Marco Strazzi's Blog

November 7, 2016

Watch Ads 1950-1959 is my new release and the first of two volumes featuring a vast selection of images that take the reader throughout a century of communication relating to the watchmaking industry - an unusual look into the evolution of design, style and the public's tastes. Additional contents include an overview of wristwatch development, excerpts from brochures, catalogs, certificates, user manuals, and the lists of Swiss trademarks and manufacturers as of 1958. Part 2 will be released in 2017.

Click here to learn more: http://marcostrazzi.blogspot.ch/p/com...

Watch Ads 1950-1959 è la mia novità editoriale e il primo di due volumi dedicati a un'ampia rassegna di immagini che guidano il lettore attraverso un secolo di comunicazione legata all'industria orologiera: una testimonianza insolita sull'evoluzione del design, dello stile e dei gusti del pubblico. Il libro comprende anche una panoramica dell'evoluzione dell'orologio da polso, pagine tratte da opuscoli, cataloghi, certificati, manuali d'istruzioni, e le liste delle marche e dei fabbricanti svizzeri aggiornate al 1958. La Parte 2 uscirà nel 2017.

Clicca qui per saperne di più: http://marcostrazzi.blogspot.ch/p/com...
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on November 07, 2016 03:44 • 12 views • Tags: communication, design, history, new-release, watchmaking, wristwatches

May 18, 2016

100 MILESTONES OF 20TH CENTURY WATCHMAKING - English and Italian text
The Museum Collection is my new historical book about watchmaking. A voyage through time(keepers), an entrance ticket to an exhibition, a source of advice and inspiration for watch lovers seeking to build up the perfect collection. What is the "perfect" collection? In my opinion, it is the one featuring the most significant wristwatches of the 20th Century from a technical as well as style viewpoint.
This work has nothing to do with the usual auction catalogues dealing almost exclusively with the best-known brands and their most expensive products. The Museum Collection takes into account a large number of timepieces by lesser-known manufacturers, along with the obvious "must haves". Several featured objects are within the reach of the average collector, who can buy Four-Star pieces - whose impact was very high, to put it as the book's descriptions do - for less than 1,000 Euros/Dollars.
The Museum Collection addresses itself to mature watch lovers who can appreciate the attractiveness of timepieces irrespective of trends, fashions and estimates, but not to them only. Its ambition is also to provide useful tips to those who approach the world of vintage watches for the first time, mostly after one or more experiences with modern products.
Welcome to a unique journey into watch collecting.
Page count: 364, full color. Binding Type: US Trade Paper. Trim Size: 8.5" x 11".
Languages: English and Italian.
Price: $ 99.

100 PIETRE MILIARI DELL'OROLOGERIA DEL NOVECENTO - Testi in italiano e in inglese
The Museum Collection è il mio nuovo libro storico sull'orologeria. Un viaggio attraverso gli strumenti per la misura del tempo, il biglietto d'ingresso di una mostra, una fonte d'ispirazione per gli appassionati desiderosi di costruire la collezione perfetta. Cos'è la "collezione perfetta"? Secondo me, è quella che comprende i cento orologi da polso più rilevanti del Ventesimo Secolo sotto il profilo tecnico ed estetico.
The Museum Collection non ha nulla a che vedere con i cataloghi delle aste dedicate agli orologi d'epoca, che riservano l'ottanta per cento dello spazio alle quattro o cinque Case più celebrate e meno abbordabili in termini di prezzo. Accanto alle superstar note a tutti, il lettore troverà prodotti di marche meno conosciute. Molti degli oggetti presentati da questo libro sono alla portata del collezionista medio, che con meno di 1.000 euro può accedere a pezzi da Quattro Stelle, in altre parole di impatto storico "molto alto" secondo la definizione usata nelle schede descrittive.
The Museum Collection si rivolge agli appassionati maturi che sanno apprezzare il valore degli orologi al di là delle mode e delle stime, ma non solo a loro. La sua ambizione è anche di fornire indicazioni utili a chi si avvicina per la prima volta al mondo del vintage, spesso dopo aver frequentato la produzione contemporanea.
Benvenuti in un viaggio unico nel collezionismo di orologi.
Pagine: 364 a colori. Rilegatura: brossura. Dimensioni: cm 21,59 x 27,94. Lingue: italiano e inglese.
Prezzo: $ 99.
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on May 18, 2016 02:13 • 15 views • Tags: 20th-century, collecting, watchmaking

January 30, 2016

The first two pages of The Museum Collection are ready! Only about 370 pages to go ...
http://marcostrazzi.blogspot.ch/2016/...
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on January 30, 2016 05:21 • 15 views
I recently gave a talk about watches to a passionate and knowing audience, in a unique venue. The meeting was set up by the Hora association in Milan.
In the afternoon we visited a private collection that resembles a museum. Better than that, actually. In Museums you are not usually allowed to try on objects like the one you see by following this link: http://marcostrazzi.blogspot.ch/2016/....
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on January 30, 2016 05:18 • 8 views

July 5, 2015

As announced in my latest post, The Museum Collection is on its way. My list of the 100 "must-haves" being now ready, I would like to share a preview with you. Please take a look at my blog every now and then because I shall be posting a picture and some details of a few pieces during the next weeks. You will then get a more accurate idea of what The Museum Collection will be and hopefully find it interesting. As for an example of the the full informations I will include in the book, please go to http://marcostrazzi.blogspot.ch/p/mus... and scroll down to the bottom of the page. The stars (1 to 5) are used for classification purposes in connection with the impact that each of the 100 featured pieces had on the general development of the wristwatch.

The Number 1 on the chronological list is a timepiece dating back to the late 1900s: http://marcostrazzi.blogspot.ch/2015/...

In this and a few other cases of anonymous watches, it is meant to suggest a style or type that the prospective collector should look for, rather than a precise indication. However, the condition report and price estimate refer exactly to the illustrated example.
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on July 05, 2015 10:12 • 15 views • Tags: wristwatch-collection-must-have

June 25, 2015

The Museum Collection

ENGLISH
A new historical book about wristwatches is on its way. I am writing it in English for those who cannot read Lancette & C. because of the language (Italian). However, I shall make the Italian texts available for the buyers of the original version.
As its provisional title shows, The Museum Collection is a completely new concept rather than the English translation of Lancette & C. It aims to be a voyage through time(keepers), an entrance ticket to an exhibition, a source of advice and inspiration for the watch lovers seeking to build up the perfect collection. What is the "perfect" collection? Put is simply, it is the one featuring the most significant wristwatches of the 20th century from a technical as well as an esthetic viewpoint. The main difference from conventional books on wristwatches being that a large number of timepieces by lesser-known brands are taken into account along with the obvious "must haves".
The book will not be on sale before 2016, but I shall keep you posted about my progress.

ITALIANO
Sta per arrivare un nuovo libro storico sugli orologi da polso. Lo sto scrivendo in inglese per coloro che non possono leggere Lancette & C a causa della lingua. Metterò comunque a disposizione il testo italiano per quanti acquisteranno il volume.
Come suggerisce il titolo provvisorio, The Museum Collection è un'opera radicalmente nuova e non la versione inglese di Lancette & C. Il suo scopo è offrire al lettore un viaggio attraverso gli strumenti per la misura del tempo, il biglietto d'ingresso di una mostra, una fonte di consigli e di ispirazione per gli appassionati desiderosi di costruire la collezione perfetta. Cos'è la "collezione perfetta"? In parole povere, è quella che comprende gli orologi da polso più significativi del Ventesimo Secolo sotto il profilo tecnico ed estetico. La differenza principale rispetto ad altri libri sugli orologi da polso è che prenderò in considerazione numerosi prodotti di marche meno conosciute accanto alle superstar note a tutti.
Il libro non sarà in vendita prima del 2016, ma vi terrò aggiornati sull'avanzamento dei lavori.
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on June 25, 2015 08:42 • 20 views

February 9, 2015

Uno delle esperienze più sgradevoli che possano capitare a un lettore è rendersi conto di aver acquistato un libro illeggibile. Non illeggibile in assoluto, intendo. Illeggibile per chi lo ha comprato, convinto dalle recensioni favorevoli, dal consenso dei lettori, dal numero delle citazioni nei club virtuali di lettura, dalla fama dell'autore. Tutti argomenti validi, in teoria. Poi si comincia a leggere e, per un po', la suggestione esercitata dalla reputazione fa effetto. Anche perché è difficile ammettere di aver buttato via dei soldi. Presto o tardi, però, il ritmo cala e, se siamo distesi sul letto a tarda ora, le palpebre si appesantiscono, la tentazione di allungare la mano verso l'interruttore della luce diventa irresistibile. Allora proviamo a stringere i denti, incoraggiati dalla convinzione che ci sarà un motivo se il romanzo piace a tanti. Ma i giorni e le notti passano, il clic dell'interruttore risuona sempre più presto. Fino alla resa, triste e inevitabile come la constatazione che tra noi e quel libro c'è l'incompatibilità spesso invocata nelle cause di divorzio.
A me è capitato una decina di volte negli ultimi cinque anni. Romanzi cominciati, abbandonati, ripresi nella speranza di vederli sotto una luce diversa, abbandonati di nuovo. Dieci volte non sono tante, ma nemmeno pochissime. Quindi ho trovato logico chiedermi cosa fa scattare il rifiuto. C'è un denominatore comune strettamente personale? Forse sì. Mi risultano indigesti i libri in cui ho l'impressione che lo stile prevalga sulla storia. Che l'autore conti più dei personaggi. Che le sue riflessioni e la sua visione del mondo irrompano sulle pagine con una frequenza superiore alla pubblicità nelle Tv commerciali, e altrettanto molesta.
Scrivere un buon romanzo, secondo me, è raccontare bene una storia interessante, originale, emozionante, credibile nel senso che risponde a una logica interna. E "raccontare bene" significa scrivere semplice, veloce, chiaro, senza divagare.
Sotto questo profilo, le letture recenti che ho amato di più mi sembrano esemplari. Pur lontani l'uno dall'altro per argomento, ambientazione storica, tono e tecnica narrativa, "The Help" di Kathryn Stockett e "The Guernsey Literary and Potato Peel Pie Society" di Mary Ann Shaffer e Annie Barrows mi hanno regalato emozioni di intensità uguale e ritardato diverse volte l'appuntamento con l'interruttore della luce. Merito di vicende e personaggi così ben concepiti da spingere in secondo piano il talento non comune delle autrici.
E le letture incompiute? Ce n'è una che mi imbarazza più di altre. Ci tenevo a leggere "The book thief" di Markus Zusak, best-seller internazionale premiato dalla critica e dai lettori di goodreads con giudizi entusiastici. Ci ho provato due volte, senza successo. Le ragioni sono quelle citate sopra. Però devo ammettere che mi sento a disagio, in crisi d'identità. Mosca bianca? Lettore rozzo, superficiale, insensibile alle finezze stilistiche? Non lo so. Temo che dovrò accontentarmi del film, nella speranza che la sceneggiatura sia aderente alla trama originale come quella tratta da "The Help".
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on February 09, 2015 02:26 • 64 views

June 25, 2013

Dicono i maghi del marketing, quelli che pensano prima a come vendere un libro e poi a pubblicarlo, che il prezzo ha un peso decisivo nell'acquisto. Esattamente come accade per i detersivi, le automobili, le fotocopiatrici e il prosciutto. Teoria che diventa un assioma nel caso dei romanzi di scrittori emergenti (leggi sconosciuti) e degli eBook, pianeta quasi inesplorato dal pubblico italiano. Lungi da me l'ambizione di dimostrare che non è vero o di mettere in dubbio le inclinazioni della maggioranza dei lettori. Però esistono anche le minoranze e, visto che la democrazia garantisce loro il diritto di esprimersi, ne approfitto per autonominarmi portaparola di una categoria: quella dei lettori che se ne fregano del prezzo. Entro certi limiti, ovvio. Di questi tempi più che in passato, purtroppo, capita che qualcuno esiti a spendere cinque euro per un libro.
Ma è davvero certo che TUTTI i potenziali lettori siano disposti a comprare qualunque libro per un euro? Nella migliore delle ipotesi - o peggiore, dipende dai punti di vista - tutti meno uno, cioè il sottoscritto. Premesso che tendo a leggere ciò che mi interessa - come chiunque altro, credo - non ho mai acquistato un libro perché costa poco. Ho comprato - e letto fino in fondo, pare scontato ma è meglio specificarlo - tutti i libri di cui trovate le recensioni in questo blog perché mi attirava il contenuto, senza cercare le etichette con la percentuale di sconto. Cosa che faccio al supermercato, non nelle librerie virtuali. Altri li ho comprati e abbandonati perché non mi piacevano.
Appunto, dirà qualcuno: come la mettiamo quando non conosci l'autore? Compri a scatola chiusa? Sì, se sei un utente alle prime armi o semplicemente distratto come nel mio caso. No, se conosci lo strumento anteprima, che permette di leggere una (grossa) fetta iniziale del libro, quanto basta per capire se vale la pena di acquistare o, più prosaicamente, se l'autore sa comporre frasi di lunghezza superiore alle cinque parole. Da quando lo uso, non sbaglio un colpo e mi tolgo la soddisfazione di trovare una conferma alla teoria - condivisa da altri, forse - che un euro speso per un brutto libro sono soldi e soprattutto tempo buttati, dieci euro per uno bello sembrano pochi.
L'eBook che sto leggendo, per esempio, l'ho pagato dieci volte più della media. Confesso che ho esitato prima di procedere, poi mi sono deciso perché il tema mi interessa e ho avuto l'opportunità di incontrare l'autore. Non mi sono sbagliato nemmeno questa volta. Sto diventando infallibile come il Papa e gli esperti di marketing.
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on June 25, 2013 05:49 • 92 views • Tags: autori, ebook, libri, prezzo

April 30, 2013

Credo di avere i titoli per parlare di traduzioni perché conosco l'attività sia dal punto di vista del produttore che del consumatore. Nel primo caso mi occupo quasi esclusivamente di orologeria, settore che richiede l'uso di una terminologia specializzata, per lo più assente dai dizionari. Più recentemente sono diventato anche consumatore perché ho deciso di pubblicare la versione in inglese del mio romanzo L'Orologio con le Ali, progetto che sta decollando dopo una partenza falsa e un paio di mesi perduti. Trovo che la mia esperienza è istruttiva e, forse, utile anche per chi frequenta questo blog, soprattutto se appartiene alla categoria degli autori indipendenti con ambizioni internazionali.
Il mondo della traduzione è caratterizzato da compensi spesso inadeguati, che a loro volta si devono a luoghi comuni senza fondamento. Esempio: tradurre è facile, basta conoscere un paio di lingue e il gioco è fatto, anche perché ormai fanno tutto i programmi di traduzione. Difficile concentrare tante sciocchezze in una frase sola.
Ecco il mio mini-prontuario, tratto dall'esperienza diretta, per chi cerca un traduttore letterario serio ed è disposto a pagarlo per ciò che vale.
1. Il professionista serio non accetterà mandati di traduzione letteraria in una lingua diversa dalla sua lingua madre per la semplice ragione che esprimersi con la stessa naturalezza in più di una lingua è quasi impossibile. Mi hanno presentato molti "perfetti bilingui", ma nessuno lo era davvero.
2. Il professionista serio non usa programmi di traduzione (i famosi/famigerati strumenti CAT) per un testo letterario. Dopo l'esperienza negativa con l'agenzia che avevo incaricato inizialmente di tradurre il mio romanzo, ho pubblicato un'inserzione precisando che non avrei preso in considerazione le candidature di chi la pensa diversamente da me su questo tema. Risultato: le risposte sono state solo dieci, ma non ho perso tempo esaminando candidati improbabili e alla fine ho potuto scegliere fra due traduttori validi.
3. Il professionista serio non ha prezzi stracciati. Se un servizio costa poco, significa che quasi sempre vale poco, spesso pochissimo, a volte nulla. E a risentirne è la reputazione del committente convinto di aver fatto un buon affare.
È chiaro che, se il committente conosce a sua volta la lingua di destinazione (ma non abbastanza per occuparsi lui stesso della traduzione, vedi punto 1), parte avvantaggiato perché gli basta un test di venti righe per valutare le competenze dell'interlocutore. Se invece ha una conoscenza limitata o nulla della lingua, l'unica strada che ha per evitare guai è rivolgersi a un parente/amico/conoscente in grado di giudicare il test. Se è vero che viviamo in un mondo globalizzato, dove quasi tutti viaggiano e fanno conoscenze all'estero, non dovrebbe essere Mission Impossible, per dirlo in "inglisc".
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on April 30, 2013 10:06 • 71 views

April 15, 2013

Frequento da qualche tempo il mondo degli scrittori indipendenti, cioè gli autopubblicati che utilizzano gli strumenti messi a disposizione da internet (KDP, smashwords, ecc.) per accedere - o tentare di farlo - a un pubblico di lettori irraggiungibile per chi non ha la distribuzione garantita da una casa editrice. Ho letto diversi lavori e alcuni li ho recensiti sul mio blog personale (http://marcostrazzi.blogspot.ch/), dunque posso dire di essermi fatto un'idea della produzione indie nel suo complesso.
Premesso che in questo settore, come in qualunque altro, sarebbe scorretto generalizzare, è possibile individuare alcune caratteristiche comuni. Le positive sono una certa ricchezza di idee, come ho fatto notare nelle recensioni. Le negative riguardano l'auto-editing. Lo scrittore indie deve arrangiarsi da solo perché non può contare su una revisione professionale, ma troppo spesso non lo fa e la conseguenza è che il prodotto ha una qualità di tipo amatoriale.
Vorrei soffermarmi su questo aspetto perché capita di leggere affermazioni (di parte) secondo cui la produzione indipendente non ha nulla da invidiare a quella degli editori veri. Dissento fermamente perché anche questa è una generalizzazione: non si può mettere sullo stesso piano chi esercita la scrittura come un hobby, scrivendo (letteralmente) come parla, e chi tenta di farne un lavoro vero, in cui - come si suol dire - l'1% è ispirazione e il 99% traspirazione, cioè fatica, impegno, tempo. Pensare (e scrivere) che non esiste differenza tra le due categorie sarebbe fare un torto all'intelligenza del lettore: peccato imperdonabile, evidentemente, per uno scrittore o aspirante tale.
Nei libri che ho commentato, le idee mi sembrano migliori della loro realizzazione, ma trovo che la forma rispetta uno standard minimo di qualità. Su altri due lavori indie, invece, non scriverò commenti né citerò gli autori perché desidero potermi esprimere liberamente senza offendere nessuno. Nel primo caso, mi sono fermato dopo cinque pagine perché le scelte lessicali sconfinano nell'umorismo involontario (in un'opera che non ha un tema umoristico). Nel secondo, sono arrivato fino alla fine perché la storia mi piaceva, ma ho avuto l'impressione di leggere un lungo componimento di terza media, non un romanzo breve.
Insomma, ciascuno ha il diritto (costituzionalmente garantito) di scrivere e leggere ciò che gli garba, ma non di farsi prendere sul serio quando afferma che un autore di successo è uguale al Pinco Pallino che scrive "pò" con l'accento. E l'argomentazione che in fondo i libri "indie" costano poco è inconsistente: il tempo richiesto al lettore vale più dei soldi spesi per l'acquisto, che si tratti di 1 o 10 euro.
Per crescere, secondo me, l'autore "indie" italiano deve lavorare di più, senza piangersi addosso né chiedersi perché gli editori cattivi trascurano i suoi capolavori e preferiscono puntare su Grisham (sotto, la copertina di uno dei suoi bestseller).
 •  0 comments  •  flag
Twitter icon
Published on April 15, 2013 04:54 • 67 views • Tags: autopubblicazione, editing, indipendenti, scrittori