Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Grazie ” as Want to Read:
Grazie
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Grazie

by
3.17 of 5 stars 3.17  ·  rating details  ·  184 ratings  ·  10 reviews
Siamo a teatro: il vincitore di un premio letterario ci mostra le spalle e grida "Grazie, grazie!" verso la platea che ha di fronte. Le luci si spengono, il sipario si chiude e il protagonista si volge verso di noi. È impacciato e stanco: cerca le parole per ringraziare e finge di cercare un biglietto in tasca. Il problema è: chi, come e perché ringraziare? L'autore, premi ...more
Paperback, 72 pages
Published September 2nd 2004 by Feltrinelli (first published 2004)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Grazie, please sign up.

Be the first to ask a question about Grazie

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 332)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Ardesia
Apr 27, 2011 Ardesia rated it 4 of 5 stars
Shelves: xxx
Essendo una pièce teatrale per esprimere un giudizio valido credo bisognerebbe vedere la resa del testo sul palcoscenico, ma di fatto il mio parere è più che positivo, a tratti entusiasta.
Quel “grazie” che a partire dal titolo è filo conduttore di tutto il monologo non è però l’unico argomento ricorrente: è un continuo susseguirsi di immagini, similitudini e metafore che roteando su se stesse alla fine vanno a incasellarsi perfettamente nel tessuto del discorso. I richiami alle varie argomentazi
...more
Jeannecamos
On rêve de mettre terme à l'hypocrisie du remerciement et Pennac le fait pour nous. Tout prix devrait donner suite à un discours semblable. Maîtrise de l'art de la mise en scène.
Riccardo
Come al solito, Lui semplicemente stupendo in tutto quello che fa. ...more
Eleclyah

Più che bello, lo definirei carino: un monologo sul ringraziamento, senza infamia e senza lode; né particolarmente arguto (come invece sono altri suoi libri) né particolarmente stupido (come invece sono moltissimi dei libri attualmente in commercio), ma Pennac è sempre Pennac e io non posso essere imparziale su di lui.

Ecco, magari non cominciate a leggere Pennac da qui. O, se lo fate e il libro non vi piace, dategli una seconda possibilità con Il paradiso degli orchi. Ne vale la pena. ;)
Andrea
Letto nella Feltrinelli di Torre Argentina, a Roma. Ero in anticipo per una pizza, sono entrato e l'ho letto sulle comode poltrone della libreria. Ché mi pare l'unica cosa da fare, dato che son poche decine di pagine a 10. Divertente. Capace di rapire il lettore e portarselo via. Un po' scontato, forse. E non è un testo teatrale, finge di esserlo. Ma non lo è.
Non renderebbe.
Consigliato. A chi ha una ventina di minuti liberi e gira per qualche libreria..
...more
incipit mania
Incipit

Siamo a teatro, noi in platea ...
Grazie incipitmania.com
Marina
Direi senza infamia e senza lode. Non è certamente entusiasmante, ma si può leggere. (Viva Malaussène!)
Claudia
Diverso e originale, ma stiamo parlando di Pennac!
Agatha
Agatha added it
Aug 28, 2015
Agnes
Agnes marked it as to-read
Aug 28, 2015
Patricia
Patricia is currently reading it
Aug 04, 2015
Petri
Petri added it
Jul 24, 2015
Claudia Pariotti
Claudia Pariotti marked it as to-read
May 22, 2015
Dania
Dania marked it as to-read
May 20, 2015
Toxickanoe
Toxickanoe marked it as to-read
May 10, 2015
Stez76
Stez76 added it
Apr 26, 2015
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Sans feu ni lieu
  • Spiriti
  • La donna della domenica
  • Polyeucte
  • Che animale sei? Storia di una pennuta
  • Il centravanti è stato assassinato verso sera
  • L'orologiaio di Everton
  • La maladie de Sachs
  • Iphigenie
  • Goddamn This War!
  • Opium
  • The Officers' Ward
  • Les Perroquets de la place d'Arezzo
  • The Blue Flowers
40737
Daniel Pennac (real name Daniel Pennacchioni) is a French writer. He received the Prix Renaudot in 2007 for his essay Chagrin d'école.

After studying in Nice he became a teacher. He began to write for children and then wrote his book series "La Saga Malaussène", that tells the story of Benjamin Malaussène, a scapegoat, and his family in Belleville, Paris.

His writing style can be humorous and imagin
...more
More about Daniel Pennac...
Au bonheur des ogres La fata carabina (Malaussène, #2) La Petite Marchande de prose (Malaussène, #3) Comme un roman Monsieur Malaussene (Malaussène, #4)

Share This Book

No trivia or quizzes yet. Add some now »