Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Timeskipper” as Want to Read:
Timeskipper
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Timeskipper

by
4.0 of 5 stars 4.00  ·  rating details  ·  830 ratings  ·  38 reviews
Italy's foremost satirist recounts the adventures of Timeskipper, a young man endowed with a rare gift: the ability to see into the future. A tale in which innocence and imagination defy corruption and conformity, in which the eccentricities and innocence of yesteryear come face-to-face with the moral aridity of today's money-obsessed society, "Timeskipper" is one of Stefa ...more
Paperback, English Edition, 390 pages
Published April 20th 2008 by Europa Editions (first published October 1st 2001)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Timeskipper, please sign up.

Be the first to ask a question about Timeskipper

Community Reviews

(showing 1-30 of 1,405)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Anastasia
"Cos'è successo? Bella domanda. Immagino che non ti riferisca all'inizio dell'universo, ma alla tua piccola storia. Be', intanto hai vissuto e questo è un gran bel risultato".

Caspita se il ragazzo, Saltatempo, ha vissuto. Chiediamolo pure a Wilde, che tanto non avrà il coraggio di dire di no. Ci scommetterei tutta la mia collezione di film Woodyalleniani, e io ci tengo.
Mi complimento con Benni, è la fantasia italiana più fantasiosa che io abbia mai letto negli ultimi due anni. Questo libro in f
...more
Tanabrus
Ho trovato il mio nuovo libro preferito di Benni.

In questo libro è sempre presente l'umorismo satirico e travolgente dell'autore, ma abbiamo anche una storia più seria, più reale, più ancorata al territorio.

E la parte surreale diventa un pretesto, più che in altri libri, per raccontare una storia.
La storia di Saltatempo, un bambino di un paesino di montagna, innocente e ingenuo, che un giorno incontra una divinità bonaria (sarebbe Dio, ma passerà il tempo a vedere gnomi, divinità del denaro, osc
...more
Simona
Sapevo che leggere Benni non mi avrebbe deluso, ma non credevo che mi sarebbe potuto piacere così tanto.
Saltatempo è la storia di Lupetto e di un orobilogio che gli viene donato mentre scarpagna nel bosco. E' la storia di Lupetto dalle elementari all'università, ma è anche la storia dell'Italia che cresce e si trasforma, è la storia dell'Italia da metà degli anni '50 agli anni '60 fino alla strage di Piazza Fontana.
"Saltatempo" può essere considerato a tutti gli effetti un romanzo di formazion
...more
Camilla P.
Questo, come invece potrebbe far pensare la quarta di copertina, non è un romanzo di viaggi nel tempo. Non parla di mirabolanti avventure in epoche andate o ancora a venire, e di certo non ha un incredibile protagonista che sa saltellare attraverso le maglie del tessuto spazio-temporale.
Saltatempo è un meraviglioso miscuglio di mille generi: è un romanzo storico, un romanzo rosa, un romanzo di formazione e un romanzo introspettivo, in cui la possibilità del protagonista di poter "vedere" cosa s
...more
Zioluc
Mentre il piccolo Saltatempo cresce percorriamo la storia del suo paesello emiliano e quella dell'Italia dagli anni '50 fino al fatidico 1968, sotto la minaccia dei fascisti e del denaro. Benni gioca con le parole, mette molto di sé nel protagonista, azzecca qualche passaggio ma la favoletta a un certo punto deve diventare più seria, altrimenti tutto quel che passa è una ingombrante e inutile nostalgia per il passato agricolo, dato che i personaggi son solo delle macchiette.

Da molto non leggevo
...more
Kia76
Niente da fare! Ho voluto dare un'altra chance a Benni, di cui avevo letto qualcosa anni fa senza grande entusiamo, ma devo purtroppo confermare la mia opinione: non riesce proprio a piacermi!
Filomena
L’incipit di questo romanzo è particolare e non è stato immediato, come mi succede per altre storie, entrare in sintonia col ritmo e lo stile dell’autore ma una volta presa la via giusta è come lanciarsi per una ripida discesa a tutta velocità, i piedi sembrano estranei al corpo e alla volontà.
Per cui non ho potuto fare a meno di continuare a farmi trascinare nella storia che a tratti è commovente, a tratti irriverente o comica o romantica o ingenua…
C’è tutto un mondo in questo romanzo ed è il m
...more
Virginia
E finalmente ho "conosciuto" Benni.
Il primo contatto è stato leggermente traumatico. Abituata il più delle volte a uno stile di scrittura rilassato, ponderato e pieno di pause, mi è caduto fra capo e collo un modo di scrivere del tutto diverso.
Un intreccio multiplo (carpiato) di neologismi, soprannomi, dialoghi, frasi baldanzose, divertenti e fantasiose: tutto all'interno di un ritmo teso e sostenuto.
Un delirio praticamente.
All'inizio mi recava un leggero disorientamento. Non riuscivo a "berlo"
...more
Andrea Aprile
Questo è un Signor libro. Stile perfetto, personaggi perfetti, ambienti perfetti, eventi perfetti posti fra gli anni '50 e gli anni '80 (circa). E soprattutto divertente, divertente e demenziale.
Sa far scompisciare dalle risate come pochi libri sanno fare, ma è anche capace di far piangere, di infondere rabbia e coraggio e desiderio di lotta sociale.
Profondamente reale.
Anna
Che fatica!!Odio abbandonare i libri ma ammetto che questo mi ha messo a dura prova. Avevo iniziato con entusiasmo, dal momento che avevo da poco letto e stra apprezzato Achille pié veloce...ma niente, qui la scintilla non è scattata. Storia lentissima all'inizio, che comunque non mi ha preso, neanche ala fine sono riuscita ad affezionarmi ai personaggi. Sì, lo stile di Benni è molto particolare, divertente e dove vuole poetico, ma in questo libro per me non è bastato. Forse sono io che non ho c ...more
Cuggiah
Bello ma non troppo. A tratti divertente e catartico.. A tratti però.
Marco Croella
Erano quasi vent'anni che non leggevo nulla di Benni...
Carlo Perasso
Sicuramente il mio libro preferito del mio autore italiano preferito.
Ancora una volta Benni dimostra la sua abilità nel descrivere realtà attraverso la sua meravigliosa fantasia e ironia in questa sorta di autobiografia. La comicità e l'umorismo di alcune scene veramente geniali unite alle vicende romantiche/sessuali raccontate come si possono raccontare ad un amico rendono questo libro uno dei migliori dell'autore.
Claudia Blu
I've absolutely loved it... more precisely, I felt in love with it. It's not that feeling that I would recommend it to everyone, I would just wait them to come by it.
It's been an important book for me, now.

Tons of wit in a language I'm just learning, but every character and every action felt heartwarming in a feeling of naturality and absolute reality.
Mark Mapstone
I loved the creative writing in this read, the italian politics was sort of lost on me, but I enjoyed reading about the 'Timeskipper' character (we never learn of his name!) and all the visions of the future he has. The excellent photograph on the cover - pulled me in to purchase this title too - it reminded me of school friends growing up.
Sabina Biasuzzo
Tutti i libri di Benni mi hanno divertito, attratto, compiaciuto e regalato buone ore. Ma questo, che parla in un certo senso della stroria della sinistra, mi ha conquistato particolarmente, temi a me molto cari, quali la lotta partigiana, le conquiste dei lavoratori ottenute da dure lotte, la contestazione del '68. Bello, bello, avvincente.
Temperamente
L’ho (e)letto il libro della mia vita. Non credo di aver mai parlato o incontrato Stefano Benni – diamine, me lo ricorderei! – eppure in questo libro c’erano pezzi di me: amici, amori, conoscenti, idee, desideri, sogni.

Continua a leggere: http://www.temperamente.it/contempora...
Genni Gunn
An interesting book which covers the political events in Italy during the 1960s. I found the book difficult to get into at first, despite its intriguing premise of a boy who, when he hears the sound of clicking, starts up a "duoclock" that lets him see into different times -- both past and future. Satiric and political.
Denise La greca
"Niente è complicato, se ci cammini dentro" cit
Daniele Iuppariello
un libro coinvolgente fino alle lacrime pi amare, oppure alle risate pi grasse.

uno spaccato dell'italia degli ultimi 40 anni... con lo stile inconfondibile del Benni virtuoso che tanto lo ha reso celebre e (forse) il miglior scrittore italiano vivente.

...more
Annie Bi
Tra i miei libri preferiti. Alla fine non vuoi più girare pagina e senti la mancanza del protagonista.
incipit mania
Incipit

Quand’ero molto piccolo ho visto un Dio ...
Saltatempo incipitmania.com
Stefy Davis
I did not finish the book. Hate the style -- personal taste. If I ever get back to it and try to read it all through, I might rethink my judgement...might.
Jason Horger
Even reading Benni's novel without the back-history of 20th-century Italian upheaval, I found this an imaginative and poetic reading experience.
Stefano Pini
Quello che volevo dalla politica e non solo da quella era già racchiuso in una frase: bisogna somigliar alle parole che si dicono.
Holly
barely got 38 pages into it... couldn't get lost in it like others i've read lately... moving on to another book!
Kit Fox
Didn't knock me on my ass the way Margherita Dolce Vita did, but I still enjoyed this one quite a bit.
Jason McKinney
A good read with wonderfully sardonic prose. It just could have used another round of editing.
Zoe
Great environmental story as well as a touching personal story.
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 46 47 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Monsieur Malaussene (Malaussène, #4)
  • Il partigiano Johnny
  • The Blue Flowers
  • Un mese con Montalbano
  • In nome della madre
  • Lessico famigliare
  • Conversations in Sicily
  • Tornatrás
  • The Viceroys
  • La profezia dell'armadillo
  • Don Giovanni in Sicilia
  • Via delle Oche
  • Mistero buffo. Giullarata popolare
  • Non avevo capito niente
  • La neve se ne frega
  • Piccoli equivoci senza importanza
  • Novecento. Un monologo
24707
Stefano Benni (born August 12, 1947 in Bologna) is an Italian satirical writer, poet and journalist. His books have been translated into around 20 foreign languages and scored notable commercial success. He sold 2,5 million copies of his books in Italy.

He has contributed to Panorama (Italian magazine), Linus (magazine), La Repubblica, il manifesto among others. In 1989 he directed the film Musica
...more
More about Stefano Benni...
La Compagnia dei Celestini Il bar sotto il mare Bar Sport Margherita Dolce Vita Terra!

Share This Book

No trivia or quizzes yet. Add some now »

“- E com’è fatto un orobilogio? -
- Non si può vedere, è fatto di tante parti insieme che mescolandosi diventano invisibili. Vuoi un esempio? La tua casa, la guardi dal di fuori e dici: questa è la mia casa. Ma la casa ha sotto la cantina, la tinaia buia con le botti, la muffa sulle pareti quell’odore di anni e secoli, ma in quel passato oscuro fermenta il vino e i formaggi maturano. Sopra c’è il granaio, con la farina, le mele, le noci e i pomodori secchi, e ci frullano i topi rosicchioni e i ghiri ladruncoli, lì ci sono le provviste per il futuro. Poi c’è la casa dove abiti, col camino caldo, la cucina che fuma e il cesso che scroscia, e il letto ti accoglie e prepara i sogni, ma anche gli incubi, e le lenzuola gelate d’inverno, e la febbre e le ore che non dormi la notte. E a volte tutto cambia: dal camino entra la notte, le faville dei fantasmi del passato, o la paura di ciò che sta dietro la porta, nella cantina il vino e il buio ti fanno immaginare viaggi e abbordaggi, nel granaio sbattono la testa uccelli imprigionati, come brutti pensieri. Ecco, questa è la tua casa, non quella che vedi dal di fuori, con le finestre, il portone e l’edera sul muro.”
4 likes
“Vidi che la banconota era tutta stropicciata, come l'assegno di Fefelli quel giorno a scuola, ma era una cosa diversa.
I soldi si trasformano, a seconda delle mani che li accolgono, pensai.
In certe mani diventano mattoni, in altre farfalle”
0 likes
More quotes…