  • New Thing
  • Ragionevoli dubbi
  • The Missing Head of Damasceno Monteiro
  • Almost Blue
  • La cura del gorilla
  • Alcatraz: Jack Folla un DJ nel braccio della morte
  • Cherudek
  • La variante di Lüneburg
  • La profezia dell'armadillo
  • La concessione del telefono
  • La chimera
191397
Wu Ming (extended name: Wu Ming Foundation) is the collective pen name of four Italian writers: Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Federico Guglielmi and Riccardo Pedrini, respectively known as "Wu Ming 1", "Wu Ming 2", "Wu Ming 4" and "Wu Ming 5". "Wu Ming" means "anonymous" in Chinese. Although their real names are not secret, the four authors never use them. The quartet was a quintet until 2008, ...more
More about Wu Ming...
Altai Manituana L'armata dei sonnambuli Anatra all'arancia meccanica. Racconti 2000-2010 Previsioni del tempo

Share This Book

No trivia or quizzes yet. Add some now »

“Hitch era un lento stomaco antropomorfo. Il sarcasmo era acido cloridrico, l'immaginazione un gioco di enzimi, Hitch digeriva le forme di vita circostanti, proteine e vitamine per il corpus delle sue opere.” 0 likes
“Ma voglio morire come un fottuto fuoco d'artificio, compare. Non ho scelto questa vita per poi spegnermi come un lumino, non ho fatto anni di galera per morire da coglione.” 0 likes
More quotes…