Novecento: Pianiste
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating

Novecento: Pianiste

4.13 of 5 stars 4.13  ·  rating details  ·  5,090 ratings  ·  238 reviews
Quatrième de couverture :

Né lors d'une traversée, Novecento, à trente ans, n'a jamais mis le pied à terre. Naviguant sans répit sur l'Atlantique, il passe sa vie les mains posées sur les quatre-vingt-huit touches noires et blanches d'un piano, à composer une musique étrange et magnifique, qui n'appartient qu'à lui: la musique de l'Océan dont l'écho se répand dans tous les...more
Paperback, 87 pages
Published February 1st 2002 by Gallimard Education (first published 1994)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.
This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 3,000)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
S©aP
Un cucito di parole a costruire e dipingere. Un salto di fantasia da raccontare. Una magia che prende forma all'istante, dopo poche battute, e ti accompagna con la semplicità delle cose grandi. Una musica di sottofondo a descrivere abiti, mobili, atmosfere e fumi di un'epoca. Un pezzo di bravura.
Kelanth, numquam risit ubi dracones vivunt
Un libricino che si legge in un'ora, ma che ti lascia dentro tanto, tantissimo. Una magica melodia che accompagna la narrazione, un'emozione profonda e uno scenario insolito e coinvolgente allo stesso tempo.

Sali sul piroscafo 'Virginian' e parti con il più bravo pianista al mondo, che ti accompagnerà in questo viaggio verso l'America, con miliardari, povera gente emigrante e tanta altre persone; dicono che non sia mai sceso dal Virginian... ma potrai sentire la sua storia dal suo più fedele amic...more
Giorgia
La dimostrazione che non servono 500 pagine per toccarti l'anima. Baricco compone questa breve ma intensa sinfonia sul senso della vita e le priorità che ognuno si crea nel corso dell' esistenza, con una incommensurabile maestria, in un modo che solo un 'maestro' di altissimo livello avrebbe potuto concepire.

"Ora tu pensa:un pianoforte. I tasti iniziano. Itasti finiscono. Tu sai che sono 88,su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti,loro. Tu,sei infinito,e dentro quesi tasti,infinita è la...more
Isairon
62 pagine che si leggono in un soffio ed alla fine rimane il dispiacere di aver letto il tutto troppo in fretta, di aver finito la storia troppo velocemente. Allora ritorno indietro, alla prima pagina, per rileggere cosa faceva e diceva chi per primo vedeva la costa del nuovo mondo "gridava (piano e lentamente): L'America". Oppure a pagina 28 dove Novecento suona il piano senza i fermi e scivola per la sala con il suo strumento musicale "sembrava che il mare lo cullasse". Ancora, a pagina 44, do...more
Michela
"Novecento" - Alessandro Baricco (1994)

"Quando cade un quadro. Quando ti svegli, un mattino , e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all'Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: "A New York, fra tre giorni io scenderò da questa nave"

Novecento poi, mica è sceso da quella nave. No, è arrivato al terzo scalino e si...more
Arwen56
I giudizi su questo autore dati dai suoi lettori sono davvero controversi. Ho sentito e letto pareri assolutamente contrastanti tra loro, accompagnati spesso, però, da una critica che pare accomunare sia i suoi detrattori che i suoi sostenitori, ossia che Baricco sarebbe un insopportabile presuntuoso. Da cosa lo desumano, non lo so. Personalmente, non avendo ahimè la fortuna di conoscerlo personalmente, non saprei proprio dire se lo sia o no. Quel che è certo è che lo reputo uno dei migliori scr...more
Mirya
Mi piacerebbe averne dieci, di stelline, perché credo ci siano rarissimi casi, nella storia della letteratura, di opere davvero perfette, e questo piccolo gioiello lo è.
Che Baricco sia per me un grande autore è indubbio, ma 'Novecento' ha qualcosa in più, rispetto al normale scritto, è letteratura e vita insieme, è musica che si ascolta sulle pagine, è teatro senza bisogno di un palcoscenico.
Monologo teatrale, difatti, 'Novecento' si presta perfettamente ad una lettura mentale e solitaria, ad u...more
Fede
Danny Boodman T.D. Lemon Novecento,un uomo che ha fatto della musica e dell'Oceano le sue più intense ed incondizionate passioni.Sembra quasi di vederlo passegiare per i corridoi della nave,attraverso gli occhi stupidi e meravigliati del suo amico.
Sembra non avere segreti,eppure riesce sempre a sfuggirci.E' una figura camaleontica,elegante,magica,la sua bravura al pianoforte sembra tascendere la sfera delle capacità umane.
Pur non essendo mai sceso dal Virginian,conosce il mondo e ne parla con in...more
Ana borbolla


Con sólo 81 páginas Alessandro Barico me hizo comprender a un personaje sobrenatural y maravilloso.. Fue curioso, una amiga decidió leerme un libro que me había prestado con el
Afán de captar mi interés, no bien había leído los primero dos párrafos que sentí ese choque eléctrico que recorre el cuerpo y genera la conocida "piel de gallina". Porque con tan solo dos párrafos recordé en donde había oído esa frase del destino de ver América en los ojos de algunos privilegiados.

Y fue porque desde hace...more
Saman
تک‌گویی ( افسانه‌ی 1900 ) را در نمایشگاه کتاب و با تبلیغ فروشنده تهیه کردم، چرا که فکر می‌کردم این کتاب داستان بلندی‌ست که مثل همه‌ی فیلم‌هایی که از آن اقتباس می‌شود چیزهایی دارد که در فیلم عیان نشده است
اما بر خلاف تصورم دیدم و خواندم که فیلمی که (جوزپه تورناتوره) از این کتاب ساخته است چند سر و گردن بالا بلند‌تر است و (تورناتوره) صد چندان این کتاب را زیبا کرده است با قصه‌گویی خویش در فیلم زیبایش
باری، از جمله موردهای نادری‌ست که یک فیلم از کتابی که از آن اقتباس شده است زیباتر است
annik
У Барикко все строится на моментах, эмоциях, чувственности, осязании, необъятных просторах, которые никогда не сравнятся по мощи с душевными бурями. Есть во всем этом что-то сокровенное и честное, от чего не отвернешься, а попытаешься раскритиковать – и поймешь, что не стоит. Просто не стоит.

Я по-настоящему очарована Барикко, хотя в свое время первое знакомство с ним потерпело неудачу. Пианист, ни разу не ступавший на берег, гениальный и непонятный. Или скорее непонятый? Все окружение ему созвуч...more
Victoria Haf
This is the story of an exceptional pianist, who was born and lived on board of the Virginian, incapable of getting off and facing life on land. Music, the one that he makes because the ocean is big and frightening, is his whole life. Music that he can play with eighty-eight keys, infinite music through a finite instrument, this is the only music that Novecento knows how to play.
Real life is a whole other thing, a whole different music
Maria Grazia
Probabilmente il miglior Baricco, dato che, per una volta, le parole raccontano una storia e non solamente loro stesse.
Una storia bellissima, da cui è strato tratto un film bellissimo, infinitamente superiore al libro.
Nel film c'è solo la storia, e non il tentativo delle parole di soffocarla.
arcobaleno
Una meraviglia!
Ricordo la sorpresa e il piacere di questa lettura. Mi sono lasciata trasportare dalla poesia e dalla musica.
Musica per il cuore!

Il migliore Baricco che io abbia letto.
Carl Rocheleau
Novencento, c'est l'histoire de Novecento T.D. Lemon, un enfant abandonné sur un bâteau de croisière du début du siècle et élevé par les charbonniers du navire. Novecento n'a jamais mis le pied sur la terre ferme en plus de trente ans et, quand le narrateur embarque sur le navire pour un contrat de trompetiste, Novecento est le plus grand pianiste que la Terre (la mer) ait porté.

Ce que j'apprécie particulièrement de ce monologue de Baricco, c'est qu'il n'est pas empreint de la lourdeur qui marqu...more
Aries
Erano anni che dovevo leggere questo libro di Baricco, che Sweetie mi aveva sempre descritto come una chicca: era in coda e non mi decidevo a mettermici, nonostante la brevità, vuoi per la difficoltà ad inquadrare questo romanzo/monologo, vuoi perché non ero certo che Baricco fosse nelle mie corde.

Alla fine è venuto il suo momento (suo e di Seta) nel viaggio di ritorno da Parigi.

Che dire?

I monologhi sono testi molto difficili: devono catturare l’attenzione del lettore, mantenerla viva come fosse...more
Zorba
Quando si legge un libro di quaranta pagine in venti minuti solitamente lo si considera un racconto breve. Quasi mai lascia il segno.
Ma se quello stesso racconto è stato trasposto sul grande schermo da Tornatore per farne un film di 165 minuti, forse c'è qualcosa di anomalo.
Il protagonista della via di mezzo tra "una vera messa in scena e un racconto da leggere ad alta voce" è Danny Boodman T.D. Lemon Novecento: abbandonato dopo pochi giorni dalla nascita sul transatlantico Virginian, viene adot...more
Liz
Life from a point of view of somebody who never lived. At least not in a way that is familiar to us.
Novecento lives on the ship from the very beginning, he never leaves it. Never steps on land.
Instead, he listens to the stories the people tell. The descriptions of cities, forests, a different life. And he puts everything he hears in music. Nobody knows how he learned to play the piano but there is nobody who plays better than him.
His music is living, it is indescribable and it is magical. Nov...more
Aime Fernández
¡Guau! Cinco estrellas, ni más ni menos eso es lo que se merece este maravilloso monólogo-libro.
Simplemente me ha encantado. He de confesar, (no sin cierta vergüenza) que nunca antes había leído a Alessandro Baricco pero ahora que lo he conocido, estoy decidida a leer más libros suyos. La manera en la que escribe me parece bellísima no se cómo explicarlo pero creo que es algo así como infantil, dulce y con esto no pretendo decir que el autor sea malo o simplista, al contrario, resulta tan sencil...more
Gauss74
Un piccolo libro, talmente piccolo che non trova la forza di raccontare una storia per intero: ma forse che spesso le cose più piccole non sono le più preziose?
In questo caso è proprio vero, perchè proprio per il fatto che non racconta una storia, "Novecento" di Alessandro Baricco ci restituisce un personaggio meraviglioso che resta vivo e vitale nella nostra mente, pronto ad agire secondo i nostri desideri oppure a sorprenderci in una maniera che neppure noi avevamo previsto.
Volendo ragionare c...more
France-Andrée
I read this in French for my literature class. I had heard of it as a movie and did not know it was available in a book form. This is a monologue, the narrator is telling the story of his best friend: a man who was born and lived his life on a ocean liner. At about 90 pages, this is a quick read (now, I have to prepare my answers for class, but that's another story). I really enjoyed this story, it is well constructed; it is all about Novocento and his music (he is a pianist) and you can hear th...more
Dhanaraj Rajan
"The world is the piano of God and on which I can not play." - says the most famous Pianist Novecento (1900).

This is a short and provocative story with an interesting philosophy at the end. The story is of a person born and brought up on a ship and more specifically he was 'born on the piano' of the ship. It seems that the music gave its spirit to him and he emerges a genius of a piano player. The strangeness associated with him is that he never ever leaves the ship and he plays music only after...more
Xirxe
Tim Tooney, der Trompeter der Band, in der Novecento spielt, erzählt diese Geschichte. Sie sind Freunde für's Leben seit sie während eines heftigen Sturmes auf Wunsch Novecentos einen gemeinsamen Tanz mit dem Klavier durchführten (mit wahrhaft durchschlagendem Erfolg). Tims Zuneigung für seinen Freund ist auf jeder Seite dieses Textes spürbar, ebenso wie seine Versuche, seine Gedanken und Handlungen verstehen zu wollen, was ihm (bedauerlicherweise ?) bis zum Ende nicht gelingt. Novecento wird du...more
Zooey
کتاب تک گویی های نوازنده ترومپت کشتی ست که داستان زندگی دوستش نووه چنتو رو تعریف می کنه... نووه چنتو در کشتی به دنیا اومد و تمام عمرش رو هم در کشتی گذرونده و تا به حال پاشو روی خشکی نذاشته و در عین حال یکی از بهترین نوازنده های پیانو قرن هم هست...داستان با تعریف ماجراهایی از دوران مختلف زندگی نووه چنتو پیش می ره و ....

موضوع داستان قشنگ بود اما جای کار بیشتری داشت و انچنان که باید و شاید بهش پرداخته نشده بود...به نظر من می شد با این داستان یه کتاب خیلی قوی تر نوشت....البته در هر صورت این کتاب جذا...more
Jostein
Ce me semble être un récit hors du commun sur deux aspects.
Tout d’abord, j’estime qu’il faut beaucoup de talent d’écriture pour susciter autant de tendresse pour un personnage en si peu de pages. Novencento est un être unique. Né et abandonné sur un bateau, il n’a jamais mis les pieds sur terre. Et pourtant, il connaît autant de musique et de paysages que si il avait mille ans. Cette connaissance, il la tire des conversations des rupins mais surtout des émigrants qui montent à bord du Virginian....more
Dayana
Questo libro è molto interessante. Mi è piaciuto molto e penso che sia uno dei libri molto filosofici del nosrto tempo.
Quando lo leggevo pensavo che è poco stupido, ma appenda avevo finito di leggere ho reallizzato che questo libro è un po' geniale. Tra le pagine ci sono le semplicissime cose della vita - no, non l'amore, ma felicità.
Mi piace questo libro, anche se ho letto molti libri che erano più buoni dal questo.
Sara
"Please, Novecento, only the normal notes, Okay?"

Baricco, you know, or you love him or you hate him,or at least it seems so. I am one of those who love him, I can't help it. Every time I read his works I enter in a world made of vivid sensations, of unforgettable characters and emotions.

Novecento will remain in my heart and i really recommend this book to everyone.
Alberto Schiariti
Corto, intenso, magico. Novecento è un personaggio che difficilmente si scorda ed è azzeccata l'idea di farlo raccontare da un esterno. Un pianista che nasce e vive su una nave, ma riesce in qualche modo a conoscere il mondo. Si legge in un'ora e si vi piace c'è l'ottima trasposizione (uno dei miei film preferiti) di Tornatore con Tim Roth.
Alexandra Zlatior
I loved it! Of course, I am a pianist, but I loved it. If you have seen the movie (The legend of 1900) the book has a few more things in it, and there is also something else. When you read it you have to imagine everything, and all the feelings are stronger because of this. Read it, it takes like a hour and a half, and it's amazing.
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 99 100 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • La Compagnia dei Celestini
  • Jack Frusciante Has Left the Band: A Love Story- with Rock 'n' Roll
  • La boutique del mistero
  • Almost Blue
  • Romanzo criminale
  • Monsieur Malaussene (Malaussène, #4)
  • Fontamara
  • Sostiene Pereira
  • Il partigiano Johnny
  • One, No One, and One Hundred Thousand
  • Una storia semplice
  • Canone Inverso
  • Fango
908
Alessandro Baricco is a popular Italian writer, director and performer. His novels have been translated into a wide number of languages, and include Lands of Glass, Silk, Ocean Sea, City, and Without Blood. His theatrical monologue, Novecento, was adapted into film, titled The Legend of 1900.

He currently lives in Rome with his wife and two sons.
More about Alessandro Baricco...
Silk Ocean Sea Castelli di rabbia City Mr Gwyn

Share This Book

No trivia or quizzes yet. Add some now »

“A me m'ha sempre colpito questa faccenda dei quadri. Stanno su per anni, poi senza che accada nulla, ma nulla dico, fran, giù, cadono. Stanno lì attaccati al chiodo, nessuno gli fa niente, ma loro a un certo punto, fran, cadono giù, come sassi. Nel silenzio più assoluto, con tutto immobile intorno, non una mosca che vola, e loro, fran. Non c'è una ragione. Perché proprio in quell'istante? Non si sa. Fran. Cos'è che succede a un chiodo per farlo decidere che non ne può più? C'ha un'anima, anche lui, poveretto? Prende delle decisioni? Ne ha discusso a lungo col quadro, erano incerti sul da farsi, ne parlavano tutte le sere, da anni, poi hanno deciso una data, un'ora, un minuto, un istante, è quello, fran. O lo sapevano già dall'inizio, i due, era già tutto combinato, guarda io mollo tutto tra sette anni, per me va bene, okay allora intesi per il 13 maggio, okay, verso le sei, facciamo sei meno un quarto, d'accordo, allora buonanotte, 'notte. Sette anni dopo, 13 maggio, sei meno un quarto, fran.
Non si capisce. È una di quelle cose che è meglio che non ci pensi, se no ci esci matto. Quando cade un quadro. Quando ti svegli un mattino, e non la ami più. Quando apri il giornale e leggi che è scoppiata la guerra. Quando vedi un treno e pensi io devo andarmene da qui. Quando ti guardi allo specchio e ti accorgi che sei vecchio. Quando, in mezzo all'Oceano, Novecento alzò lo sguardo dal piatto e mi disse: "A New York, fra tre giorni, io scenderò da questa nave". Ci rimasi secco. Fran.”
23 likes
“Tutta quella città… non se ne vedeva la fine… /
La fine, per cortesia, si potrebbe vedere la fine? /
E il rumore /
Su quella maledettissima scaletta… era molto bello, tutto… e io ero grande con quel cappotto, facevo il mio figurone, e non avevo dubbi, era garantito che sarei sceso, non c’era problema /
Col mio cappello blu /
Primo gradino, secondo gradino, terzo gradino /
Primo gradino, secondo gradino, terzo gradino /
Primo gradino, secondo /
Non è quel che vidi che mi fermò /
È quel che non vidi /
Puoi capirlo, fratello?, è quel che non vidi… lo cercai ma non c’era, in tutta quella sterminata città c’era tutto tranne /
C’era tutto /
Ma non c’era una fine. Quel che non vidi è dove finiva tutto quello. La fine del mondo /
Ora tu pensa: un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu, sei infinito, e dentro quei tasti, infinita è la musica che puoi fare. Loro sono 88. Tu sei infinito. Questo a me piace. Questo lo si può vivere. Ma se tu /
Ma se io salgo su quella scaletta, e davanti a me /
Ma se io salgo su quella scaletta e davanti a me si srotola una tastiera di milioni di tasti, milioni e miliardi /
Milioni e miliardi di tasti, che non finiscono mai e questa è la vera verità, che non finiscono mai e quella tastiera è infinita /
Se quella tastiera è infinita, allora /
Su quella tastiera non c’è musica che puoi suonare. Ti sei seduto su un seggiolino sbagliato: quello è il pianoforte su cui suona Dio /
Cristo, ma le vedevi le strade? /
Anche solo le strade, ce n’era a migliaia, come fate voi laggiù a sceglierne una /
A scegliere una donna /
Una casa, una terra che sia la vostra, un paesaggio da guardare, un modo di morire /
Tutto quel mondo /
Quel mondo addosso che nemmeno sai dove finisce /
E quanto ce n’è /
Non avete mai paura, voi, di finire in mille pezzi solo a pensarla, quell’enormità, solo a pensarla? A viverla… /
Io sono nato su questa nave. E qui il mondo passava, ma a duemila persone per volta. E di desideri ce n’erano anche qui, ma non più di quelli che ci potevano stare tra una prua e una poppa. Suonavi la tua felicità, su una tastiera che non era infinita.
Io ho imparato così. La terra, quella è una nave troppo grande per me. È un viaggio troppo lungo. È una donna troppo bella. È un profumo troppo forte. È una musica che non so suonare.”
8 likes
More quotes…