Goodreads helps you keep track of books you want to read.
Start by marking “Canne al vento ” as Want to Read:
Canne al vento
Enlarge cover
Rate this book
Clear rating
Open Preview

Canne al vento

by
3.70  ·  Rating Details  ·  687 Ratings  ·  56 Reviews
Unica donna insignita dal Nobel nell'ambito della letteratura italiana e autrice di più di cinquanta volumi tra romanzi e novelle, Grazia Deledda è forse ancora tutta da scoprire, un po' come la sua Sardegna. "Canne al vento" è in questo senso un'opera esemplare: induce, già nel titolo, un'inconfondibile immagine dell'aspro ed essenziale paesaggio dell'isola, ma evoca nel ...more
Paperback, Acquarelli, 256 pages
Published July 2006 by Giunti Demetra (first published 1913)
More Details... edit details

Friend Reviews

To see what your friends thought of this book, please sign up.

Reader Q&A

To ask other readers questions about Canne al vento, please sign up.

Be the first to ask a question about Canne al vento

Community Reviews

(showing 1-30 of 1,631)
filter  |  sort: default (?)  |  Rating Details
Sandra
Jan 24, 2016 Sandra rated it it was amazing
Shelves: italia, classici
“Siamo nati per soffrire come Lui; bisogna piangere e tacere…”


Un romanzo con la musicalità di una sinfonia di Mozart, con una trama tenue, che all’inizio sembra strutturarsi in una vicenda dai toni dostoevskjiani e poi nel finale invece si perde leggermente in contenuti moraleggianti sull’affidarsi alla volontà di Dio. Però che emozione perdersi nelle descrizioni poetiche prive di sfarzo e ricche di magia e sentimento del paesaggio sardo, in cui i personaggi sono incastonati nella natura selvagg
...more
Simona
Nu vreau să fiu ipocrită, așa că o să vă rog să fiți îngăduitori cu subiectivismul celor trei steluțe ale mele, chiar dacă discutăm despre romanul unei autoare de Nobel (1927).
Dacă reuşiţi să traversaţi primele 30-35 de pagini, care debordează în excese descriptive şi abundă de numele sarde ale mult prea multor personaje prezente, absente sau colaterale, sunt şanse să ajungeţi, în cele din urmă, să empatizaţi cu cel puţin unul din ele: bunul servitor Efix, devotat stăpânelor sale aflate în ruină
...more
Emanuela
Apr 14, 2011 Emanuela rated it it was amazing
Leggere questa storia di una comunità chiusa della nostra antropologia dell'altro giorno, lascia stupiti. Gli uomini e le donne, se non sono malati nel fisico, soffrono nello spirito come se quel poco di serenità e, raramente di felicità, fosse una coperta troppo corta che danneggia a turno i personaggi.
Grazia Deledda sa mettere l'amore per la sua terra nelle descrizioni dei paesaggi che si riempiono di luce e di colori, acqua che scorre, erba che cresce tra le pietre, canne che si flettono pro
...more
arcobaleno
Andava andava ma non trovava pace
Una lettura (e rilettura) ricca di interpretazioni; impressioni straordinarie, in più tempi.
Prima mi è apparsa la trama, con l’ambientazione sociale, culturale, geografica; con i personaggi e gli intrecci. Una rappresentazione quanto mai efficace di esistenze in cammino, sempre, chine sotto il peso di tradizioni ancestrali, dominate da un destino subìto con sofferenza silenziosa, chiuse in quell’angolo di mondo recinto dai fichi d’india, eppure intrise di sper
...more
Guido
Aug 28, 2012 Guido rated it really liked it  ·  review of another edition
Se un libro può contenere l'antica, maestosa, violenta e amorevole vita della mia terra, dev'essere questo. Della Sardegna rappresentata qui non si descrivono né i confini, né la storia, né la cultura: Grazia Deledda non analizza la sua isola; la rappresenta perfettamente, tutta intera, nelle piante e nel vento che le muove, nei gioielli al collo di una vecchia, nelle fantasticherie ambiziose e vendicative della gente, nelle superstizioni, nelle pietre e nei pensieri di chi ci dorme sopra. Nonos ...more
Roberta
Della Deledda mi porto dietro, fin dai tempi del liceo, una sensazione di pesantezza e lungaggine. Perché? Non lo so: non abbiamo letto niente di suo. Forse è stato il modo con cui il professore l'ha citata, sbrigativo. Peccato, perché a me il verismo e i suoi sviluppi piacciono. Da un altro punto di vista invece meglio così, perché mi sono tenuta da parte questa storia fino ad adesso.
La famiglia Pintor, i nobili, si disfa quando una delle figlie scappa a Civitavecchia. Ora rimangono solo tre so
...more
Joseph Kugelmass
Sep 09, 2012 Joseph Kugelmass rated it really liked it  ·  review of another edition
A spectacular book that is virtually unknown in the United States, despite Deledda's Nobel Prize. Not only is it neglected, it's not summarized very well online, from what I've seen. Most of the summaries tend to portray the book as a depressing Christian parable about the hardships of life on Earth, perked up with a few colorful references to Sardinian folklore. Who in the world would actually want to read something like that?

Fortunately, that's not Deledda. Reeds in the Wind is a subtle, tragi
...more
Emanuele
Sep 08, 2015 Emanuele rated it did not like it  ·  review of another edition
Saranno state al vento, ma di qualcosa Grazia pur sempre si faceva.
Dhanaraj Rajan
"Ma perché questo, Efix, dimmi, tu che hai girato il mondo: è da per tutto così? Perché la sorte ci stronca così, come canne?"

"Sì" egli disse allora "siamo proprio come le canne al vento, donna Ester mia. Ecco perché! Siamo canne, e la sorte è il vento."

"Sì, va bene: ma perché questa sorte?"

"E il vento, perché? Dio solo lo sa."


This can be said as the summary of this book - Destiny decides man's movement. Can he resist? It is difficult and if destiny seems to be all powerful what is the role of G
...more
Laura
Apr 06, 2012 Laura rated it it was amazing  ·  review of another edition
Recommends it for: Chrissie
From BBC Radio 4:
Grazia Deledda's powerful story of love, poverty, honour and retribution set in the rugged landscape of 1900's Sardinia.


I absolutely loved this book in such a way that I'm planning to read the printed version.
Ruth
Mar 24, 2015 Ruth rated it liked it  ·  review of another edition
I didn't get this book at first, but after thinking about it I have come up with a theory.

Sometimes I was a little bored reading because I didn't really identify with any of the characters. Even though their lives were undergoing dramas, somehow their pain and suffering didn't move me much.

After considering, I've decided that the author doesn't care much for her characters either. I read a review by a man fluent in Italian who had read the original novel. He comments that the title is a misrepr
...more
Serena.. Sery-ously?
Sep 22, 2013 Serena.. Sery-ously? rated it really liked it
Sarebbe più tre e mezzo in realtà, ma visti i miei pregiudizi, devo premiarlo :D

Che io non sia esattamente una cosa sola con i classici è cosa ben risaputa.. E' pur vero però che io una chance gliela do sempre :D
Così è stato per "Canne al vento": mi son detta "Diamine, un'autrice italiana del primo novecento che ha PURE vinto il Nobel.. Come si fa a non darle una chance?"
Questo accadeva una cosa come tre/quattro anni fa, poi mi è sempre mancato il coraggio.. Mi aspettavo in tutta onestà il sonn
...more
Veronica
Feb 20, 2016 Veronica rated it it was amazing
Per chi mi segue anche sulla pagina, saprà perfettamente che ho amato questo libro e ho cercato di farmelo durare il più possibile, poche pagine al giorno. Questo romanzo così struggente mi ha coinvolto e appassionato. Essendo questa scrittrice appartenente alla stessa corrente letteraria di Giovanni Verga, ritroviamo lo stesso scenario rurale e di paese, con protagonisti povera gente. A differenza di Verga, la Deledda l'ho trovata più coinvolte e fluente nella narrazione. Continuerò sicuramente ...more
Alexandra Bradan
Oct 28, 2014 Alexandra Bradan rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: classic
L'amore incondizionato di un umile servo per le sue padrone, "un pellegrino, con la piccola bisaccia di lana sulle spalle e un bastone di sanbuco in mano, diretto verso un luogo di penitenza: il mondo", "l'amore, la tristezza, il rimorso e la speranza gli ridono e piangono negli occhi profondi e nella bocca amara...", perchè "lui è come le canne al vento. Lui è la canna e la sorte è il vento."

Come al solito dal delinearsi di una storia semplice, all'apparenza umile e scarna, la Deledda sa appura
...more
Auntie Pam
Mar 28, 2011 Auntie Pam rated it really liked it
Shelves: 2011, lett-italiana
Mi ero riproposta più volte di leggerlo e alla fine mi sono decisa! Bel libro ambientato in Sardegna, dove fede e superstizione si intrecciano e dove esiste ancora una sorta di devozione al padrone. chiunque lo legga si affezionerà alla figura di Efix.
Federica
Aug 19, 2015 Federica rated it it was ok
Finire questo libro è stato un'impresa!
Premettendo che non sono capace di scrivere recensioni negative perché divago troppo, cercherò di schematizzare i miei pensieri:

- La trama.
Non mi ha coinvolta per niente, la narrazione è stata abbastanza blanda a mio parere.

- I personaggi.
Tutti dei poveri falliti. Detesto ogni singolo personaggio, tranne il protagonista, Efix, ma solamente perché grazie a lui si hanno vari spunti di riflessione

- Lo stile di scrittura.
SNERVANTE! Grazia Deledda si sofferma
...more
Roberta
E' sempre emozionante scoprire per la prima volta un testo così famoso, così discusso. E Canne al vento è sicuramente un testo molto particolare: la vena verista dell'autrice si mescola bene con uno stile evocativo: le descrizioni della Deledda ci portano a piè pari in una Sardegna estrema, caratterizzata dai contrasti, da una religione che è più superstizione e soprannaturale che religione vera e propria, in un paesino e, in particolare, nella casa delle tre sorelle Pintor, famiglia ormai in de ...more
Jaclyn Michelle
http://wineandabook.com/2014/01/06/re...

Being the OG lit snob that I am, I first stumbled upon Grazia Deledda while browsing a list of Nobel Prize winners. One of my 2014 reading resolutions is to read more widely, and what better way to discover said writers than by perusing said list. According to the Nobel website, Deledda was awarded the prize in 1926 “for her idealistically inspired writings which with plastic clarity picture the life on her native island and with depth and sympathy deal wi
...more
Christian Engler
Reeds in the Wind is a resounding success, for it is a literary work of art that is suffused with Sardinian folk culture, unwavering faith in Catholicism and vivid lore of the "dark beings who populate the Sardinian night..." Grazia Deledda's novel, set in the harsh, homely, bromidic Sardinian Galte (actually Galtelli) of Baronia, describes the arid, solitary landscape, where the sun continuously emits a slanting, hot coppery ray of light upon the reddened earth, and the melancholy panorama is a ...more
Marco
Aug 27, 2015 Marco rated it it was amazing
Capolavoro assoluto, coinvolgente e travolgente: Dobbiamo accettare di patire per il solo motivo che esistiamo; siamo come canne scosse dal vento: potremo non essere stroncati oggi, ma l'indomani arriverà la fatale ora. Ti apre gli occhi, mostrandoti come la vita sia preziosa nella sua crudeltà. Consigliatissimo a chiunque.
Damiana
Sep 14, 2015 Damiana rated it liked it
Non sono 3 stelle piene, sono 3 stelle MOLTO stiracchiate, diciamo un 3 meno meno meno...
Il libro è senza dubbio ben scritto, personaggi e ambientazione ben delineati. Il vero problema temo di essere io: è la seconda volta che leggo Canne al vento e in entrambi in casi l'ho trovato un po' noioso, a tratti soporifero. Ho trovato inoltre parecchie difficoltà a entrare nel contesto del libro e questo "disagio" mi ha accompagnato per tutto il corso della lettura.
Temo di essere tra le poche (?) sarde
...more
Stefania
"Sì siamo proprio come le canne al vento, donna Ester mia. Ecco perché!Siamo canne, e la sorte è il vento."

Penso che questa spiegazione della metafora del titolo sia l'unica cosa che mi sia piaciuta di questo libro.
Confesso che mi sento un po'in colpa a dare un voto così basso ad un premio Nobel, ma il libro non mi è proprio piaciuto. A parte che non ho ben capito la natura del rapporto tra Giacinto e donna Noemi, ma sicuramente mi sarò distratta nel punto in cui veniva spiegata, non mi sono se
...more
Chiara Tinelli
Apr 15, 2016 Chiara Tinelli rated it liked it
"Siamo canne, e la sorte è il vento"

Canne al vento è ambientato in Sardegna, nella provincia nuorese, e narra la parabola umana di Efix, umile servitore delle sorelle Pintor, la cui vita e le cui gesta sono dedicate interamente alle sue padrone. Efix è un tutt'uno con la natura dell'isola: vive a contatto con la terra e ascolta la voce delle canne in riva al fiume, riconosce l'avvicendarsi delle stagioni e le credenze popolari. Da semplice osservatore delle vicende che accadono in casa Pintor, n
...more
Adriana
Mar 01, 2016 Adriana rated it really liked it  ·  review of another edition
Shelves: ale-mele-citite
Cartea asta e ca o ţărancă bătrână, cu ochi blânzi şi mâini muncite. A cunoscut şi binele, şi răul, şi a trecut prin toate cu înţelepciunea (fatalistă) a omului simplu care priveşte (poate prea des) spre cer pentru sfaturi, răspunsuri sau alinare. Nu prea ştie ea de glumă, dar îţi zâmbeşte din toată inima. Iar dacă îi treci pragul, te va omeni cu tot ce are ea mai bun, chiar dacă asta înseamnă, uneori, doar pâine şi ceapă.

Dragă, dragă carte.
Scott Cox
Sardinian-born Grazia Deledda became the second woman to win the Nobel Prize for Literature in 1926. "Reeds in the Wind" takes place in the rugged Italian-island Sardinia countryside and tells the story of the three remaining Pintor sisters (Noemi, Ruth and Ester) who live on their once prosperous farm. Other characters include the wise, but guilt-ridden farm tenant Efix, and the newly-arrived pleasure-seeking nephew Giacinto. Tragic events of the past are revealed, as ensuing tragedies unfold. ...more
Grace
Aug 07, 2008 Grace rated it it was amazing  ·  review of another edition
Much is revealed about the Sardinian culture and the passion of the Italian people in this story about a man who seeks atonement for a transgression committed in his youth. The author is one of the first women to have one the Nobel Prize for literature.

Antonietta
Un grande classico. L'autrice ebbe il Nobel per questo libro e non fatico a crederlo. Lo stile pulito, semplice, diretto fa scorrere le pagine come acqua sui sassi levigati di un torrente.
Virginia
Nov 01, 2015 Virginia rated it liked it
Siamo proprio canne al vento! Siamo canne e la sorte è il vento.
Andrew
Dec 01, 2007 Andrew rated it really liked it  ·  review of another edition
This is a beautiful book about the fall of an Italian noble family.
Baylee
Mi sembrava piuttosto brutto, da lettrice, non aver letto niente dell'unica donna italiana ad aver vinto il Nobel per la letteratura (1926). Quindi, alla fine, mi sono decisa a prenderlo in biblioteca: neanche io so perché ci ho impiegato così tanto tempo (in realtà lo so... aggiungo indiscriminatamente troppi libri nella lista dei desideri).

Comunque, devo dire che Grazia Deledda si è aggiudicata i miei favori e penso proprio che leggerò qualcos'altro di suo. Devo anche spezzare una lancia a fav
...more
« previous 1 3 4 5 6 7 8 9 54 55 next »
topics  posts  views  last activity   
Goodreads Librari...: Combine two books 3 22 May 02, 2015 07:21PM  
The Armchair Trav...: * Reeds in the Wind - discussion 9 8 Mar 26, 2015 07:35PM  
All About Books: Reeds in the Wind by Grazia Deledda (dely and Dhanaraj) 40 25 Mar 17, 2014 04:00AM  
  • The Silent Duchess
  • A Woman
  • Cuttlefish Bones
  • Fontamara
  • La cognizione del dolore
  • Accabadora
  • Il segreto del Bosco Vecchio
  • Il Giornalino di Gian Burrasca
  • Il bell'Antonio
  • Two Women
  • Conversations in Sicily
  • La ragazza di Bube
  • Il sergente nella neve
  • The Viceroys
  • Christ Stopped at Eboli: The Story of a Year
  • Menzogna e sortilegio
  • La bella estate
  • Il Male oscuro
1709
Awarded the Nobel Prize in Literature in 1926 "for her idealistically inspired writings which with plastic clarity picture the life on her native island and with depth and sympathy deal with human problems in general."

In Deledda's novels there is always a strong connection between places and people, feelings and environment. The environment depicted is that one harsh of native Sardinia, but it is
...more
More about Grazia Deledda...

Share This Book



“Ma perché questo, Efix, dimmi, tu che hai girato il mondo: è da per tutto così? Perché la sorte ci stronca così, come canne?
– Sì, – egli disse allora, – siamo proprio come le canne al vento, donna Ester mia. Ecco perché! Siamo canne, e la sorte è il vento.”
4 likes
“Eccola dunque col pensiero laggiù.
Le par d’essere ancora fanciulla, arrampicata sul belvedere del prete, in una sera di maggio. Una grande luna di rame sorge dal mare, e tutto il mondo pare d’oro e di perla. La fisarmonica riempie coi suoi gridi lamentosi il cortile illuminato da un fuoco d’alaterni il cui chiarore rossastro fa spiccare sul grigio del muro la figura svelta e bruna del suonatore, i visi violacei delle donne e dei ragazzi che ballano il ballo sardo. Le ombre si muovono fantastiche sull’erba calpestata e sui muri della chiesa; brillano i bottoni d’oro, i galloni argentei dei costumi, i tasti della fisarmonica: il resto si perde nella penombra perlacea della notte lunare. Noemi ricordava di non aver mai preso parte diretta alla festa, mentre le sorelle maggiori ridevano e si divertivano, e Lia accovacciata come una lepre in un angolo erboso del cortile forse fin da quel tempo meditava la fuga.
La festa durava nove giorni di cui gli ultimi tre diventavano un ballo tondo continuo accompagnato da suoni e canti: Noemi stava sempre sul belvedere, tra gli avanzi del banchetto; intorno a lei scintillavano le bottiglie vuote, i piatti rotti, qualche mela d’un verde ghiacciato, un vassoio e un cucchiaino dimenticati; anche le stelle oscillavano sopra il cortile come scosse dal ritmo della danza. No, ella non ballava, non rideva, ma le bastava veder la gente a divertirsi perché sperava di poter anche lei prender parte alla festa della vita.
Ma gli anni eran passati e la festa della vita s’era svolta lontana dal paesetto, e per poterne prender parte sua sorella Lia era fuggita di casa…
Lei, Noemi, era rimasta sul balcone cadente della vecchia dimora come un tempo sul belvedere del prete.”
2 likes
More quotes…