Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “The House by the Medlar Tree” as Want to Read:
The House by the Medlar Tree
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating

The House by the Medlar Tree

3.42 of 5 stars 3.42  ·  rating details  ·  2,780 ratings  ·  53 reviews
1890. An introduction by W.D. Howells. Italian novelist, Verga abandoned the study of law for literature and wrote several novels of passion in the style of the French realists. His later works, written in a different style, are marked by simplicity and strict accuracy. They deal with the Sicilian middle class and sympathetically treat the poverty and struggles of the peas...more
Paperback, 312 pages
Published April 1st 2005 by Kessinger Publishing (first published 1881)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about The House by the Medlar Tree, please sign up.

Be the first to ask a question about The House by the Medlar Tree

The House at Pooh Corner by A.A.  MilneLittle House in the Big Woods by Laura Ingalls WilderThe Fall of the House of Usher and Other Tales by Edgar Allan PoeSlaughterhouse-Five by Kurt VonnegutLittle House on the Prairie by Laura Ingalls Wilder
Best "HOUSE" Books.
155th out of 169 books — 27 voters
The Wind In The Willows by Kenneth GrahameSad Cypress by Agatha ChristieSnow Falling on Cedars by David GutersonThe Giving Tree by Shel SilversteinA Palm for Mrs. Pollifax by Dorothy Gilman
If You Were A Tree --
102nd out of 107 books — 13 voters


More lists with this book...

Community Reviews

(showing 1-30 of 3,000)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Marco Tamborrino
"Il mare non ha paese nemmen lui, ed è di tutti quelli che lo stanno ad ascoltare, di qua e di là dove nasce e muore il sole."

Un intero romanzo fondamentalmente basato sui personaggi, ma, rispetto a quanto si possa pensare, anche piuttosto atipico. Ne "I Malavoglia", i personaggi non sono descritti nel senso stretto del termine, i personaggi esplodono. Le loro voci si mischiano e formano un'unica voce, e qui ho trovato la realizzazione della filosofia che io ingenuamente e con ignoranza chiamo...more
Joselito Honestly and Brilliantly
Considering his many self-revealing reviews here at goodreads, this novel would remind you of k.d.'s life and times. He'll be Alessio here, the youngest son of the Malavoglia family who had witnessed the family's harrowing trials and tribulations before growing up and later somehow reestablishing the family's pride by doing something to a house--in Alessio's case, by repurchasing their House by the Medlar Tree; in k.d.'s case, by rebuilding the family's House by the Mango Tree.

The middle son in...more
Anastasia
Feb 24, 2012 Anastasia marked it as abandoned  ·  review of another edition
Niente, non è il momento.

Questa non è una recensione, e la mia non è stata un'effettiva lettura, sono state cento pagine lette assolutamente alla cazzo.
Cosa che mi disturba parecchio.
Non è che fossi partita con l'assoluta convinzione che Verga non meritasse una lettura seria (ma che razza di persona sarei, wtf), o magari già sconfitta in partenza a pensare che sicuramente avrei dovuto sorbirmi la noiosaggine delle noiosaggini. Io ero partita assolutamente fiduciosa, con quella classica trepida...more
Joyce Lagow
The House by the Medlar Tree
Giovanni Verga

Giovanni Verga was a late 19th century Sicilian writer who was one of the wave of Italian literary realists in the verismo tradition. Born in Catania, Sicily in a prosperous Sicilian family, he is nevertheless known for his unsparing depiction of the lives of poor Sicilians The House by the Medlar Tree (I Malavoglia is the title in Italian) recounts the lives of three generations of the Malavoglia family in Aci Trezza, a small fishing village within walk...more
Jason
I have to admit I'm pretty partial to this book, because it takes place in the outskirts of Catania in Sicily. I lived there for 7 and a half months, so I was predisposed to love this book. The author is also from from the area, and I think it captures Sicilianness better than anything I've read - an admittedly small sample.

Giovanni Verga is the pioneer of the "verismo" movement so popular in Italy around the turn of the 20th century. The most popular products of the movement are the great opera...more
S©aP
Il senso della tradizione e il rapporto con essa. Quei limiti "imposti", che generano sofferenza ma anche fermo riferimento. Assecondare o trasgredire sono atti di ferma volontà. In entrambi i casi, scelte vivifiche. Testo illuminato. Cardine della letteratura italiana.
Chiara Pagliochini
"I Malavoglia sono una famiglia di pescatori di Aci Trezza. I loro guai cominciano con l’affondamento della Provvidenza, la barca di famiglia, e con la morte di Bastianazzo, figlio di Padron ‘Ntoni. La vedova Maruzza, le figlie Mena e Lia, i figli ‘Ntoni, Luca e Alessi , strenuamente guidati dal capofamiglia Padron ‘Ntoni, faranno di tutto per salvarsi dai debiti, ma vincere i pregiudizi del paese e i garbugli della legge non è facile. Si rialzeranno e precipiteranno sempre più in basso, fino a...more
El
Not surprisingly, this Sicilian novel is not one for boosting one's poor attitude about life.

This is the story of the Malavoglia family in a small fishing village on the east coast of Sicily in the 1860s. Their livelihood through fishing is threatened when their family boat is destroyed, and the family struggles to make ends meet. I consider John Irving the king of writing stories about lives that fall apart, but then fall spectacularly apart even more before the story has even reached its clima...more
Silvia Gonella
Va bene il verismo, la descrizione fedele dei dettagli, l'impersonalità dello scrittore... Ma finire questo libro è un'impresa!! Oltre ad essere pesante e noioso, mi trovo in disaccordo anche con molti concetti del libro: sembra ad esempio che chiunque provi a cambiare e si rivolga alla novità sia destinato al fallimento e allo sfacelo. Ognuno è chiamato a svolgere il ruolo che gli è assegnato, punto. Sei cristallizzato nel tuo posticino e non c'è modo di cambiare una storia che sarà, sempre e c...more
Lys
Non sono mai riuscita a farmi piacere Verga. O meglio, non sono mai riuscita a prenderlo sul serio.
Le disgrazie che capitano ai suoi protagonisti (e i Malavoglia non fa eccezione) sono così numerose e variegate che su di me hanno effetto ridarella.
Più che realismo sembra parodia.
Pasquale
Elevatissimo capolavoro. Riassunto totale e perfetto del meridione ottocentesco di post-unificazione.
katnissbraid.
sarò ignorante e stupida ma non ho capito la grandiosità di questo libro.
Joyce Lagow
Giovanni Verga was a late 19th century Sicilian writer who was one of the wave of Italian literary realists in the verismo tradition. Born in Catania, Sicily in a prosperous Sicilian family, he is nevertheless known for his unsparing depiction of the lives of poor Sicilians The House by the Medlar Tree (I Malavoglia is the title in Italian) recounts the lives of three generations of the Malavoglia family in Aci Trezza, a small fishing village within walking distance of Catania (the village is no...more
Andrea
Verismo e Dogma 95: dramma all'ennesima potenza

M'è sembrato un romanzo molto moderno: il narratore unico e onnisciente è frammentato in tante voci narranti, quelle dei personaggi in primo piano in un quel momento; lo stile è asciutto e sempre aduguato al personaggio. La struttura è perfetta: disastro> ripresa> disastro> ripresa, fino all'annientamento della famiglia. Ma il romanzo non naufraga nel pessimismo più totale: dopo il disatro completo il più giovane dei Malavoglia ricompra la...more
Jeanette  "Astute Crabbist"
This is a simple story about life in a tiny Sicilian fishing village in the 1860s. It follows the misfortunes of the Malavoglia family over a period of about 10 years. It shows how trying to recover from one misfortune can lead to more misfortunes, through no fault of the family. The people are mostly illiterate and somewhat superstitious. They run their lives based on old proverbs. Sicilian people traditionally have a reputation for being stubbornly resistant to change, and this story bears tha...more
Gnuvolante
Il Verga con il suo stile immediatamente intelligibile riesce a rendere l'idea del borgo di Acitrezza con successo, probabilmente grazie anche all'utilizzo di quel siciliano italianizzato che rende il tutto più sincero e verace. Il linguaggio è spesso arguto, permeato di semplicità e rassegnazione, in un contesto dove la sconfitta è sempre in agguato.

Pardon 'Ntoni, capofamiglia dei malavoglia, nella sua vita tra pesca a bordo della Provvidenza e le poche ore trascorse a casa a riposare e ultimar...more
•Anna•
«Un tempo i Malavoglia erano stati numerosi come i sassi della strada vecchia di Trezza...»

Ce l'ho fatta! Sono riuscita a finirlo, non vedevo l'ora.
La lettura è risultata pesantuccia.
Troppi personaggi e troppi nomignoli (che si alternano: una volta lo chiama zio Crocifisso, l'altra volta Cinghialenta...una volta la chiama Maruzza, l'altra la Longa).
Troppi pettegolezzi e presunti matrimoni, che rendono tutto un po' dispersivo.
Troppa angoscia, ma tanta verità.

E' stato piacevole riconoscere nelle d...more
Daydreamer93
Dicono che un buon libro è quello che ti fa sentire come se avessi perso un amico una volta che è finito. Sicuramente questo è un buon libro.
Ci ho messo una settimana a leggerlo e devo dire che non ho visto l'ora che fosse finito...ma ora che lo è veramente, mi dispiace un po'.
L'ho trovato un po' ripetitivo nelle vicende, in quanto si parla sempre delle disgrazie della famiglia dei Malavoglia. Però è stato molto interessante. Nonostante sia un libro del 1881 ci sono molte somiglianze con ciò c...more
BlueBilly
La fama di pesantezza e noia che accompagna questo capolavoro è assolutamente ingiustificata. Probabilmente perché a scuola lo si percepisce come un'imposizione, questo libro viene bollato come illeggibile e rimosso dalla maggior parte delle persone. Eppure una rilettura con occhi diversi restituisce tutta un'altra immagine.
Le vicissitudini dei Malavoglia catturano l'attenzione e la pietà del lettore e trasmettono in maniera molto potente lo scetticismo di Verga nei confronti delle aspirazioni d...more
Mamasoo Reichert
Also known as I, Malavoglia.

Whatever it's known as, I didn't like this at all. Yes, I get the family's struggle with poverty, war and disgrace. Yes, I get the small village mentality (I think the Village should be a character in itself) where everyone knows everyone else. All that is well and good in a book.

As I read, however, I felt like I was leaning over the back fence chatting with my neighbors. It was almost embarrassing at times, seeing into other people's lives as the author creates the s...more
Gustavo
Uma leitura um pouco difícil já que a escrita mais parece uma discussão fanfarrona entre italianos onde os temas, situações, tempos e falas se intercruzam constantemente dando um nó na cabeça do leitor.

A trama não é completamente instigante, porém esse livro trata de uma maneira bem crua da miséria da vida cotidiana de famílias que não só viveram nesta pequena aldeia da Sicília, mas que vivem até hoje em muitos países como o Brasil, por exemplo.

Estagnados em uma penúria dilaceradora, os person...more
Auntie Pam
E' stato davvero affascinante leggere questo libro. Un tuffo nella cultura siciliana di oltre un secolo fa. Verga ha descritto così bene i personaggi e i paesaggi che mentre leggevo mi pareva di stare nella casa del nespolo o per le strade del paese. Inutile raccontare la trama che tutti sanno più o meno, quello che ha invece ha colpito me sono stati i tantissimi modi di dire (e tutti con una loro logica che andrebbero bene anche adesso) e la spaccatura dei personaggi nella famiglia di Padron 'N...more
Philip Lane
I'm not sure what the problem is with this book. The subject matter is perfectly acceptable - the struggles of a working class family with property - and the style is realistic. Perhaps it is the translation, the long list of characters and their multiple names, or perhaps it just isn't written very well, but I am afraid this did not grip me. I couldn't associate with anyone and it ground me down, rather like life does the family in the story. I must admit that the ebook version I read had lots...more
Artificialbrain
Rispetto Verga, il verismo, la letteratura italiana, ma questo libro lo trovo terribile. Un elenco di sventure capitate ad una famiglia sventurata. Muoiono uno dopo l'altro (quasi tutti), non hanno mai un soldo, vendono i loro beni uno dopo l'altro, ben due ragazze rinunciano al matrimonio perché non hanno la dote. 'Ntoni mi faceva più pena di tutti, continuava a provarci e non ci riusciva mai. È la seconda volta che lo leggo e per la seconda volta mi ha fatto venire la depressione. Di solito il...more
Catebondi
not bad, but written in an ancient language
Floriel Maree
2.50

Non capisco, le cose sono due: o Verga non fa per me o questo libro proprio non ha senso. Più probabilmente, però, è stato un errore da parte mia leggerlo dopo D'Annunzio, avrei dovuto fare il contrario e forse mi sarebbe piaciuto di più...
Non so nemmeno se è per via di com'è scritto (ma va be', è il genere del tempo) o per la storia... forse per quest'ultima: la storia di una famiglia che inizia a metà e finisce a metà. Non ho colto ciò che l'autore voleva spiegare ai lettori, non ho colto...more
G.G.
Like a Thomas Hardy novel: things start badly, get worse. I learnt a lot from the fascinating essay about Verga's Sicilian novels by Tim Parks, "A Chorus of Cruelty," in Hell and Back: Reflections on Writers and Writing from Dante to Rushdie.
pianetino89
Sarebbero 2 stelle e un pezzo...

Ho dato tre stelle solo perchè è un classico
della Letteratura Italiana, ma davvero ho
fatto una fatica incredibile a leggerlo. Sarà
che spesso ci sono espressioni e,
chiamiamole, citazioni in dialetto siciliano,
che mi risultano di difficile comprensione;
sarà che la storia non era poi così originale;
sta di fatto che non è uno dei migliori
romanzi che ho dovuto leggere nei miei anni
di Liceo.
Martina
This book is one of the Italian classics of the late 19th century, a realistic depiction of the life of the poor in 19th century Sicily. I had to read it for high school, and remember that it felt so slow that I could hardly read 10 pages a day.
Yet the story was interesting (even though very negative), and I think the book is one of those that it's better appreciated by adults than by teenagers.
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 99 100 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
  • Last Letters of Jacopo Ortis
  • The Viceroys
  • The Betrothed
  • The Late Mattia Pascal
  • Fontamara
  • Conversations in Sicily
  • The Day of the Owl
  • La casa in collina
  • La ragazza di Bube
  • L'isola di Arturo
  • Il partigiano Johnny
  • The Ragazzi
  • Lessico famigliare
  • Christ Stopped at Eboli: The Story of a Year
  • The Time of Indifference
  • The Child Of Pleasure
  • La cognizione del dolore
  • A Woman
194351
Giovanni Verga (2 September 1840 – 27 January 1922) was an Italian realist writer, best known for his depictions of life in Sicily, and especially for the short story Cavalleria Rusticana and the novel I Malavoglia.
The first son of Giovanni Battista Catalano Verga and Caterina Di Mauro, Verga was born into a prosperous family of Catania in Sicily. He began writing in his teens, producing the large...more
More about Giovanni Verga...
Storia di una capinera Mastro-don Gesualdo: Edizione critica Rosso Malpelo e altre novelle Tutte le novelle: Volume I Cavalleria Rusticana and Other Stories

Share This Book

No trivia or quizzes yet. Add some now »

“Quando uno non ha niente, il meglio è di andarsene.” 0 likes
“Il cuore si stanca anche lui, vedi; e se ne va a pezzo a pezzo, come le robe vecchie si disfanno nel bucato.” 0 likes
More quotes…