Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Nothing But the Night” as Want to Read:
Nothing But the Night
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Nothing But the Night

2.97 of 5 stars 2.97  ·  rating details  ·  99 ratings  ·  15 reviews
"(John Williams') first undertaking is carried out with a success that compels admiration. Mr. Williams has an uncommonly fine ear and uncommonly sensitive perceptions". -- St. Louis Post-Dispatch
Paperback, 123 pages
Published July 1st 1990 by University of Arkansas Press (first published 1948)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Nothing But the Night, please sign up.

Be the first to ask a question about Nothing But the Night

This book is not yet featured on Listopia. Add this book to your favorite list »

Community Reviews

(showing 1-30 of 297)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
S©aP
Il primo romanzo di J.E.Williams. Insignificante prova d'autore, oggi pubblicata sull'onda del successo di "Stoner". Non vale nulla. È di un proto-minimalismo sconfortante. Mi ha ricordato il primo B.E.Ellis ("Meno di zero"), pur se privo della medesima forza devastante. Triste; noioso; circonvoluto; forzato; inutile. L'acquisto è stato un errore che non si dovrebbe commettere: cedere alla pubblicità in modo acritico, irriflessivo.
Romina
Nulla, solo la notte
Questa storia si svolge in una notte, ed è la storia di un giovane ragazzo dalla vita insofferente, dove incubi e realtà si alternano. Dove questo giovane dall’anima apatica si trascina per le strade della città di San Francisco, senza occupazione immerso nelle sue paranoie, paure e strani ricordi. Volendo DIMENTICARE SE STESSO. Definendosi spesso un parassita.

“Dipingi quadri? Suoni? Cosa ci fai con queste mani, Arthur?
Le sorrise con gentilezza. Si sentiva sempre più potente
...more
Kittaroo
Romanzo (breve) d'esordio che poteva pure rimanere nel cassetto. Capisco che, però, avendo un autore di indubbio successo e richiamo, la tentazione di cavarne fuori qualche soldino sia molto forte.
Bella scrittura ma nulla in confronto a quello che sarà Stoner. Trama vacua e personaggi farraginosi che sembrano appartenere al secolo scorso.
Evitabilissimo.
Sean
Reading Stoner, I realized I had found one of my favorite novels ever. My inclination to read through John Williams' oeuvre was cemented when I discovered that he was an admirer of Willa Cather.

Nothing But the Night was Williams' first work, and was noticeably omitted from the recent NYRB reprints, which include his other three novels. I couldn't find much background on this book, but the short commentary on the internet isn't what I would consider positive.

It was described as "turgid, overwritt
...more
Ilenia Zodiaco
Indubbiamente scritto -ma non è motivo di stupore - in maniera egregia. Tuttavia ad una prima parte splendida, che introduce un personaggio "letargico" e senile, segue una seconda parte non altrettanto efficace. Per quanto sia piacevole l'eco di Proust e l'idea di fondo del romanzo (tutto incardinato sull'idea-simbolo della notte), non mi ha convinta del tutto. In ogni caso, lo consiglio, soprattutto a chi ama lo scrittore. Un esordio degnissimo di nota, da considerarsi una fase embrionale.

"Tutt
...more
Ffiamma
breve romanzo giovanile di john williams- esordio del parco autore di soli tre romanzi, tra cui il fondamentale "stoner". leggendo queste poche pagine, sulla giornata di un giovane problematico che vive sospeso tra realtà e sogno, sono restata sbalordita dal modo in cui, con il passare del tempo, la scrittura e la sensibilità dell'autore si siano affinate, la sua narrazione sia divenuta incredibilmente più asciutta e profonda, i personaggi più vivi e meno banali. da prendere per quel che è: una ...more
Cristina
Una o due pagine si salvano, "tutto il resto è noia"...come cantava Califano
Iria
Romanzo d'esordio scritto da Williams a soli 20 anni. E' una scrittura fresca e un po' acerba, ma si colgono già gli elementi di un grande talento. Mi è piaciuto abbastanza ma niente a che vedere con Stoner , gli ho dato 4 stelline perché ci sono dialoghi e passi davvero notevoli, nonostante la storia sia un po'confusa.
Williams rinnegò l'opera in seguito e le critiche lo hanno spesso definito infantile, ma a me è sembrato un buon libro con una scrittura molto pulita.
E' fortemente sospeso tra so
...more
Silvia
Ci sono due dialoghi eccezionali e due paragrafi perfetti.
Per il resto l'ho trovato abbastanza banale e con una scrittura un po' immatura (il paragone con Stoner, ahimé, viene fuori anche se non si vuole). Temi scontati: il sogno, l'amore per la madre, l'avversità alla figura materna.
Peccato. È però un bene che sia stato pubblicato il romanzo d'esordio di Williams.
Frank
Davvero niente male la lettura del romanzo d'esordio di John Edward Williams, l'oramai conosciuto e stimato autore di Stoner.

Questo Nulla, solo la notte è datato 1948 e rappresenta un classico esempio di letteratura americana, un richiamo forte ad atmosfere ed ambientazioni tipiche di essa.

Trama non particolarmente originale, ma comunque interessante ed appassionante, fermo restando una certa sensazione del già visto.

Un protagonista con sbalzi di personalità e un passato difficile che non vuole
...more
Francesca Barontini
Romanzo di esordio e ne ha tutti gli elementi. Approssimato, confuso, sospeso, con eccessi descrittivi a fronte di una inconsistenza di fondo. Molti elementi restano sospesi, altri sono scontati, altri ancora frutto di un virtuosismo poco convincente. L'ho comprato spinta dalla bella impressione di Stoner, mi dispiace aver buttato via i soldi.
Sibil
Sinceramente non conoscevo l'autore e la trama non mi ispirava un granché, ma siccome non avevo molta altra scelta (avevo il mio fido ereader, ma ogni tanto avevo bisogno di un cartaceo!) alla fine ho ceduto e l'ho letto. Ho iniziato a leggere sentendomi diffidente e poco interessata, ma mi sono dovuta ricredere!
Pian piano sono rimasta catturata dalle pagine e senza neanche accorgermene ero arrivata alla fine!
Il merito non è della storia, che non è brutta ma non mi ha neanche particolarmente col
...more
Come Musica
Questo romanzo se da una parte non tradisce lo stile impeccabile dell'autore, dall'altro delude le aspettative.
Uno John Williams ancora in bozza.
Una storia indefinita.
Un antieroe che resta inesorabilmente solo.
Veronica
A little bit feeble.
Nienke Willemsen
Nienke Willemsen marked it as to-read
May 01, 2015
Monique
Monique is currently reading it
Apr 30, 2015
Fregisseur
Fregisseur marked it as to-read
Apr 29, 2015
Kyle
Kyle marked it as to-read
Apr 23, 2015
Janet
Janet marked it as to-read
Apr 22, 2015
Vale
Vale added it
Apr 18, 2015
Rowizyx
Rowizyx marked it as to-read
Apr 15, 2015
Mieke
Mieke marked it as to-read
Apr 12, 2015
Matthew Mitchell
Matthew Mitchell marked it as to-read
Apr 07, 2015
Rick
Rick marked it as to-read
Apr 03, 2015
Julia
Julia marked it as to-read
Mar 31, 2015
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 10 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • La vendetta
  • Érase una vez el amor pero tuve que matarlo. Musica de Sex Pistols y Nirvana
  • Oh, boy !
  • Night's Lies
  • Una novelita lumpen
  • Cinzas do Norte
  • La morte della Pizia
  • Zia Antonia sapeva di menta
  • Katalin Street
  • Idiots First
  • Stella del mattino
  • Argento vivo
  • Rosso Floyd
  • Real Love: The Drawings for Sean
  • Palestinian Identity: The Construction of Modern National Consciousness
  • Captive: 2,147 Days of Terror in the Colombian Jungle
  • Problems of Knowledge and Freedom: The Russell Lectures
  • Accabadora
51229
John Edward Williams was born on August 29, 1922, in Clarksville, Texas, near the Red River east of Paris, Texas and brought up in Texas. His grandparents were farmers; his stepfather was a janitor in a post office. After flunking out of junior college and holding various positions with newspapers and radio stations in the Southwest, Williams enlisted in the USAAF early in 1942, spending two and a ...more
More about John Williams...
Stoner Butcher's Crossing Augustus English Renaissance Poetry: A Collection of Shorter Poems from Skelton to Jonson The Necessary Lie [Verb poetry series, v. 2]

Share This Book

“That is the very best time of life, he thought again: when you are very young, when living is a simple, perfect succession of golden days.” 2 likes
“Stafford was late again, as he had expected he would be late. He signaled the bartender and indicated his empty glass. He burrowed a little more securely in his separate awareness, he nestled a little more deeply into his private darkness, and he waited.

In the long run, he thought, that is all one does; wait for people or keep people waiting.”
1 likes
More quotes…