Un calcio in bocca fa miracoli
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating

Un calcio in bocca fa miracoli

3.75 of 5 stars 3.75  ·  rating details  ·  154 ratings  ·  24 reviews
Il protagonista di questo libro è un vecchio scorbutico, vitale, simpaticissimo, che fa i conti con l'ostinazione della sua prostata, con un'insana passione per la portinaia e con la sua amicizia per Armando, aspirante Cupido in pensione. L'ironia e il caratteraccio invecchiando migliorano come la grappa, per questo ci diverte così tanto la sua voce cinica, borbottante, ca...more
Paperback, I Coralli, 190 pages
Published February 1st 2011 by Einaudi (first published 2011)
more details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Community Reviews

(showing 1-30 of 294)
filter  |  sort: default (?)  |  rating details
Ardesia
Oct 11, 2011 Ardesia rated it 4 of 5 stars
Shelves: sp
“Sono un vecchiaccio.
Dovrei dire che sono una persona anziana, come mi hanno insegnato i miei genitori per i quali chiunque, anche un infanticida antropofago, arrivato a una certa età meritava rispetto.
La verità, però, è che sono un vecchiaccio.
Mi lavo poco, mi rado una volta alla settimana e giro per il quartiere indossando un cappotto che, dopo la mia prostata, è la cosa più malridotta che mi porto dietro.”

Mi è sempre piaciuto chi è capace di chiamare le cose col loro nome e di parlare fuori d...more
Emanuela
Il protagonista è il Barney Panofsky "de noantri", ma non per disprezzarlo, anzi, per riconoscere la capacità dell'autore di proporre un personaggio con lo stesso cinismo, capace di spiazzare con le battute nostrane, quelle che ciascuno di noi italiani pensa spesso ma non dice per non mandare in vacca i propri rapporti affettivi e sociali, più o meno stretti.

Questa storia assomiglia a tratti alla più famosa "La versione di Barney" -mi auguro che abbia altrettanto successo-, anche se la trama non...more
Mara
Storia di un vecchio scorbutico che rifugge il politically correct ed il buonismo imperante : “..Non mi rimane che utilizzare la vecchia strategia del bacherozzo: quando si avvicina un pericolo, si distende sul dorso, immobile, e si finge morto. Nel caso mio, non devo neanche fingere troppo…”.
Libro piacevole, con un buon inizio, un corpo intrigante e un finale a sorpresa .
Alcuni aforismi sono da imparare a memoria e recitare come un mantra , nella migliore tradizione del “Ruggito del Coniglio”...more
Simonetta
"Il silenzio è la cosa più straordinaria che esista in natura, lo si può interpretare in chiave filosofica e artistica ma alla fine è costituito semplicemente dall’assenza di rompicoglioni nelle vicinanze."

Come rappresentare meglio di così l’essenza di questo vecchiaccio cinico e sconveniente, raccontato dal simpaticissimo Marco Presta?
Siamo a Roma, quartiere San Giovanni. Il protagonista è un falegname pensionato in lotta con la sua prostata, invaghito della portiera del palazzo in cui vive, se...more
Piperitapitta
Brutta cosa la vecchiaia.


Quindi molto meglio trascorrerla da vecchiaccio che da persona anziana.
Marco Presta, coautore a co-conduttore radiofonico de Il ruggito del coniglio insieme a Antonello Dose, dà vita ad un personaggio indimenticabile: caustico, scorrettissimo e quasi sempre insopportabilmente scorbutico.
Perché il nostro, falegname in pensione, non li sopporta neanche lui i vecchi - «Parlando con quattro coetanei diceva che lo scomparso, poverino, era ridotto veramente male, il diabete, i...more
Enzo
May 15, 2011 Enzo rated it 4 of 5 stars
Shelves: novel
Very nice description of when we will grown older
Mari
Le grandi riforme in questo Paese, vista la situazione, può farle solo la morte.

Mentre leggevo questo libro alla fermata dell'autobus una ragazza mi ha interrotto per chiedermi se mi stavo divertendo, perchè lei ha riso tanto leggendolo. E' vero, è un libro che fa sorridere. Racconta le bizzarre avventure di un vecchio burbero con la mania di rubare penne. Nessuno sfugge alla sua sottile ironia. Non è stato un buon marito, lo sa la sua ex moglie Orietta, più volte tradita. Non è stato un padre p...more
Gabriele Massaro
Noto ai più in veste di co-conduttore del radiofonico "Ruggito del coniglio" (con Antonello Dose), in questo suo libro Presta racconta la quotidianità attraverso lo sguardo - cinico, ironico e disincantato - di un "vecchiaccio" (così si autodefinisce il protagonista) che passa il suo tempo a far salaci battute sul prossimo, desiderando senza molte speranze la portinaia del suo palazzo e rubacchiando qua e là penne a sfera per il solo gusto di farlo.
Accanto a lui, totalmente speculare, l'amico Ar...more
La Biblioteca
Questo libro non era esattamente ciò che mi aspettavo. Quando mi è capitato, pensavo più ad uno di quei manuali di autoaiuto pieni di belle teorie e frasi fatte per l'autostima. Certi libri sono utilissimi quando non hai nessuna voglia di seguire una trama, ricordarti personaggi, fatti, vicende eccetera.

Il punto è che questo invece una trama ce l'aveva, perché si tratta di un racconto.

Il protagonista è uno di quei vecchietti che a leggerli ti fanno ridere, ma se ce l'hai come vicino di casa, l'u...more
Antonietta
Non so se avrei scelto proprio di chiamarlo "Un calcio in bocca fa miracoli", che fa tanto politically incorrect, fatto sta che il libro è molto meglio del suo titolo. Il protagonista, un "vecchiaccio" sarcastico, pungente e che si sente "cattivo dentro" (in questo certo lui è scorretto, come ci suggerisce il titolo) ci fa fare un sacco di risate e ci propone riflessioni agrodolci e qualche verità non propriamente da libro Cuore, che però in fondo sono per lui una scorza per difendersi dalla sol...more
Domenico Vazzano
Divertente, ironico, dissacratore, un protagonista "vecchiaccio sgradevole" ma ironico e "vivo".
VAle
preso in biblioteca

Non posso che sottoscrivere il commento di Lighea su aNobii: se sei un vecchio letterario, burbero e indisponente, prima o poi ti trovi in gara con Barney Panofsky. Ma il Nostro non se la cava male, schivando il confronto diretto con piccole astuzie all'italiana.
E così ci si trova a trascorrere qualche ora piacevole in compagnia di questo vecchiaccio, di Armando (affabile salumiere in pensione), giovinastri e vecchi più o meno decrepiti.
Il punto di forza, poi, sta nella narraz...more
GONZA
Se questo personaggio fosse reale sarebbe il padre acido dell'avvocato Malinconico di De Silva, le sue battute fulminanti me l'hanno ricordato tantissimo, sarà che alcune sembravano status di facebook, ma erano fulmini in due righe.
La storia di un 76enne, del suo amico di sempre, di due fidanzati destinati e della figlia del protagonista, nonchè dell'ex-moglie, di una portinai e del suo pappagallino, tutti insieme appassionatamente per 167 pagine dolciamare che ti fanno ridere da sola mentre ci...more
Bruna70
Semplicemente MERAVIGLIOSO
Zioluc
Mar 04, 2014 Zioluc rated it 4 of 5 stars
Recommended to Zioluc by: irene
Shelves: narrativa
Confessioni di un vecchio inacidito. Spiritoso, spesso esilarante, ottima lettura estiva.
Claudia
Salace, sagace, audace, mordace

Nelle prime pagine, la scrittura si presenta contorta, non fluida. Ma superate queste, il romanzo diventa scorrevole e presenta al lettore un soggetto davvero interessante. Non solo per l'ironia del personaggio ma soprattutto per l'età dello stesso. Quegli uomini e donne spesso invisibili in cui all'avanzare dell'età sembra dover necessariamente fare da contraltare l'avanzare della bontà. Da leggere con piacere.
Giampiero
Sorprendente questo Marco Presta.
Mi ha ricordato Achille Campanile, anche se più cinico e meno surreale.
Ma sorprende soprattutto per chi lo conosce (e lo segue da più di dieci anni) alla radio, con "Il ruggito del coniglio". Dove è un impareggiabile battutista.
Questo riesce a parlare di persone vere che fanno cose irreali.
E persone antipatiche, che finiscono col suscitare simpatia.
Giulia
Un buon libro. Non eccezionale, ma amorevole... Da leggere. L'ho apprezzato più per le descrizioni e le caratterizzazioni dei personaggi che per la trama.
(Opinione brevissima perché ho finito un mesetto fa di leggerlo e mi ero dimenticata di scriverne la recensione.)
Chiara
Accadono cose inspiegabili nella vita. L'esperienza serve a capire che non bisogna cercare di spiegarsele.

Una lettura insospettabilmente saggia, simpatica e divertente!
CriCra CriCra
Cosi come viene!

A tratti alterni, tra assurdità ed esilaranza, in un turbinio di pura autoironia e cinismo, trascinandosi dietro, un sottilissimo e fragile velo di malinconia.
Arwen56
Passabilmente spassoso. Passabilmente amaro. Credo che me lo dimenticherò nel giro di due settimane al massimo. Forse anche meno.

Elaine
Finalmente un libro interressante con personaggi simpatici. Ho anche riso tante volte.
Marco Cerbo
Penna scorrevole per le vicende di un "vecchiaccio". Peccato per la fragilità della trama.
ao
Simpatico, senza lode, e senza infamia. Insomma, a me non e' parso un granche'.
Simona Del Grosso
bello!!! Molto simpatico e spassoso....
Susys
Susys marked it as to-read
Jul 24, 2014
reads dadda
reads dadda marked it as to-read
Jul 22, 2014
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 10 next »
There are no discussion topics on this book yet. Be the first to start one »
Il piantagrane Il paradosso terrestre C'è un grande prato verde: Dodicesima giornata

Share This Book