Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Manituana” as Want to Read:
Manituana
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Manituana

by
3.77  ·  Rating Details  ·  694 Ratings  ·  77 Reviews
A bloody historical epic of exodus and return, torn loyalties and desperate battles, Manituana spans the Atlantic, from the forests of America’s northeast to the underworld of eighteenth-century London. The authors’ collective Wu Ming have created a genre-breaking reimagining of the American War of Independence. A story from the wrong side of history.

1775 – The conflict be
...more
Hardcover, 396 pages
Published October 5th 2009 by Verso (first published January 1st 2007)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Manituana, please sign up.

Be the first to ask a question about Manituana

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 1,374)
filter  |  sort: default (?)  |  Rating Details
Jonfaith
Nov 23, 2014 Jonfaith rated it it was amazing  ·  review of another edition
There was no room for the past in America.

There is an irony in that statement, rhetorical as it might be. It is exactly the surfeit of room which allows so much of America to malinger and multiply, to prosper and fester in equal parts. This is an epic book but it is a soft 5 on the GR scale. This is a collection of silences, omissions and unplayed notes: it is a Kind of Blue for the Vollmann set.

They ran to save a clutch of souls from the Apocalypse. They ran, because it was written thus. Time w
...more
Silvia Pastorelli
"Corsero attraverso la piana e nel fitto degli alberi, incalzati dal crepuscolo e dalla sorte, un'armata di cinque uomini e molti fantasmi.
Corsero per salvare un pugno di anime dall'Apocalisse. Corsero, perché così era scritto. Ora che il tempo finiva, ogni cosa trovava compimento."

Manituana is definitely one of the best books I read in the past year and one that I will remember and think of for a long time.
This is the first book I read by the Italian collective Wu Ming and I am pleasantly surpr
...more
Jukka
May 07, 2014 Jukka added it
Shelves: recent-reads
Manituana - Wu Ming (pen-name for a collective of four Italian authors)

This book is terrific, the best book of this sort that i've read in a very long time. It extremely well written, and perhaps a fifth name should be added to the four, the translator Shaun Whiteside. The translation is beautiful, it seems tight and quite transparent to the original.

It makes real both a time and a place now lost, and then ... the story shifts again in dramatic ways you'll not forget. Strongly based in historic
...more
Stewart Home
Dec 31, 2011 Stewart Home rated it it was amazing  ·  review of another edition
Following on from Q (authored as Luther Blissett) and 54, comes a new novel Manituana by the Bologna fiction collective known as Wu Ming. Verso are publishing Shaun Whiteside’s English translation, the proof copies were circulated last month, and the book will be available in both the UK and the US shortly. Like the earlier tomes by the same authors, Manituana is a heavily researched historical novel that speaks as much about a future we have yet to make, as the past in which it is set. The main ...more
Jordi Sellarès
May 02, 2016 Jordi Sellarès rated it really liked it  ·  review of another edition
Un tros de novel·la. Pura èpica històrica sobre els que les pelis yankis sempre han pintat com a els dolents: les nacions iroqueses que van donar suport a la corona anglesa a partir del 1776. Perquè gairebé ningú us ho explicarà, però la victòria dels "fills de la llibertat" de George Washington significava la carta blanca per a expropiar, saquejar les terres dels mohawks, oneides i seneques, eliminar-los de la faç de la Terra. Com deia un dels crits de guerra dels rebels: "Civilització o mort!"
Liviu
Nov 03, 2009 Liviu rated it really liked it
After the superb Q, I decided to give a try to this one despite that its subject is of much less interest to me; the book is well written, most likely is technically better than Q but I could not care that much about the characters and what was happening; history rolled over a group of people, not for the first nor last time and Joseph Brant is not that a compelling character to make the book stand out; still a good read and I am interested in the sequel(s)
manuti
Nov 03, 2011 manuti rated it it was amazing  ·  review of another edition
Otro libro para la lista. Después de leer 54 y enterarme que habían liberado de forma gratuita la traducción de su último libro editado en español, me entraron ganas de leerlo. La suerte es que lo había incluido en mi antibiblioteca el verano anterior.

Sinceramente la novela es otro hito en la trayectoria del grupo de escritores Wu Ming, sigo teniendo muy buen recuerdo de Q y creo que esta está a la misma altura que este. Aunque según escribo esto, pienso que puede tener partes mejores o peores q
...more
Giuseppe
History is written by the victors

Era una delle massime di Winston Churchill. Come dargli torto? La Storia, come la conosciamo, volenti o nolenti è un insieme di date e fatti scelti dai vincitori. Sta poi allo storiografo proporre un'interpretazione di quei fatti. Sta poi allo scrittore offrire un punto di vista alternativo. Il più delle volte questo punto di vista alternativa esita nella risposta al dilemma "E se fosse andata a finire in un'altra maniera?" (cfr. La svastica sul sole o altre mill
...more
Katia Baroncelli
Un po' impegnativo da leggere, ma vale davvero l'impegno.
A mio avviso ha due grossi pregi: parlare della storia nascosta della guerra civile americana, quella dei vinti che non furono solo gli inglesi, ma anche i nativi, che, dopo i soprusi dei colonialisti, certo non potevano allearsi coi ribelli americani. E poi il notevole pregio di farti vacillare... cambiare idea... vivere i diversi punti di vista che possono condurre a una guerra, fino ad arrivare a interiorizzare il concetto per cui, in u
...more
Tinea
The last 50 pages were full of graphic torture scenes and the whole middle bit was oddly slapstick & its plotline sort of left hanging, but the majority of this novel was a serious epic about the US revolutionary war from the perspective of Mohawk people aligned with the British. Really good (mostly-- the violence was gratuitous and disconnected from the majority of the narrative and made it almots impossible for me to finish) and an interesting perspective, kinda depressing, enjoyable but I ...more
molosovsky
Aug 05, 2012 molosovsky rated it really liked it
The book for anyone, who want's to get into the mood for »Assassins Creed III«.

Totally remarkable, how Wu Ming achieves to give you a alternative perspective of the Independence War. Commonly the roles are mostly fixed like this: the evil, monarchic, catholic Brits on one side, the good WASP Yankees on the other side, and the heathen and barbarous native americans here and there as spice in the story and general lurking danger.

Not so here: Wu Ming reminds the reader, that history is never as ea
...more
Gnuvolante
May 17, 2016 Gnuvolante rated it it was amazing  ·  review of another edition
Shelves: narrativa
" - Non possiamo vincere, Molly, - disse Philip. - Puoi fermare le loro malattie, ma non il contagio che portano nell'animo. I bianchi ci distruggeranno come distruggono se stessi. Non fa differenza quale sia la bandiera. Sono un gorgo che si allarga e sprofonda ogni cosa. "

Il romanzo rende palese il cattivo ascendente degli europei sulle fiere popolazione amerindie. Lo stesso Joseph "Thayendanegea" Brant, interprete delle Sei Nazioni e guerriero, soccombe all'odio prodigandosi in una feroce g
...more
Mario Incandenza
Una terza parte che da sola vale tutto il libro.

Nel complesso mi apparsa un'opera sbilanciata. Le prime due parti mi sono sembrate appesantitite, credo che il narrato in esse contenuto, sia utile alla caratterizzazione dei personaggi e all'enfatizzazione del finale pirotecnico, tuttavia la sensazione di gonfiore, non necessariamente utile al romanzo, rimane e forse qualche pagina in meno non avrebbe guastato. Di dubbia utilit il racconto delle vicende riguardanti la settima nazione cos come l
...more
Gerardo
May 16, 2015 Gerardo rated it really liked it  ·  review of another edition
Un romanzo notevole, che forse sono riuscito ad apprezzare ancora di più perché ho letto prima L'Armata. Si vede come questo testo sia una svolta del pensiero dei Wu Ming, mentre 54 lo era stato per il modo di scrivere e la struttura.

E' un testo tragico, l'unico - forse - dei Wu Ming. Nessuno si salva, nessuno riesce a guadagnare la propria aurea eroica. Ogni personaggio, anche i più grandi, restano ancorati alla propria dimensione umana, la quale si macchia sempre di sangue e meschinità. C'è c
...more
Caterina
sicuramente ben scritto, tuttavia mi lascia perplessa in alcuni punti. Sarebbe stato decisamente utile e interessante, per capire ancora meglio la narrazione, una specie di sunto della trasformazione degli indiani dal '500 al '700 (il fatto che avevano adottato nomi occidentali, la mescolanza delle fra indiani e bianchi, l'adozione della religione cristiana non priva di inserti della religione che gli indiani praticavano in precedenza...).

molto apprezzabile l'esperimento di trovare un linguaggio
...more
Emanuela
Oct 31, 2010 Emanuela rated it really liked it  ·  review of another edition
Romanzo storico a tratti prolisso.
Degni di originalità letteraria i brani e i dialoghi della banda di teppisti la "settima nazione", che terrorizza la Londra di fine '700.
Mi piace pensare, ma non ho trovato nessun riscontro, ad un'associazione con il movimento degli "indiani metropolitani" di fine '900.
Catfat
Apr 23, 2015 Catfat rated it really liked it  ·  review of another edition
C'est la vraie histoire celle la. L'histoire de l'indépendance des États Unis. Une histoire que je n'avais jamais entendue, car en France, si l'on s'enorgueillit facilement d'avoir participé a la création de l'Amérique, on jette un voile pudique sur les modalités de cette création. Sur ce qu'il est advenu des natifs américains. Qui choisirent le mauvais côté, celui des vaincus. Et qui en paient toujours le prix aujourd'hui, ostracisés dans des réserves, maintenus endormis par l'alcool. Les détai ...more
Sonika
Bello scoprire che Wu Ming riesce(ono) di nuovo a tenermi incollata a un libro. Non succedeva da Q. Non è successo con 54. Men che meno con i pochi libri non collettivi a nome WM che ho letto.
Bravi a scrivere e intrecciare (anche se ho trovato un po' fastidiosa e forzata la parte del club londinese dei Mohock). Bravi a renderti partecipe di una storia che non conosce davvero buoni e cattivi, ma che sceglie una delle prospettive possibili e, facendolo con maestria da romanzieri, ti porta inesorab
...more
Søren Goard
May 07, 2014 Søren Goard rated it really liked it  ·  review of another edition
Whilst in some ways formulaic with their plot, Wu Ming slapped out a beautifully detailed and immersive world in this book. If course that's because history, and human history, is so rich and complex and fucked up that it makes good stories as it is. But Wu Ming also brought out the intense contradictions of colonial rule, primarily from the perspective of people already shaped by change and multiculturalism. Nothing sits still, and whilst Wu Ming in no way play down the approaching genocide of ...more
Lucrezia Ugolini
Non era ciò che mi aspettavo, perciò si è rivelato una sorpresa! Più affascinante di altri romanzi sulla guerra di indipendenza, un punto di vista decisamente diverso e forse per questo più interessante.
Marco Valeri
Aug 05, 2016 Marco Valeri rated it it was amazing  ·  review of another edition
Libro eccezionale per moti motivi. Primo fra tutta le ricerche alla base sono molto dettagliate da tutti punti di vista, da quello storico a quello antropologico. La narrazione dei popoli nativi (già contaminati dalla cultura europea) è vivida più che mai. Si possono intravedere gli ossimori e le contraddizioni di un popolo che sta scomparendo ma che non vuole rintanarsi nel passato (indiano) né gettarsi verso il nuovo mondo (cultura europea. La narrazione è avvincente e la tecnica con storie in ...more
Carlo
Libro ambizioso questo. Nella struttura, corale e ampia. Nella scrittura densa, che alterna all’azione, che pure c’è, e tanta, minuziose descrizioni e digressioni a volta oniriche, a volte erudite. Nel dettagliato lavoro di documentazione che si rivela nei paesaggi, nei costumi, nei riti con una cura quasi salgariana. E difatti è al romanzo ottocentesco che l’opera fa pensare in tutti questi suoi
aspetti. Di fronte a ciò appare più scontata la ‘storia raccontata dalla parte sbagliata’, in quello
...more
Malcolm
Mar 05, 2012 Malcolm rated it really liked it
The blurb for this fabulous book describes it as “a story from the wrong side of history”, and it is easy to forget in North American history just how ‘wrong’ the side is. The Mohawk nation, one the Six Nations of what is now upstate New York and borderland Ontario, was once lionised as among the most ‘civilised’ of the native peoples. The Six Nations (known widely by their French label – Iroquois, and less widely by their own collective name – Haudenosaunee), among other things, provided the mo ...more
pierlapo  quimby
Tre stelle molto stiracchiate e un bel carico di delusione.
Il romanzo non decolla; la trama - fin troppo lineare (ma certamente è stata una scelta) - appare assai diluita e senza sorprese.
Come un bicchiere di rum con troppa acqua (tanto per citare l'alcolico amato dagli indigeni).
Inoltre ho avuto la sensazione che il libro finisca senza aver spiegato tutte le potenzialità che il tema ed il genere avrebbero potuto offrire.
Sono certo che tra qualche tempo del romanzo ricorderò solo quello che ant
...more
J.C. Greenway
Jul 28, 2012 J.C. Greenway rated it it was amazing  ·  review of another edition
Having been bowled over by '54' from the four writers who make up the Italian collective known as the Wu Ming, a book which weaves a tale around the defeats and compromises of post-war Italian politics via a supporting cast including Cary Grant, Lucky Luciano and Tito, I was keen to get my hands on the English translation of their latest, Manituana.

As ambitious in scope as their earlier novels, expertly translated by Shaun Whiteside, Manituana concerns itself with a period of history I was shame
...more
J
Jan 09, 2011 J rated it it was ok  ·  review of another edition
Kai Zen : ensemble narrativo :

LANTERNA JACK
(e che David Hume e Washington Irving possano perdonare il nostro ardire)

Sir Joseph Banks, il presidente della Royal Society, non era ancora arrivato. Così gli aveva riferito il maggiordomo dall’aria contegnosa e giallognola mentre lo faceva accomodare in anticamera. Washington Irving trasse l’orologio dal taschino e controllò l’ora: in effetti si era presentato in buon anticipo. Banks era uno dei membri anziani dell’accademia e Irving doveva incontra

...more
Mary Reinert
Jan 22, 2010 Mary Reinert rated it it was amazing  ·  review of another edition
This is not the story we learned in grade school about the Revolutionary War. In the 1700's the Six Nations of the Iroquois (Mohawk, Oneida, Onondaga, Cayuga, Seneca and Tuscarora) had a remarkably advanced system of laws. It was also a common practice to take captives from other tribes into their culture. The Six Nations lived peaceably with the white settlers and intermarriage was not unknown. Leaders of the Six Tribes met with and were respected by the British. However, as more and more white ...more
Ajk
Nov 27, 2011 Ajk rated it liked it  ·  review of another edition
Recommends it for: Folks who want a different look at the American Revolution.
Shelves: fiction
leave it to Italians to write about the American Revolution. And sure, it's interesting to see a book where the Americans are the bad guys, Wu Ming could've done a better job with it. The basic plot line is that Joseph Brant must muster his Iroquois to serve the British and protect native lands from the encroaching rebels. In it, we're introduced to a lot of characters from Revolutionary War history I forgot about, being not from New York and not as much of a nerd, relatively. The New York Germa ...more
Francesco
Sep 03, 2015 Francesco rated it it was amazing  ·  review of another edition
Per il punto di vista unico nella narrativa, per la ricerca storica, per una narrazione epica priva di fronzoli retorici. Il personaggio più riuscito è le Grande Diable, uno dei più affascinanti mai incontrati navigando fra le righe della letteratura. Sua è la citazione magistrale che elargisce al piccolo Peter Johnson.
-Custodisci la paura. Non lasciarla libera,- mormorò. -Quando tutto accade veloce, impara a essere lento.
Wu Ming. "Possano i loro tamburi suonare a lungo" (cit.)
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 45 46 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Stella del mattino
  • New Thing
  • Asce di guerra
  • Guerra agli umani
  • Q
  • Il nipote del Negus
  • Tortuga (Ciclo dei pirati, #1)
  • L'ottava vibrazione
  • Bassotuba non c'è
  • La Compagnia dei Celestini
  • La vita agra
  • Romanzo criminale
  • Il compagno
  • Il contrario di uno
  • Il tempo materiale
  • Sicilian Uncles
  • Il fasciocomunista: Vita scriteriata di Accio Benassi
191397
Wu Ming (extended name: Wu Ming Foundation) is the collective pen name of four Italian writers: Roberto Bui, Giovanni Cattabriga, Federico Guglielmi and Riccardo Pedrini, respectively known as "Wu Ming 1", "Wu Ming 2", "Wu Ming 4" and "Wu Ming 5". "Wu Ming" means "anonymous" in Chinese. Although their real names are not secret, the four authors never use them. The quartet was a quintet until 2008, ...more
More about Wu Ming...

Share This Book



No trivia or quizzes yet. Add some now »

“Solo crescendo aveva capito che la fede di Sir William era qualcosa che si stagliava al di sopra delle confessioni e allo stesso tempo le attraversava tutte. Nella sua valle c'era posto per chiunque. Il re d'Inghilterra e il papa erano molto lontani, e il Padrone della Vita adorato dai Mohawk non era indegno d'essere chiamato Dio, anche se ci si rivolgeva a lui in modi selvatici e pittoreschi. Fin da piccolo Peter sapeva che non tutte le cerimonie nella foresta erano indiane. La notte di San Giovanni, nel fitto della boscaglia, si accendevano piccoli fuochi e si parlava gaelico, celebrando messe che la luce del giorno avrebbe proibito. I profughi scozzesi e i coloni irlandesi di suo padre s'intendevano con dialetti antichi come le rocce. La Lingua della Notte. Sir William la usava quando voleva dirgli qualcosa di intimo, che gli altri non dovevano cogliere.
- È la lingua della fede, del sangue e della guerra, - diceva. - Non la si parla per caso.
L'inglese invece serviva a comandare, a scrivere e a capirsi da un capo all'altro della valle. A Philadelphia gli avevano insegnato anche il francese, la lingua del nemico.
Ma era il mohawk l'idioma che preferiva. Il mohawk odorava di rum e di pellicce. Era la lingua del commercio e della caccia; dei concili e della diplomazia. Ma prima di tutto, per lui, quella delle ninne nanne.”
0 likes
More quotes…