Il giorno dei morti: L'autunno del commissario Ricciardi
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating

Il giorno dei morti: L'autunno del commissario Ricciardi (Commissario Ricciardi #4)

4.22 of 5 stars 4.22  ·  rating details  ·  117 ratings  ·  29 reviews
Il romanzo dell'infanzia perduta.
Seduto con un cane a fargli compagnia, un bambino morto per caso. Un orfano, niente famiglia, niente amici.
E invece qualcuno che si chiede perché, e come, e quando.
Qualcuno che si mette a scavare in vite piccole, di cui non ci si cura, di cui non si sa niente.
Qualcuno che non si rassegna all'urlo che non sente, al lamento che non riesce a t...more
Paperback, Stile Libero Big, 309 pages
Published June 2012 by Einaudi (first published 2010)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.
This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 229)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Arwen56
This review has been hidden because it contains spoilers. To view it, click here.
Monica
The autumn of 1931 in Naples - days are getting shorter, rainier and colder. The city is observing the mournful rites of All Saints' Day and preparing for a visit from Il Duce. The local Fascist troops have been augmented by security forces from Rome and tensions are rising. Ricciardi and Maione are called out to the scene of a suspicious death - a pitifully thin orphan boy watched over by his small dog, no visible wounds. Modo discovers the cause of death to be the ingestion of strychnine laced...more
Kristine Brancolini
As you might expect with a title like The Day of the Dead, the fourth book in the Comissario Ricciardi series is more somber and less playful than the previous three. A little boy, one of the scugnizzi or "street urchins" of Naples, has been found dead at the foot of the steps to Capodimonte. He appears to have died peacefully, sitting up, with his loyal dog in attendance. If Ricciardi had not intervened, no one would have bothered doing an autopsy. But something doesn't seem right to Ricciardi...more
Willy Williams
In his fourth (and hopefully not final) seasonal outing (after Everyone in Their Place: The Summer of Commissario Ricciardi), the Neapolitan inspector investigates the death of a scugnizzo, or street urchin, whose body was found sitting in the cold rain at the foot of a staircase, guarded only by a small dog. The corpse shows no signs of violence, and Ricciardi, who has the ability to see a murder victim’s final moments, is stumped. “He instinctively looked around and saw no trace of ghostly ima...more
Ffiamma
ho letto di seguito i quattro libri di de giovanni sul commissario ricciardi- come se fossero un'opera unica scandita dal passare delle stagioni, nella napoli del 1931 in cui il fascismo vorrebbe attutire gli echi della violenza e creare l'immagine di una delle tante città perfette della nuova era. il caldo soffocante, il gelo, la pioggia continua, l'aria nuova di primavera invece non sopiscono gli istinti di una città torbida in cui si muove il misterioso protagonista (funzionario di polizia do...more
Giulietta
L'autunno a Napoli porta con sé una pioggia incessante, che sferza le strade e le anime, che cancella quello che non dovrebbe e che trascina lontano sogni ed illusioni, che rende ovattata l'atmosfera della Napoli “da cartolina”.
È questa l'atmosfera che fa da sfondo alla quarta ed ultima stagione del Commissario Ricciardi. E senza dubbio quella narrata è l'indagine a cui è più facile legarsi, per l'empatia che istintivamente si crea verso la vittima, che è vittima sotto ogni senso possibile: è un...more
Mari
Acqua che non lava. Che picchia sulle finestre e sveglia dal sonno, o reca nei sogni fantasmi di antichi dolori. Acqua che separa. Che diventa una parete fredda tra gli amanti.

Ci sono libri che dispiace finire, libri che mentre li riponi in libreria pensi che prima o poi rileggerai, magari anche solo poche pagine, tanto per rivivere delle emozioni. Non questo però! Questo è troppo doloroso.
La storia di Tettè è straziante, ho provato tanta pena per lui, e tanta rabbia per la crudeltà che lo c...more
Simonetta
"Acqua. Acqua che non lava. Che scende in mille fiumi senza mare e trascina il fango sulle soglie dei bassi e dentro, allungando dita melmose sui pavimenti di terra battuta, nella paglia annerita dei letti. [...] Acqua che separa. Che diventa una parete fredda tra gli amanti, togliendo il sorriso dagli occhi e dai cuori. [...] Acqua che fa paura. Che viene dal tuono che scuote la notte, dal lampo che illumina il silenzio. [...] Acqua che non finisce."
E siamo all'autunno, umido e freddo, del comm...more
Rosalba
Acqua che non lava. Che picchia sulle finestre e sveglia dal sonno, o reca nei sogni fantasmi di antichi dolori. Acqua che separa. Che diventa una parete fredda tra gli amanti.

Questo è il mio preferito fra le stagioni , non solo per la commozione che è inevitabile di fronte alla morte prematura di un bambino, ma anche per il bell’intreccio nella storia sentimentale di Ricciardi, incapace di farsi avanti con Enrica, e posseduto quasi a forza da Livia. Una bella miscela….

*************************...more
Cloudbuster
Siamo in un novembre terribile, con piogge torrenziali, nebbia, freddo e umidità che penetra nelle ossa. La città di Napoli è in fermento per l'arrivo del Duce e tutti si danno da fare per mostrare al mondo quale livello di ordine ed efficienza il regime sia riuscito a raggiungere anche in una realtà difficile come quella napoletana. Solo il Commissario Ricciardi ed il fido Maione sembrano immuni da questa frenesia e continuano a svolgere normalmente il loro lavoro.

Una mattina vengono chiamati...more
Ubik 2.0
Scugnizzi

“Il giorno dei morti” chiude idealmente la quadrilogia dei romanzi scanditi dallo scorrere delle stagioni e la chiude con la stagione più triste, l’autunno, anche se in qualche modo le storie del Commissario Ricciardi continueranno travalicando il progetto iniziale di un anno vissuto nella e dalla città di Napoli che anche in questo romanzo assume il ruolo di protagonista almeno quanto il Commissario.

Questa volta lo sguardo eccezionalmente sensibile di De Giovanni, che conosce e sa inte...more
Filippo Bossolino
Straziante e avvincente. L'indagine questa volta è svolta in maniera non ufficiale, e come in tutti gli episodi con protagonista Ricciardi, anche in questo caso, secondo me, De Giovanni ha il merito di non dare indizi su chi possa essere il "colpevole" fin quasi verso la fine del romanzo, e non solo. Gli riconosco il merito di far credere al lettore che il colpevole possa essere più d'uno, ogni volta smentito e accantonato.

Le ultime 20 pagine circa poi, sono struggenti… da lasciare senza fiato
Mario
Mi era piaciuto il terzo libro della serie, ma questo è migliore. Stupisce piacevolmente la capacità dell'autore di migliorare ad ogni episodio. Ci sono i personaggi, la trama, lo sfondo della città, che cresce fino a diventare un altro elemento fondamentale del romanzo.
Antonio Lanzetta
Le storie del commissario Ricciardi sono sempre più belle, di romanzo in romanzo, e questa è riuscita anche a strapparmi una lacrima. Bravo Maurizio De Giovanni, spero in una trasposizione televisiva della serie.
Jim Harville
Set in Naples, with an appealing cast of characters, this police procedural was too monotonously procedural to me. Too much repetition of investigative technique, too much melodrama in the backstories, and too much exposition in the dialogue. And when the killer is finally revealed, I didn't believe the motive for one second. Still, I liked the dog.
Goodcarr
Nei romanzi di de Giovanni si raccontano i diversi ambienti di Napoli, l’importanza delle piccole cose, i modi di comportarsi, le apparenze, gli uomini sinceri e quelli falsi, le furberie, l’umanità nelle sue mille sfaccettature.
Un’indagine lunga, atipica, difficile, che coinvolge in maniera totale il protagonista.
Poi c’è il caratteristico e inimitabile modo di scrivere dell’autore: le descrizioni di come le condizioni atmosferiche influiscono sugli uomini, il tocco delicato con cui racconta le...more
Mirrordance
Questo autunno napoletano vede il commissario Ricciardi alle prese con un apparente "non caso". L'unico indizio che lo fa accanire nella ricerca di una spiegazione è l'assenza di "fantasmi" che è solito vedere nel luogo del delitto.
In una Napoli che attende con ansia la visita del "grande mascellone" seguiamo storie di miserie e varia umanità in cui non tutto è come appare ed in cui ancora una volta l'autore dipinge i personaggi che appaiono di volta in volta sl palcoscenico della narrazione co...more
Kyle Harvey
I just hope this is not the end of the series!
Dru
Really good; I want to go back to the first one now. My only issue is that the women seem to be a bit over the top.
Germán Moya hernández
Melodía en español. El otoño del comisario Ricciardi me ha parecido una novela muy interesante. Reconozco no haber leído aún las otras novelas protagonizadas por el comisario Ricciardi. En esta novela ninguno de los personajes deja indiferente al lector. Cada uno de ellos invita a reflexionar acerca de la vida, el amor, la mezquindad y miseria de las personas, la muerte. Y todo en un clima de intriga fantasmagórica que mantiene atrapado al lector
Stacey Neve
I'm sincerely hoping that Maurizio de Giovanni decides he wants to keep this series going for another four seasons, and that I'll someday see a new book--perhaps subtitled "The second winter of Commissario Ricciardi"--appear in my local bookstore. I assume, however, that this is where the series ends and Day of the Dead was a wonderful and riveting way to say goodbye.
vania
Estratti da una corrispondenza privata

Ti dirò la verità: questo quarto romanzo della serie l'ho letto di corsa, perchè mi faceva soffrire assai.
Mi ha fatto versare fiumi di lacrime, pure il naso mi colava: uno squartamento che manco Cuore ai suoi tempi.
Epperò, de Giovanni lo ha saputo fare.

Per il resto, restiamo d'accordo così.
Sharron
Compelling characters, particularly the protagonist, and great period detail (Naples in the 1930s) combine to make this 4th title in the series worth reading. Note, they should be read in order. In this instance I particularly liked the fact that I never guessed the identity of the murderer. A complete surprise.
61pat
E' il primo libro che leggo di questo autore. Un po'"retrò", ambientato negli anni del fascismo, ma affascinante, scritto bene, coivolgente.
Claudia
...perch�� Ricciardi oltre a mostrare a tutti noi il dolore che ci caratterizza in questo libro sovverte il pi�� famoso degli stereotipi.
Tintaglia
Il migliore e insieme il peggiore, sotto certi punti di vista: la vita di Tettè mi ha messo addosso una tristezza indicibile.
Barbara
Oh no! Have to wait until the next one to see if he, like the Cowardly Lion, gets some courage.
Carol Mello
Carol Mello marked it as to-read
Jul 22, 2014
« previous 1 3 4 5 6 7 8 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
3051325
Maurizio de Giovanni (b. 1958, Naples) is best known for his prize-winning series set in 1930s Naples featuring Commissario Ricciardi, a loner with the paranormal ability to see and hear the murdered dead. A banker by profession, de Giovanni also writes short stories and books about historic matches of the Neapolitan soccer team.
More about Maurizio de Giovanni...
Il metodo del coccodrillo I Will Have Vengeance La condanna del sangue: La primavera del commissario Ricciardi Il posto di ognuno: L'estate del commissario Ricciardi Per mano mia: Il Natale del commissario Ricciardi

Share This Book